Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

 CASA, UNIONE INQUILINI: GROTTESCA COMMISSIONE SU CONTRIBUTO EMERGENZA

OMR0032 3 POL CRO TXT Omniroma-CASA, UNIONE INQUILINI: GROTTESCA COMMISSIONE SU CONTRIBUTO EMERGENZA (OMNIROMA) Roma, 11 MAG – “La commissione congiunta Patrimonio e Politiche sociali di oggi” sul provvedimento a cui sta lavorando il Campidoglio per l’erogazione del sostegno socio-economico finalizzato al superamento delle emergenze abitative di Roma Capitale “avrebbe dovuto discutere di come emendare una proposta positiva ma ancora imperfetta. Si è preferito invece discutere per tre ore di osservazioni tecniche degli uffici sociali che non hanno alcuna importanza reale. La riunione presieduta dalla consigliera 5 stelle Vivarelli ha voluto approvare inoltre un modus operandi che ritengo ai limiti del grottesco. Si è infatti approvato a maggioranza il testo così com’è, per poi ridiscutere in un secondo momento le proposte di modifica, anziché procedere, come logica vorrebbe, prima alla discussione del testo e poi alla sua approvazione. Esco dalla riunione con la percezione che si sia trattato della classica occasione persa. Peccato, poteva essere il fiore all’occhiello dei 5 stelle e invece ho assistito a uno spettacolo di avvilente inconcludenza. Speriamo bene per il terzo ed ultimo atto, in cui si dovrebbero discutere le nostre proposte di modifica”. Lo dichiara Fabrizio Ragucci segretario romano Unione INQUILINI. In linea generale rispetto alla proposta di delibera “il provvedimento è positivo – aggiunge Ragucci -, ma andrebbero apportate alcune modifiche fondamentali. La più importante è senz’altro sulla durata: è impensabile convincere un proprietario privato ad affittare la sua casa a una persona, che per giunta viene da documentabili situazioni di disagio abitativo, che può garantire tramite il comune il pagamento dell’affitto per soli 3 anni. Se il contratto ha una decorrenza minima di tre anni più due di rinnovo automatico, significa che alla scadenza del primo triennio va garantita una proroga dell’erogazione. In questo caso, l’esperienza fallimentare del buono casa poteva essere un’utilissima lezione. Oggi ho dovuto constatare l’assenza proprio del dipartimento politiche abitative, che non ha preso parte alla discussione benché invitato”. xcol8 111336 MAG 18 NNNN

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense