Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

UNIONE INQUILINI: DOCUMENTO POLITICHE ABITATIVE, IL CONFRONTO CONTINUA, PROSSIMO INCONTRO PER IL 4 APRILE-Unione inquilini 

UNIONE INQUILINI: DOCUMENTO POLITICHE ABITATIVE, IL CONFRONTO CONTINUA, PROSSIMO INCONTRO PER IL 4 APRILE


28 marzo-Martedì 27 marzo si è svolto l’ennesimo incontro tra l’Assessora Rosalba Castiglione, Unione Inquilini, l’Acer, i sindacati Cgil, Cisl, Uil, Uniat, Sicet, Sunia, Feder-casa, la rete degli studenti, il Movimento di lotta per la casa e Action, per la predisposizione di un documento unitario che dia vita ad un tavolo permanente sulle politiche della casa.
Guido Lanciano segretario di Roma Unione Inquilini: “Un dibattito importante nel quale si è ribadita la necessità di affrontare in modo complessivo la questione dell’abitare a Roma. La necessità è quella di adottare, con il coinvolgimento di tutte le realtà che operano a Roma sia istituzionali che di autoorganizzazione, delle politiche abitative strutturali che possano prevenire la precarietà alloggiativa, eliminando le emergenze.”
Prosegue sottolineando: “Soluzioni che devono dare una risposta concreta a tutti: alle 12 famiglie che ogni giorno nel silenzio affrontano lo sfratto con la forza pubblica, a chi attende in graduatoria un alloggio popolare, ai nuclei familiari sgomberati e che da mesi vivono in strada, alle famiglie che occupano immobili di proprietà pubblica e privata abbandonati, alle giovani coppie, agli studenti in cerca di una stanza, a chi paga un affitto insopportabile per il proprio reddito. Siamo ancora alle battute iniziali, e questi primi incontri preliminari servono a smussare i pregiudizi, far cadere veti e posizioni preconcette, aprire a nuove e diverse soluzioni non precostituite.
E conclude: “Siamo convinti di come sia importante che il tavolo continui con tutte le forze. Nel confronto si stanno ponendo tutte le problematiche e chiarite le posizioni. Dobbiamo ora passare alla fase più operativa, con delle indicazioni concrete perché abbiamo molto lavoro da fare mentre troppe persone vivono ogni giorno sulla propria pelle la drammaticità della precarietà abitativa, mentre ci sono migliaia di alloggi vuoti ed edifici in abbandono.”

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense