Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Gaza: 16 MARTIRI, 200 feriti. 

 

 

 

La giornata lungo la STRISCIA DI GAZA è iniziata così:

BRUCIANDO I VILLAGGI simboleggiati dalle tende degli accampamenti. Stamattina all’alba Israele ha mandato i suoi “aquiloni”.

Ma non erano innocui né ironici.

Erano piccoli aerei con i quali ha BRUCIATO LE TENDE DI ALCUNE FAMIGLIE della marcia. Sei feriti per cominciare.

Ed era più o meno l’alba. NON LASCIAMOLI SOLI. Ora non c’è tempo per scrivere un articolo, ma facciamogli sentire che ci siamo, che siamo loro vicini a prescindere dalla distanza.

Al momento si contano 16 MARTIRI, ricordate: martiri e non semplicemente vittime, e oltre 200 feriti. Sappiamo che purtroppo cresceranno ma la nmarcia NON tornerà indietro.

Un gruppo di giovani sta tagliando la rete. Vogliono dimostrare che la libertà è un bene supremo e la gabbia in cui vivono da 11 anni deve essere rotta.Ora ci sono davvero gli scontri e sono molto duri. Da una parte la resistenza, dall’altra l’occupazione. Da una parte il desiderio di libertà, dall’altra la forza delle armi. Arriverà il giorno in cui i libri di storia riporteranno queste giornate a tutta gloria di chi sta resistendo. Per ora al posto dei libri di storia abbiamo solo fogli di giornalisti più o meno enbedded a parte pochissime e nobilissime eccezioni. Seguoino foto di questa mattina. I martiri accertati finora vanno dai 14 ai 29 anni. Onore a ognuno di loro

Sorgente: Facebook

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.