Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Centrodestra, vertice ad Arcore: “Unità della coalizione”. Ora è ufficiale: Pd in un governo o nuove elezioni – Il Fatto Quotidiano

Incontro di un’ora tra Salvini, Meloni e Berlusconi. Al termine diffondono una nota in cui ribadiscono la compattezza della formazione politica e chiedono di esprimere il presidente del Consiglio. Ma è già tensione sul dove e come cercheranno i voti. Alla luce dei veti dei vari partiti, le strade sono due: o i dem sostengono un esecutivo oppure resteranno solo le urne. Il leader del Carroccio: “Mai con il Pd”. Ma Tajani: “Valutare la disponibilità dei democratici”

I tre leader di centrodestra riuniti ad Arcore hanno ribadito la linea: la coalizione non solo resta unita, ma chiede anche di esprimere il presidente del Consiglio. Che tradotto significa: o il Partito democratico sostiene un governo o si ritorna al voto. A pochi giorni dal primo giro di consultazioni di Sergio Mattarella, continuano i veti incrociati dei partiti. E nello stallo generale emerge un quadro con due strade: i 5 stelle non sono disponibili in nessun caso a sedere al tavolo con Silvio Berlusconi e la Lega non intende mollare l’ex Cavaliere. Quindi le strade che rimangono aperte, almeno al momento, sono solo due: o il Partito democratico sceglie di appoggiare un governo a guida centrodestra o M5s, oppure non ci sarà altra soluzione se non quella di tornare alle urne. La situazione continua ad essere bloccata: da una parte i grillini sul no al leader di Forza Italia sono inamovibili; dall’altra il leader del Carroccio al Corriere della sera ha detto che non accetterà un esecutivo con i dem. Quindi stando così le cose, l’unica ipotesi percorribile sarebbe quella di un esecutivo Pd-5 stelle. Ma non è così facile, ed esiste anche un altro scenario che in molti ipotizzano: che una parte dei democratici, con o senza l’etichetta Pd, faccia partire il governo della coalizione di centrodestra. In questo senso sono molto significative le parole del presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani che, intervistato dal Resto del Carlino, ha aperto a questa ipotesi, mettendola per la prima volta nero su bianco: “Ci vuole tempo. Bisogna vedere, dal secondo o magari dal terzo giro di consultazioni, la disponibilità delle altre forze, soprattutto del Pd, a mettersi d’accordo sui punti fondamentali per far partire un governo, naturalmente partendo dal programma del centrodestra. Il problema non sono i numeri o la formula, ma cosa fare”.

La realtà però rischia di essere diversa da quella raccontata nelle note ufficiali. E gli alleati della coalizione di centrodestra hanno iniziato a scontrarsi non appena usciti da Arcore sul “dove e come cercheranno voti“. A creare tensioni è stata la dichiarazione di Giorgia Meloni, intervista da Barbara D’Urso a “Domenica Live” su Canale 5. “E’ al centrodestra che spetta mettere in piedi un governo”, ha detto. “I numeri si cercano. Rispetto a chi tenta di spaccare la coalizione – come M5s, arrivato secondo -, noi diciamo che il premier deve essere espressione del centrodestra, la coalizione deve rimanere compatta, in perfetta armonia, il programma è il nostro. Su questo chiediamo l’incarico e vediamo chi ci sta in Parlamento, con il Pd ho più difficoltà”. Una posizione non condivisa da Salvini che, come fanno sapere sue fonti, ha dichiarato che non è “disponibile a ricevere un incarico senza essere certo di avere prima una maggioranza chiara in Parlamento”. Intanto poco dopo Salvini si è rivolto a Luigi Di Maio, dicendo che “se continua a mettere veti è difficile fare un incontro”. Anche se lui, ha detto, resta “disponibile”. “Chiederemo”, ha detto poco dopo da Treviso, “che il premier sia il sottoscritto ma non andremo in Parlamento al buio cercando voti come ci si alza per cercare funghi nel bosco. O ci sono i numeri certi per un governo che faccia delle cose per cinque anni o è meglio tornare al voto”. Su una cosa sono d’accordo la Meloni e Salvini, ovvero il no al Partito democratico: “Io, Berlusconi e Salvini compatti? Sì. Non c’è un alleato ideale, sennò avremmo fatto una coalizione. Il Pd non lo voglio sentire manco dipinto”. Anche se poi la stessa leader di Fratelli d’Italia non ha nascosto le sue perplessità sui 5 stelle: “Non mi sento così rassicurata nemmeno dal M5s. Non è chiara la sua posizione su immigrazione, Europa, famiglia”.

Nel primo pomeriggio i tre esponenti del centrodestra si erano visti ad Arcore per un vertice di un’ora che è servito, almeno sulla carta, per concordare la linea in vista del prossimo giro di consultazioni. E con una nota hanno ribadito la ritrovata compattezza della coalizione: “Dopo anni di governi nati da giochi di palazzo”, si legge, “il prossimo esecutivo sia rispettoso della volontà espressa dai cittadini nelle elezioni dello scorso quattro marzo. Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni si sono riuniti oggi ad Arcore e hanno concordato la linea comune da sottoporre all’attenzione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella in merito alla formazione del prossimo governo. I tre leader – prosegue il comunicato – rivendicano la necessità che dopo anni di governi nati da giochi di palazzo, il prossimo esecutivo sia rispettoso della volontà espressa dai cittadini nelle elezioni dello scorso quattro marzo. Quasi il 40 per cento degli italiani ha scelto di dare la propria fiducia ai partiti del centrodestra ai quali oggi spetta, indubbiamente, il compito di formare il governo. Gli elementi dai quali i tre leader non intendono prescindere sono: un presidente del consiglio espressione dei partiti di centrodestra, l’unità della coazione e il rispetto dei principali punti del programma sottoscritto prima del voto, quali il taglio delle tasse, incentivi al lavoro, il blocco dell’immigrazione clandestina, garanzie per la sicurezza dei cittadini e sostegno alle famiglie”.

Sorgente: Centrodestra, vertice ad Arcore: “Unità della coalizione”. Ora è ufficiale: Pd in un governo o nuove elezioni – Il Fatto Quotidiano

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.