Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

il manifesto del 12.05.2018 e i primi articoli online

Oggi ultimo giro di valzer sul programma di governo, ben annacquato dai «pompieri» Salvini e Di Maio. In agitazione la base grillina, nebbia sul premier. Un tecnico sarebbe un boomerang, e così il leader 5Stelle prova a rimettersi in pista. Ma dopo la Lega anche Meloni dice no

Politica

Governo gialloverde, cercasi premier disperatamente

Andrea Colombo

Di Maio ci riprova per palazzo Chigi poi torna indietro. Meloni: «Mi ha chiesto l’ok a un governo a guida 5S in cambio di ministri». Il Colle concede 24 ore in più. Ma si aspetta un’intesa blindata e un nome. Solo dopo si parlerà di ministri

La caccia al premier impossibile

Andrea Fabozzi

Un politico non troppo riconoscibile, che sia anche tecnico ma non troppo. Salvini e Di Maio litigano sulla figura del presidente del Consiglio “terzo” ma giurano che non ne stanno parlando. Spiegano che gli consegneranno il “contratto”, una volta che lo avranno firmato

Big bang a sinistra? Impossibile, il Pd è sempre lo stesso

Daniela Preziosi

“Liberi e Uguali deve organizzare un’assemblea aperta, non ci si può rilanciare nel chiuso di un dibattito congressuale. Ora con il partito democratico ci ritroveremo all’opposizione, ma se pensano di difendere l’establishment lo faranno senza di noi”

Italia

Cent’anni dopo a Trento la guerra non è finita

Piergiorgio Pescali

In tutto il Tirolo l’adunata dei 600 mila alpini fa riaffiorare le divisioni italiani-tedeschi nate con il primo conflitto mondiale. Anche la componente ladina e molti italiani protestano per la scelta del Tirolo

L’Iraq del post-Isis affida alle urne il sogno dell’unità

Chiara Cruciati

Oggi il paese va al voto per le prime parlamentari dopo l’invasione dello Stato Islamico. La strana alleanza comunisti-sadristi, la lista mista del premier al-Abadi: obiettivo dichiarato un futuro non settario. Ma restano corruzione e appartenenze etniche e confessionali

Si accende a Teheran la rabbia contro Usa e Israele

Michele Giorgio

‎«Non possiamo fidarci neanche degli europei‎» dice l’ayatollah ultraconservatore Ahmad Khatami a sostegno delle proteste per l’uscita degli Usa dall’accordo sul nucleare e per i raid israeliani. Rohani rischia di esserne travolto. Israele intanto canta vittoria

Burg: «Europa assente e Casa bianca folle: Israele ha mano libera»

Chiara Cruciati

Intervista a Avraham Burg, politico e scrittore israeliano, ex presidente della Knesset: «La società israeliana si è radicalizzata perché, come nel resto del mondo, il welfare è stato demolito dalla filosofia neoliberista e la solidarietà sociale da politiche identitarie»

Cultura

Non perdiamo di vista l’animale che è in noi

Guido Caldiron

Intervista allo scrittore e sceneggiatore messicano Guillermo Arriaga, autore del romanzo «Il selvaggio». «Non tutto è addomesticabile. Siamo frutto di un paradosso che mette la crudeltà accanto alla bellezza, l’aggressività insieme alla tenerezza, la morte vicino alla vita»

Gramsci, lo strumento dell’egemonia

Lelio La Porta

«Gramsci per la scuola», di Giuseppe Benedetti e Donatella Coccoli. Oggi alle 14.30 presso lo Spazio Autori con Marco Revelli che ha prefato il volume

L’archiviazione personale del dolore

Niccolò Nisivoccia

«L’estate del ’78», di Roberto Alajmo per Sellerio. Oggi alle 16.30 al Caffè Letterario con Salvatore Silvano Nigro e Nadia Terranova

Buñuel, nel subconscio della musica

Luca Pakarov

Parla Eugene S. Robinson, leader della band losangelina stasera impegnata nell’ultimo concerto del tour italiano a Molfetta. Il gruppo ha pubblicato un nuovo album, «The Easy Way Out»

Passione a fuoco lento per una storia impossibile

Giulia D’Agnolo Vallan

In concorso il nuovo film di Christophe Honoré «Plaire, aimer et courir vite», l’incontro tra uno scrittore e uno studente sullo sfondo dell’epidemia di Aids nei ’90

Love story sullo sfondo della guerra fredda

Cristina Piccino

In concorso «Cold War» di Pawel Pawlikowski, ambientato nella Polonia del socialismo reale. Troppi elementi, melò, tragedia e spiritualità per una regia diligente ma piatta

L’Ultima

Il Brasile preda di golpisti e militari

Francesco Bilotta

Dopo il «golpe soave» contro Dilma, Temer ha riportato l’esercito al centro della scena politica. A sinistra ora le e speranze sono riposte in Marina Silva, ambientalista e già ministra con Lula

Viaggio nel pianeta Harlem

Eleonora Dragotto

Michael Henry Adams e l’artista Paul Deo raccontano la trasformazione del quartiere

Un diario sulla pelle

Manuela De Leonardis

«Radical women: Latin American Art, 1960-1985», al Brooklyn Museum di New York, fino al 22 luglio. Le artiste alle prese con il corpo virato in osggetto politico

Città in vendita

Alessandro Barile

Álvaro Ardura e Daniel Sorando nella loro ricerca studiano la trasformazione dei quartieri e lo spostamento progressivo dal centro alla periferia e viceversa

Gioli l’etrusco

Gianluca Pulsoni

Una nota su Etruschi Polaroid 1984, Humboldt Books

Prigionieri degli spiriti

Rodolfo Casadei

Un libro raccoglie la testimonianza dell’opera a favore dei malati di mente africani di Grégoire Ahongbonon (che sarà ospite al Salone del libro). Ne pubblichiamo un estratto.

Identità di genere

Cecilia Ermini

Intervista a Anahita Ghazvinizadeh regista iraniana di “They” in programma al festival e il 15 maggio nelle sale

Sorgente: il manifesto del 12.05.2018 | il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.