Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Di Maio, ultimatum a Salvini: «Tra qualche giorno un forno si chiude». Il leghista: «Vuole Renzi? Si accomodi» – corriere.it

Il leader del Carroccio in Molise, dove domenica si vota. E il 29 aprile c’è la sfida in Friuli Venezia Giulia. La porta chiusa a Calenda: «Mai al governo con il Pd». Il capo politico dei 5 Stelle: «Salvini si assume una responsabilità storica nel legarsi a Berlusconi. Le sue parole sulla Siria sono irresponsabili»

di Paolo Di Caro

ROMA — Uno chiede voti in Molise promettendo in cambio «un governo in 15 giorni», l’altro minaccia di «chiudere un forno» tra pochi giorni se non avrà le risposte che pretende. Continuano a sfidarsi a colpi di ultimatum e facendo la voce grossa Matteo Salvini e Luigi Di Maio, i leader dei due partiti che dovrebbero rappresentare l’architrave del prossimo governo, secondo le intenzioni di entrambi.

Di Maio: «Qualche giorno e poi il forno si chiude»

Non sembrano però esserci passi avanti nel rapporto tra i due. E la sensazione è che l’ostacolo che impedisce il dialogo sia sempre lo stesso e sempre arduo da superare: chi dovrebbe fare il premier tra Salvini e Di Maio. Entrambi infatti rivendicano il mandato e chiedono all’altro di contribuire ed arricchire il rispettivo programma, ma nessuno si smuove dalle proprie posizioni. Anche Silvio Berlusconi, raccontano, è convinto che mettere in mezzo Forza Italia come causa ostativa all’accordo è solo una scusa: «Non sono parlamentare, non voglio essere né ministro né premier, che senso ha chiedermi un passo indietro?». E in effetti quando Salvini invita a votare Lega in Molise per dare a lui la forza di «fare il governo in 15 giorni» dall’alto di una vittoria che lo legittimerebbe ancora di più come candidato premier, si capisce che il nodo resta tutto da sciogliere. Perché, mentre il premier Gentiloni critica Salvini perché è «imbarazzante» legare l’esito delle Regionali alla formazione del governo, Di Maio reagisce piccato e avverte che «tra pochi giorni» sarà lui a «chiudere uno dei due forni» di trattativa che ha aperto, offrendo un dialogo a Lega e Pd. E sembra proprio che l’avvertimento sia rivolto al leader leghista: «Salvini — dice — si assume una responsabilità storica nel legarsi a Berlusconi: ci sta dicendo che per aspettare i suoi comodi avremo il governo il 15 maggio» e si sta «facendo umiliare dal Cavaliere, che contava i punti della dichiarazione che leggeva al Quirinale…».

Rapporti tesissimi

Insomma, i rapporti restano tesissimi, e agli altri partiti in questa fase rimane poco altro da fare che assistere alle mosse dei due contendenti. Ma Berlusconi — che domenica sera ha voluto incontrare il governatore della Liguria Giovanni Toti per riannodare i rapporti — è convinto che il centrodestra non si spaccherà: «Non conviene a Salvini». E attraverso il suo fedele uomo delle aziende, Fedele Confalonieri — che nei giorni scorsi ha incontrato a pranzo il braccio destro di Renzi Luca Lotti —, continua a tenere stretti i contatti con il Pd. Perché i Dem restano alla finestra, ma difficilmente potrebbero farlo a lungo se il dialogo tra Lega e M5S fallisse. Comunque Salvini avvisa: «Se Di Maio preferisce il forno di Renzi si accomodi». Si vedrà lo sviluppo delle trattative, se il capo dello Stato — come molti ritengono — affiderà un incarico esplorativo al presidente del Senato Casellati: un modo per trovare un’intesa o, perlomeno, per scavallare la data del 25 aprile, dopo la quale indire il voto per giugno diventa impossibile. Tutto mentre Berlusconi riferisce di un passaggio di parlamentari da M5S a Forza Italia, a cui Di Maio replica così: «Semmai sono quelli di Forza Italia che vorrebbero uscire e andare nel gruppo Misto o altrove. Berlusconi si dovrebbe preoccupare di questo».

sorgente: corriere.it
Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.