Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Confessa il padre di Sana: «L’ho strangolata»

L’edizione di Milano del Corriere della Sera con le ultime notizie di cronaca, sport, politica e una agenda con eventi, concerti, ristoranti e locali.

Confessa il padre di Sana: «L’ho strangolata». La conferma dall’autopsia: collo spezzato
Nella notte la svolta, al delitto ha partecipato anche il fratello della 25enne italo-pachistana. La ragazza è stata uccisa il giorno prima del viaggio di ritorno in Italia, per aver rifiutato un matrimonio combinato
di Cesare Giuzzi

Il padre di Sana Cheema, in arresto da tre settimane, ha confessato di aver ucciso la figlia, scomparsa da Brescia e morta in Pakistan lo scorso 18 aprile. Lo hanno riferito media pachistani. L’uomo, cittadino italiano come la figlia, si sarebbe fatto aiutare da uno dei figli maschi per stringere al collo la ragazza fino a romperle l’osso del collo, come evidenziato dall’autopsia eseguita sul corpo della giovane. La 25enne, cresciuta a Brescia, sarebbe stata uccisa per aver rifiutato un matrimonio combinato. A confermare l’omicidio è arrivata anche l’agenzia di Scienze forensi del Punjab. Un documento timbrato e protocollato che riporta l’esito dell’autopsia sul corpo della 25enne. L’esito dell’esame sui campioni prelevati dopo l’esumazione del corpo lascia pochi dubbi: ioide fratturato, ossia lesione all’osso del collo. Confermata dunque l’ipotesi degli investigatori pachistani che lo scorso 24 aprile avevano arrestato il padre 55enne Mustafa Ghulam, lo zio Mazhar Iqbal e il fratello 30enne Adnan con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere. Ora rischiano la pena di morte o l’ergastolo, come ha spiegato l’ispettore della polizia pachistana Furqan Shahzad, visto che si tratta di un «delitto d’onore».

La svolta era arrivata dopo la tenace denuncia degli amici di Sana che, attraverso il Giornale di Brescia, avevano chiesto alle autorità italiane di indagare sulla morte della ragazza. Poi il 25 aprile la polizia pachistana aveva deciso di riesumare il corpo di Sana che era stata sepolta Kot Fath, vicino a Mangowal, il paese dove vive la sua famiglia e dove la ragazza era tornata da Brescia a fine gennaio. Decisivo era stato anche l’interessamento della Farnesina e dell’ambasciata italiana che avevano seguito la vicenda dopo che il caso era esploso sulla stampa italiana e internazionale.

Secondo la ricostruzione delle autorità del Punjab, Sana è stata uccisa per ritorsione dalla famiglia, il 18 di aprile, il giorno prima del viaggio di ritorno in Italia dove la giovane lavorava in una scuola guida per stranieri. Sembra che il padre volesse darla in sposa a un ragazzo del villaggio. Sana però aveva una relazione da diverso tempo con un ragazzo pachistano che vive e lavora a Brescia. Un rapporto «troppo libero» secondo la famiglia. Tanto che in più occasioni il padre aveva proposto alla figlia altri pretendenti: «Gli mostrava le foto di giovani di Mangowal, ma lei non voleva sposarsi con ragazzi in Pakistan», raccontano gli amici.

Per questo dopo una riunione di famiglia, il padre, il figlio e lo zio avrebbero ordito l’omicidio per non permettere che la giovane rientrasse in Italia. Il corpo era stato sepolto in tutta fretta dopo il decesso e i familiari avevano detto che Sana era stata uccisa da un malore, mostrando un certificato di morte contraffatto ma anche il referto di un centro medico che la aveva visitata pochi giorni prima. Subito dopo la morte qualcuno aveva cancellato i profili social della giovane con i quali comunicava con gli amici italiani.

Sorgente: Corriere della Sera

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.