Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Firenze: Ancora scioperi,ancora precari – Potere al Popolo – Firenze

Ancora sciopero, oggi 8 maggio, dei lavoratori degli#Aereoporti di #Pisa e #Firenze. Sono ormai mesi che i lavoratori, supportati dalle organizzazioni sindacali, sono in agitazione. Il motivo è che Toscana Aereoporti s.p.a., l’azienda che ha in concessione i due aereoporti toscani che le rendono fatturati di milioni di utili, ha deciso di appaltare parte dei servizi di terra. Questo vuol dire che più di 600 lavoratori, tra Pisa e Firenze, passeranno da lavorare per Toscana aereoporti, ad aziende o cooperative in appalto, diventando – di fatto – precari.

Ai tavoli aperti con le organizzazioni sindacali, l’azienda non ha voluto garantire la parità di retribuzione salariale: questo significa che oltre 600 lavoratori, per mantenere il proprio posto di lavoro, dovranno cedere ad un ricatto aziendale e peggiorare le proprie condizioni lavorative.

Un’azienda in crisi? No davvero: un’azienda che, come siamo ormai abituati a vedere sempre più spesso, antepone la logica del profitto a quella del benessere e della dignità dei propri lavoratori: proprio come accade in #Dada, l’azienda fiorentina che vuole licenziare 30 dipendenti solo per implemetare il proprio – già ricco – fatturato.

Un’azienda, Toscana Aereoporti, che – peraltro – da anni lotta con comitati e movimenti che si oppongono all’ampliamento dell’aereoporto fiorentino. Uno dei motivi a favore della pista è sempre stato quello della possibilità di ampliamento dell’offerta lavorativa. Oggi che l’ampliamento dell’aereoporto si sta trasformando in realtà, però, Toscana Aereoporti svende più di 600 lavoratori al miglior offerente. A dimostrazione che la speculazione, edilizia e ambientale, ricade solo sulle spalle di chi per vivere, la mattina deve alzarsi e andare a lavorare, possibilmente lasciano nel casseto la propria dignità.

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.