Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Perdita serbatoio Raffineria, Capitaneria Milazzo unità crisi. Ma allarme inquinamento tutte spiaggie Italia

Perdite di petrolio nei terreni e mari circostanti dalla raffineria di Milazzo. Ed è emergenza. Ma c’è allarme inquinamento in tutta Italia

Continuano i problemi derivanti dal petrolio e dell’inquinamento dei nostri mari. Ora c’è una ermegenza improvvisa a Milano e nei comuni vicini. Ma tutta la stuazione in Italia preoccupa

Milazzo, perdita dalla Raffineria

Probabile fuoriscita di petrolio si sono verificate dai terreni della raffineria petrolifera di Milazzo e per questa causa sono comparse delle chiazze nel mare di petrolio davanti a San Filippo Del Mela e Milazzo. Secondo le prime indiagine il petro dovrebbe provenire da una perdita del serbatoio 506 che ora è oggetto di verifiche. E tale pardita sarebbe penetrate nelle falde acquifere per uscire nel malre. Vi sarebbe delle comntazioni ad almeno un pezzo, ma si sta verificando.
Nel frattempo per ampliare le indaine affrontare la cosa al meglio, è stata istituita una unità di crisi dal Comandante della Capitenere di Milazzo, Fabio Rottino, e ci sarà un incontro tra tutti i rappresententi interessanti dai Comuni alla prefettura, alle aziende per analizzare questa continua perdita di benzina in mare.

Inquinamento spiaggie e mari, allarme anche in Italia

 

Siamo tutti d’accordo sul fatto che la plastica sia un elemento utile e che abbia semplificato tanti piccoli problemi quotidiani. Ma evidentemente dall’uso si è passati con troppa facilità all’abuso e, come emerso con chiarezza dal worskhop “Marine litter: da emergenza ambientale a potenziale risorsa”, adesso si pone un problema grande come una casa. Perché gli impianti di depurazione delle acque reflue non sono in grado di trattenere microplastiche dalle dimensioni inferiori a 5 millimetri. Il risultato è presto detto: i frammenti prodotti dalla degradazione delle plastiche rappresentano adesso il 46% dei rifiuti rinvenuti lungo le spiagge italiane. In alcune località italiane sono stati raccolti fino a 18 oggetti di plastica per metro quadro, con nel nostro litorale trovati oltre 100mila cotton fioc

Il classico esempio è quello dei cotton fioc, nemici giurati dell’ambiente e neanche così tanto efficaci per la pulizia delle orecchie. La stima dell’Enea è da brividi: ce ne sono almeno 100 milioni di cotton fioc. Dal punto di vista scientifico, le maggior parte delle plastiche è costituita da polimeri termoplastici come polietilene e polipropilene.I polimeri non degradabili, in particolare, sono diventati un problema ambientale primario. Sotto il profilo economico, ci pensano i dati dell’Unep (United nations environment programme) a rivelare che l’impatto è di 8 miliardi di euro l’anno e la spesa europea per la pulizia annuale delle spiagge ammonta a circa 412 milioni di euro.

C’è poco da stare tranquilli quando l’Enea introduce e conclude la sua ultima ricerca con le parole un mare di plastica. Significa che la situazione dei nostri mari e delle nostre spiagge è critica. Non è solo un problema di quantità di spazzatura che si trova dove non dovrebbe affatto stare. Ma di qualità ovvero di dannosità dei rifiuti che ogni anno vengono raccolti. L’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile parla molto chiaro: oltre l’80% dei rifiuti raccolti sulle spiagge italiane è rappresentato da plastiche e microplastiche che minacciano l’ambiente, l’ecosistema e la salute dell’uomo. Una quota eccessiva perché si tratta di materiale difficilmente smaltibile e per la cui gestione quotidiana occorre un supplemento di attenzione da parte di tutti i cittadini.

Mettendo per un attimo da parte l’eccessiva quantità di plastica che ci circonda secondo la logica imperante dell’usa e getta, ci sono ragioni ben precise individuate da Enea – che ha organizzato l’evento romano di presentazione in collaborazione con Accademia dei Lincei e Forum Plinianum – per cui alcune località della nostra costa esibiscono un imbarazzante tappeto di rifiuti di plastica. Come argomentato dal ricercatore Loris Pietrelli del dipartimento Sostenibilità dei Sistemi Produttivi e Territoriali, da una parte c’è la mancata o l’insufficiente depurazione dei reflui urbani. E in questo caso le responsabilità sono pubbliche da rimpallare tra amministrazioni comunali, società incaricate della gestione dei depuratori e Stato.

Dall’altra ci sono i nostri comportamenti di tutto i giorni, troppe volte distratti. Anche le grandi discariche sono il risultato di tanti piccoli rifiuti. Di questo passo, è la stima di Enea, entro il 2050 nel mare ci sarà più plastica che pesci. Il Mar Mediterraneo rischia allora di raggiungere i livelli di inquinamento del Pacific Trash Vortex, l’isola di plastica nell’Oceano Pacifico. Indispensabile allora trovare il modo per riutilizzare le plastiche, migliorare la normativa e rendere più efficaci i programmi di gestione sostenibile.

 

Sorgente: Businessonline.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.