Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

I due contratti di Di Maio fra Lega e Pd – Il Sole 24 ORE

Due forni, due contratti di governo. Nella speranza che si sbroglino le matasse politiche, in casa Cinque Stelle si stila la lista delle possibili convergenze con gli interlocutori “alternativi” individuati: Lega o Pd. Ma i pentastellati sono consci che un forno “cuoce” più dell’altro, almeno sui temi: con il Carroccio il dialogo è avviato e ben rodato, mentre con i dem non è stato ancora acceso. L’apertura massima arrivata finora da Luigi Di Maio verso il Pd è stata quella di giovedì dopo le consultazioni: non soltanto perché per la prima volta ha incluso anche Renzi e i suoi tra gli invitati al confronto ma soprattutto perché ha fatto professione di atlantismo e di europeismo come mai prima («L’Italia resterà alleata dell’Occidente nel Patto atlantico, nell’Unione europea e monetaria»).

Governo: prossima settimana nuovo giro di consultazioni

In cosa si sostanzi, non è stato chiarito. Ma rispetto ai toni ancora barricaderi di Salvini su Europa e moneta unica, è un segnale di responsabilità inviato al presidente e di continuità con il Pd di Gentiloni e Padoan, in primis sull’attenzione alla tenuta dei conti pubblici. Anche se i Cinque Stelle non rinunceranno a reclamare più flessibilità puntando a far salire il Pil potenziale e l’output gap. E a proporre investimenti pubblici mission oriented e banca pubblica di investimento. Un’industria 4.0 indirizzata verso i settori ad alta innovazione, che non dispiace alla Lega ma strizza l’occhio anche al Pd.

Sarà la risoluzione al Def alla quale i Cinque Stelle lavorano a certificare nero su bianco il doppio amo. Con la Lega le affinità più evidenti riguardano la posizione sulle pensioni per il superamento della legge Fornero, con una spinta più forte del Carroccio a introdurre subito quota 41 e quota 100 e un approccio più pragmatico del M5S, orientato a cominciare con una dose di maggiore flessibilità in uscita con quota 100 e un coefficiente di usura per ogni lavoratore, proposto dal candidato ministro del Lavoro Pasquale Tridico. Convinto però che ci siano margini anche con i dem. Quali, è il rebus: ricorre, tra i pentastellati vicini ai dossier, l’idea di riferimenti e assi che variano, anche di molto, in base alle diverse correnti e minoranze.

Pure in materia di immigrazione, il Movimento è bifronte, ma meno duro della Lega. L’elogio recente di Di Maio all’operato del ministro Minniti non è casuale. Ma col Carroccio condivide l’esigenza per la sicurezza di rimpolpare gli organici delle forze dell’ordine. Su lotta alla povertà e fisco le distanze rimangono ampie. Il reddito di cittadinanza potrebbe risolversi in prima battuta in un’estensione del reddito di inclusione Dem e nella riforma dei centri per l’impiego. Il reddito di avviamento al lavoro proposto dalla Lega (una sorta di prestito d’onore) è ritenuto troppo lontano.

È sulle tasse che c’è da lavorare di più. Lo stop all’aumento dell’Iva ad oggi è il punto di massima convergenza tra tutti i poli. Sulla revisione dell’Irpef, invece, le distanze sono ampie. Per Di Maio le tre aliquote e la no tax area a 10mila euro con décalage fino a 26mila euro in caso di più figli, garantiscono la progressività del prelievo, come vuole la Costituzione. Non è un caso che le aperture dei Cinque Stelle alla Flat tax siano state condizionate alla verifica della sua costituzionalità. Tassa piatta che rimane priorità della Lega. La ricerca della progressività sembrerebbe invece poter avvicinare i Cinque Stelle al Pd. L’idea di riscrivere la curva Irpef con tre scaglioni e tre aliquote era stata studiata anche al Nazareno. Ciò che però potrebbe far venire meno le convergenze è il bonus Renzi: il M5S vuole cancellare gli 80 euro e utilizzare i 10 miliardi di copertura per assicurare, secondo le loro stime, il taglio dell’Irpef.

Sorgente: I due contratti di Di Maio fra Lega e Pd – Il Sole 24 ORE

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing