Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Prima Pagina – Il Manifesto e i primi articoli online

«Vado via ma non mollo». Dopo la batosta elettorale Matteo Renzi si dimette da segretario ma punta sull’ingovernabilità, sperando di risorgere: «La ruota gira». Al vice Maurizio Martina il compito di «traghettare» il Pd fino all’elezione del nuovo leader, ad aprile. Escluse le primarie. Chiusura ai 5Stelle: «Staremo all’opposizione»

Il nuovo PdR senza appeal né autocritica

Massimo Villone

La legge elettorale vigente, con le liste bloccate e il voto congiunto, favorirebbe ancora la pulizia etnica sulle candidature in chiave renziana, Alla fine, una riduzione nei numeri assoluti potrebbe essere l’esito anticipato e coerente della nascita del Partito di Renzi

Sul «reddito di cittadinanza» solo silenzio da parte della sinistra

Giuseppe De Marzo

Di quella sinistra che oggi ride della (finta) notizia delle file ai Caf, al Sud, per chiedere i moduli per il «reddito di cittadinanza» del M5s, nessuna traccia. Un silenzio che spiega, meglio di qualsiasi editoriale, la sua sconfitta all’ultima tornata elettorale. Mentre un terzo del paese è in povertà assoluta, relativa e a rischio esclusione sociale

Lavoro

Il «reddito di cittadinanza» che mette al lavoro i precari

Roberto Ciccarelli

Pasquale Tridico, indicato a ministro del lavoro in pectore per il Movimento 5 Stelle, definisce il “reddito di cittadinanza” «un reddito minimo condizionato alla formazione e al reinserimento lavorativo». Nel pacchetto programmatico è stato inserito il salario minimo orario per chi è fuori dalla contrattazione e la riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario. Previsti investimenti statali in «settori «ad alto ritorno occupazionale», il 34% dei quali da destinare al Mezzogiorno. E un «patto di produttività tra lavoratori, governo e imprese». Secondo M5S la nuova politica servirà a aumentare il tasso di partecipazione della forza lavoro e a risolvere il conflitto con l’Ue sulla crescita potenziale

Europa

Il Fronte nazionale cambia nome ed è già confusione

Anna Maria Merlo

Incompetenza anche nella scelta: Rassemblement national ha già il copyright di una piccola formazione di estrema destra. Marine Le Pen sceglie la linea dura, identitaria. L’alt-right Bannon invitato sorpresa: «Siate orgogliosi di farvi trattare da razzisti, xenofobi, islamofobi, omofobi»

Slovacchia, via il ministro dell’interno dopo il caso Kuciak

Jacub Hornacek

Il premier Fico cede alle pressioni della piazza e dell’opposizione, si dimette uno dei fedelissimi. Contro mafia e corruzione decine di migliaia di persone in corteo. Ad alimentare la protesta il presidente Andrej Kiska, che ha chiesto a gran voce una ricostruzione completa dell’esecutivo

Dopo 180 km

La lunga marcia dei contadini sfida l’India di Modi e vince

Matteo Miavaldi

Si è conclusa a Mumbai l’eccezionale protesta pacifica dei braccianti del Maharashtra, affiliati al Partito comunista indiano. Media e governo, di solito concentrati sulla crescita a tutti i costi, costretti a fare i conti con lo stato disastroso del settore agricolo

Internazionale

Afrin circondata, turchi pronti all’invasione

Chiara Cruciati

L’esercito di Erdogan a un chilometro e mezzo dal centro del cantone curdo-siriano, decine di migliaia di sfollati. I civili: faremo interposizione con i nostri corpi. A Ghouta est in 700 scendono in strada per chiedere alle opposizioni di negoziare con il governo: islamisti aprono il fuoco

Leader indigene e relatrici Onu nella lista nera di Duterte

Francesco Martone

Il ministero di Giustizia di Manila chiede di dichiarare terroriste 649 persone. Tra loro la Relatrice Onu per i diritti dei popoli indigeni, Vicky Tauli-Corpuz, e Joan Carling, leader della Cordillera Peoples Alliance. L’allarme di Hrw: si mette in pericolo la loro vita

L’escalation dei dazi punta al voto in Pennsylvania

Fabrizio Tonello

Si vota oggi in una circoscrizione alla periferia di Pittsburgh, un tempo capitale dell’acciaio. La posta in gioco è la riconquista della maggioranza alla Camera nel prossimo novembre: un successo che paralizzerebbe la presidenza Trump per i prossimi due anni

Internazionale

Bergoglio, un rivoluzionario soft

Luca Kocci

A 5 anni dall’inizio del pontificato, aperture e rigidità di un papa che si guadagna stima e sospetti mondiali. La difesa di Ratzinger: «Uomo pratico ma anche raffinato filosofo e teologo»

L’inarrestabile Gatto blu

Matteo Boscarol

Creato nel ’69 da Fujiko Fujio, il personaggio prima apparso su una rivista, si è affermato come serie tv. Icona pop nel Sol Levante col nuovo film, appena uscito nelle sale giapponesi, ha conquistato il box office

L’Ultima

Operai «esagerati» alla Fiat

Daniele Padoan

Parla Mimmo Mignano, uno dei cinque lavoratori licenziati nel 2014 dalla Fiat per aver messo in scena con un fantoccio il suicidio dell’ad. Marchionne, dopo che due operai cassintegrati si erano tolti la vita. «La Fca prima ci ha tenuto nel reparto confino di Nola, poi ha fatto di tutto per tenerci fuori e ora vuole continuare a farlo. È discriminazione. Spero che i giudici lo capiranno»

Sorgente: Prima Pagina – Il Manifesto | Giornalone

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense