Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

“Potremmo causare la morte di persone” (il documento che agita Facebook)

Roma, 30 mar. (askanews) – Facebook ancora nel mirino dopo la pubblicazione da parte di sito di news Usa Buzzfeed di un memo interno di un dirigente che sostiene che “l’amara verità” è che il gruppo trova giustificazioni per qualunque cosa faccia per crescere. Il documento del 2016 afferma che ciò vale anche quando la vita delle persone è messa in pericolo dall’esposizione a bullismo e terrorismo.Sia l’autore, Andrew Bosworth, sia il capo azienda, Mark Zuckerberg, hanno negato di condividere questa tesi, ma il memo getta un’ombra su un gruppo già alle prese con lo scandalo dei dati personali di 50 milioni di persone condivisi con la società di consulenza elettorale Cambridge Analytica.Bosworth, tra gli inventori del News Feed di Facebook, è dirigente del social network dal 2006 con vari compiti e oggi guida la divisione realtà virtuale.Nel 2016 scriveva: “Quindi mettiamo in contatto sempre più persone. Può essere un male se la rendono una cosa negativa. Forse può costare una vita se si espone qualcuno a dei bulli. Forse qualcuno può morire in un attacco terroristico coordinato con i nostri strumento. Comunque, noi mettiamo in contatto persone. L’amara verità è che crediamo così profondamente nel mettere in contatto le persone che qualunque cosa ci consenta di mettere in contatto più persone è di fatto considerata un bene… Ecco perchè tutto il lavoro che facciamo per crescere è giustificato. Tutte le pratiche discutibili per importare i contatti. Tutte le sottigliezze linguistiche per far sì che le persone siano cercate e contattate dagli amici. Tutto il lavoro che facciamo per includere più comunicazioni. Tutto il lavoro che probabilmente dovremo fare in Cina. Tutto”.Bosworth ha poi twittato di “non essere stato d’accordo” con il memo nel momento in cui l’ha postato, ma di aver deciso di condividerlo con i dipendenti del gruppo come “provocazione”. “Discutere di temi difficili come questi è una parte fondamentale del nostro modo di procedere e per farlo in modo efficace dobbiamo prendere in esame anche cattive idee” ha aggiunto.Anche Mark Zuckerberg ha emesso in comunicato. “Boz è un leader talentuoso che dice molte cose provoatorie” ha scritto. “Questa è una delle cose sulla quale la maggior parte dei dipendenti Facebook, me comopres, decisamente non è d’accordo. Non abbiamo mai creduto che il fine giustifichi i mezzi”. Un pezzo sul sito The Verge rivela che decine di dipendenti di Facebook hanno discusso sulla chat interna la pubblicazione del memo e le loro preoccupazioni per le fughe di notizie ai dann della società.

Sorgente: “Potremmo causare la morte di persone” (il documento che agita Facebook)

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.