Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

La Siria irrompe sulle consultazioni al Colle Di Maio accelera il confronto con Pd e Lega – Il Sole 24 ORE

La Siria irrompe sulle consultazioni al Colle Di Maio accelera il confronto con Pd e Lega
–di Lina Palmerini 12 aprile 2018

Già al primo giro di consultazioni della scorsa settimana Sergio Mattarella si era molto soffermato con i partiti sulla collocazione internazionale, sulla politica estera, sulla visione dei rapporti con l’Europa ritenendo che questo sia un punto fondamentale per la formazione di alleanze di Governo. Non si tratta insomma di un punto del programma suscettibile di negoziato o compromessi come sulla flat tax o la revisione della Fornero o anche il reddito di cittadinanza, ma di un vero e proprio spartiacque che schiera le forze politiche da una parte o dall’altra in modo molto chiaro. E che ha ripercussioni importanti per il Paese. È quindi verosimile che tanto più in questo secondo giro di colloqui, vista la crisi siriana e lo scontro in atto tra Trump e Putin, la politica esterna torni a essere uno snodo cruciale negli incontri con i leader. E che lo diventi soprattutto tra di loro. Già ieri le posizioni di Matteo Salvini e di Luigi Di Maio non sembravano vicine anche se si dice siano ormai a un passo da un accordo. Questi sono i rumors politici, che parlano di un patto quasi fatto e agevolato anche dall’elezione del leghista Molteni alla commissione speciale della Camera per tenere libero Giancarlo Giorgetti per un incarico di Governo.

Ma tornando alla crisi siriana, è chiaro che irromperà nelle consultazioni. Come ieri – a Porta a Porta – ha ammesso Di Maio parlando di una «accelerazione delle interlocuzioni esistenti» anche se le posizioni dei 5 Stelle si mantengono ambigue sulle alleanze internazionali, mentre quelle di Salvini confermano la sua linea pro-Russia. Bastava leggere le dichiarazioni del leader leghista di ieri: «Non è normale che il presidente degli Usa twitti, come se nulla fosse, arrivano i missili. Non sentite puzza di guerra nascosta sotto le fake news? I missili non si usano se non per sradicare i terroristi islamici» sottolineava ricordando l’azione della Russia e dell’esercito di Assad contro l’Isis. E invece Luigi Di Maio si muoveva ancora sul filo di quelle dichiarazioni atlantiste dette proprio all’uscita del primo giro di consultazioni. «Proprio perché siamo alleati degli Usa e dell’Occidente credo si debba consigliare i nostri alleati in un’ottica di pace e quindi mettiamo in moto la diplomazia. Spero che non si arrivi a che ci chiedano le basi italiane per bombardare la Siria».

Sorgente: La Siria irrompe sulle consultazioni al Colle Di Maio accelera il confronto con Pd e Lega – Il Sole 24 ORE

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense