Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

“Un oltraggio le Br in tv”

Vedere gli ex brigatisti “riproposti in asettici studi televisivi come se stessero discettando della quintessenza della verità rivelata” è “un oltraggio per chi ha dato il sangue e la vita per questo Paese”. Non usa mezzi termini il Capo della Polizia, prefetto Franco Gabrielli, intervenuto a Roma alla cerimonia di commemorazione della strage di Via Fani, dove il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha deposto una corona di fiori accompagnato dal presidente del Senato della Repubblica, Pietro Grasso, e dalla presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini.”In questi giorni in cui si sta rievocando, nel quarantennale, la memoria di quei giorni, di quei momenti, abbiamo subito l’oltraggio di vedere dei ‘sottopancia’ nei quali si riporta ‘dirigente della colonna romana delle brigate rosse’. Io credo che le parole debbano avere un peso e un significato e oggi – ha sottolineato con forza nel corso dell’inaugurazione dei giardini intitolati ai martiri di via Fani – noi dobbiamo ricordare chi stava da una parte e chi stava dall’altra, chi stava dalla parte giusta e ha perduto la vita nel nome di quegli ideali e di quei valori che questi delinquenti immaginavano di poter e di dover sovvertire”.”Credo che mai come in queste vicende un linguaggio di verità e di chiarezza debba essere fatto. Questi signori, queste signore, erano delinquenti due volte perché non solo uccidevano, rapinavano, privavano agli affetti di mogli, di figli, di padri, di madri, ma cercavano, in una logica di morte, di sovvertire le istituzioni democratiche del Paese. Quelle istituzioni – ha continuato Gabrielli – che nella Resistenza e grazie alla Resistenza questo Paese aveva potuto in qualche modo avere e questi signori pensavano che in nome di quella Resistenza dovevano sovvertire. E allora noi oggi con forza dobbiamo ricordare questi colleghi”.Il Capo della Polizia ha espresso il “rammarico personale e degli uomini e delle donne che ancora oggi, in nome di quel sacrificio, rendono un servizio al Paese vestendo una divisa: c’è una sorta di perverso ribaltamento del ‘vae victis’. Questa città ha vissuto qualche secolo prima della nascita di Cristo l’oltraggio del ‘vae victis’, oggi noi stiamo subendo una sorta di perversione: paradossalmente si confondono i ruoli e le posizioni”. Per Gabrielli la cerimonia di oggi è comunque “la dimostrazione che la memoria è ancora forte e non è scalfita dal tempo”.GENTILONI – “#Moro una mattina di 40 anni fa il più grave attacco alla Repubblica. L’Italia rende omaggio a un grande leader politico, ai carabinieri Leonardi e Ricci e agli agenti di Polizia Iozzino Rivera e Zizzi”. Lo scrive su Twitter il premier Paolo Gentiloni.GRASSO – “Non dobbiamo smettere di cercare la verità, anche se scomoda. Non dobbiamo dimenticare la lezione di statisti come Aldo Moro”. Lo scrive su Facebook il presidente del Senato Pietro Grasso.”Tante, troppe volte, le forze dell’ordine e le forze armate hanno pagato col sangue il loro servizio al Paese – sottolinea Grasso – Oreste Leonardi, Domenico Ricci, Giulio Rivera, Francesco Zizzi e Raffaele Iozzino furono uccisi dalle Brigate Rosse 40 anni fa, a Via Fani. Quel giorno iniziò il sequestro di Aldo Moro, un vero shock per l’Italia intera. Furono 55 giorni di apprensione, di paura, di tensione: giorni che hanno cambiato per sempre la storia del nostro Paese, segnandola in maniera profonda”.BOLDRINI – “Raffaele Iozzino, Oreste Leonardi, Domenico Ricci, Giulio Rivera, Francesco Zizzi. Cinque servitori dello Stato, gli uomini della scorta di Aldo Moro, uccisi 40 anni fa dalla furia omicida delle Brigate Rosse, nell’azione che portò al rapimento del Presidente della democrazia cristiana. Insieme al Presidente Mattarella, che ha scoperto una lapide a loro dedicata, oggi abbiamo ricordato quello che accadde in via Fani, la notte più buia della Repubblica italiana”. Lo scrive su Facebook la presidente della Camera, Laura Boldrini.”Una notte lunga 55 giorni – prosegue – che si concluse tragicamente con l’omicidio dello statista democristiano. Negli anni successivi il terrorismo fu sconfitto, la democrazia e le istituzioni si dimostrarono più forti degli assassini che volevano distruggerle. Ma l’Italia non fu più la stessa perché con la morte di Aldo Moro la politica italiana perse un protagonista colto e appassionato del progetto di inclusione delle forze politiche e sociali nella vita democratica del Paese”, conclude Boldrini.COMMISSIONE PARLAMENTARE – Il presidente della commissione bicamerale d’inchiesta sul caso Moro, Giuseppe Fioroni, è stato ricevuto questa mattina in Tribunale a Roma dal procuratore capo Giuseppe Pignatone. Fioroni ha consegnato alla Procura documenti e atti prodotti dalla commissione sui quali adesso l’autorità inquirente avvierà accertamenti.

Sorgente: “Un oltraggio le Br in tv”

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense