Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Renzi, ecco la lettera di dimissioni La guida del partito va a Martina – Corriere.it

La lettera nelle mani di Orfini: «Le mie dimissioni sono esecutive, sono già fuori senza scontri e polemiche, con grande serenità»

di Maria Teresa Meli

La lettera di addio di Renzi è datata 5 marzo. L’ha in mano Orfini, a cui il segretario l’ha consegnata quello stesso giorno perché venga ufficializzata lunedì prossimo in Direzione. Non ci sono ambiguità: «Le mie dimissioni sono esecutive, sono già fuori senza scontri e polemiche, con grande serenità», ha spiegato Renzi ai colleghi di partito. La delegazione E in quella missiva l’ex premier chiede di «convocare l’Assemblea nazionale». Non ci sarà nessun reggente fino ad allora. Il partito sarà guidato dal vice segretario Martina. E saranno loro a formare, con i capigruppo, la delegazione che andrà al Quirinale per le consultazioni. Poi a metà aprile, l’Assembla nazionale deciderà se eleggere un segretario lì, senza primarie, o fare un congresso vero e proprio. Renzi preferirebbe la seconda ipotesi, è ovvio, ma non si impunterà sulla prima, che, al momento, gli pare la più probabile. Guarda anzi con un certo distacco alla pletora di possibili candidati: Martina, Chiamparino, Calenda, Zingaretti. Chissà, forse ce ne sarà anche uno renziano, ma il nome è ancora coperto. Il bilancio Non c’è rancore in questo addio, forse un po’ di amarezza.

Renziano d’alto rango

Ieri Renzi era a Firenze, a palazzo Vecchio, prima, da Nardella, e poi a fare scuola guida al figlio con il motorino. Ai suoi ha raccomandato di evitare scontri e conflitti. Intende andarsene con serenità, anche se lo accusano di voler preparare il terreno per un partito tutto suo e individuano nell’associazione che ha detto di voler fare il germe di questo nuovo soggetto. La serenità è dovuta anche al fatto che la linea che lunedì verrà certificata in Direzione è la sua: niente governo con i grillini o con la destra. È quello su cui ha insistito sin dopo le elezioni: facciamo esporre la Lega e i 5 Stelle, non possiamo essere noi il partito delle poltrone. Racconta un renziano d’altro rango. «Anche se Franceschini smentisce, noi sappiamo che aveva parlato con i grillini e voleva un accordo con loro. Pure Gentiloni era su questa linea. Senza parlare di Zanda, lui che ha cassato la legge anti-vitalizi ora vuole fare l’intesa». Un’intesa pressoché impossibile, alla Camera, per una banale questione di numeri: per avere la maggioranza un governo del genere dovrebbe ottenere il voto di più del 90 per cento del gruppo pd. Peccato, però, che metà di quel gruppo sia composto da renziani. E l’intesa con i grillini è stata al centro di un diverbio, a margine dell’ultimo Consiglio dei ministri, tra Lotti e Franceschini: vediamo se nei gruppi hai i numeri per fare un accordo con loro, è stato l’avvertimento del ministro dello Sport. Che sarà il vero regista dei renziani, ora che il leader ha fatto un passo di lato. I maggiorenti Ma comunque gli altri maggiorenti del Pd dovranno scendere a patti con il segretario uscente. Al Senato, visti i numeri, verrà eletto un suo pasdaran. Alla Camera si troverà un nome di mediazione e non quello di Maria Elena Boschi, come si era vociferato, perché la sottosegretaria si è sfilata da qualsiasi incarico. Le truppe renziane in Parlamento non faranno sconti e si muoveranno compatte. Per l’elezione dei presidenti delle Camere, ma anche quando si affronterà la questione del governo. «Pensano di aver fatto fuori Renzi, ma sottovalutano che ci sono comunque i renziani», avverte un deputato.

Sorgente: Renzi, ecco la lettera di dimissioni La guida del partito va a Martina – Corriere.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.