Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Lavrov avverte Nikki Haley di non proferire minacce contro La Russia – controinformazione.info

MOSCA, Russia – Le conseguenze di un nuovo attacco americano alla Siria, la cui possibilità è stata dichiarata nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite dal rappresentante permanente degli Stati Uniti, Nikki Haley, saranno molto serie, ha detto il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov martedì, secondo il quotidiano RT News.

“Se si dovesse verificare un nuovo attacco di questo tipo, le conseguenze saranno molto gravi”, ha sottolineato il diplomatico più importante della Russia.

“La sig.ra. Haley dovrebbe capire che una cosa è sfruttare irresponsabilmente il microfono nel Consiglio di sicurezza dell’ONU ed è un’altra cosa quando i militari russi e americani hanno canali di comunicazione ed è chiaramente indicato attraverso questi canali cosa si può fare e cosa non deve essere fatto “, ha detto Lavrov.
“La coalizione guidata dagli Stati Uniti lo sa bene”, ha detto il ministro degli esteri russo.

L’avvertimento di Lavrov arriva appena dopo quando un alto comandante militare russo ha avvertito gli Stati Uniti che le forze russe non esiterebbero a sparare contro i jet statunitensi in Siria e contro le basi da cui dovessero partire gli attacchi.

Il ministro degli Esteri russo Lavrov

Alto Comandante militare russo: non esiteremo a colpire i jet USA

MOSCA, Russia – Il capo dello stato maggiore delle forze russe, Valery Gerasimov, ha dichiarato oggi che le organizzazioni terroristiche jihadiste che sono arroccate nella zona orientale del Ghouta a est ( a 10/15 Km. dal centro di Damasco) stanno preparando un attacco di armi chimiche per cercare di forzare una risposta degli Stati Uniti contro il governo siriano, dato che il Governo di Damasco sarà inevitabilmente accusato per questo.

La Russia è completamente a conoscenza di questa operazione di “false flag”ed ha le prove per dimostrare che i ribelli si stanno preparando a organizzare un attacco di armi chimiche contro i civili per addossarne la responsabilità alle forze governative siriane, ha sottolineato Gerasimov.

Inoltre ha sottolineato che gli Stati Uniti stanno pianificando di “fornire le cosiddette” prove “delle presunte morti civili di massa per colpa del governo siriano e della leadership russa che lo sostiene”.
“Come contromisura, Washington prevede di lanciare un bombardamento con missili di crociera contro i distretti governativi di Damasco”, ha detto Gerasimov.

L’alto comandante ha poi avvertito che gli Stati Uniti avrebbero dovuto affrontare una dura rappresaglia russa se dovessero decidere di attaccare le strutture del ministero della Difesa siriano.

Gerasimov ha spiegato che, “nel caso di una minaccia per la vita dei nostri militari, le forze armate della Russia prenderanno misure di ritorsione per colpire sia i missili che le loro basi di partenza”.

“Allo stesso tempo, i consiglieri militari russi, i membri del Centro di Riconciliazione russo per parti in conflitto e i poliziotti militari si trovano in permanenza presso le strutture del Ministero della Difesa siriano a Damasco. Nel caso in cui ci sia una minaccia per le vite dei nostri militari, la Forza armata russa prenderà misure di ritorsione contro coloro che produrranno l’attacco”, ha detto.

Secondo Gerasimov, “attualmente si sta procedendo per normalizzare ulteriormente la situazione nella capitale siriana”.

In base ai rapporti precedenti, gruppi armati jihadisti arroccati nel Goutha stanno bombardando, per mezzo di colpi di mortaio, entrambe le posizioni delle forze del governo siriano e dei quartieri residenziali di Damasco e dei suoi sobborghi.

Nel frattempo, è stato pubblicato un intenso video di 16 minuti dell’esercito siriano che combatte le forze terroristiche. Vedi: Youtune.com/Watch

Nota: Per le Tv occidentali i ribelli Jihadisti (quelli che sparano su scuole, abitazioni e ospedali di Damasco)  sonooppositori del regime“. Per le stesse TV, i bombardamenti dell’aviazione russa /siriana sono “azioni unilaterali” che producono vittime civili. Sempre per le medesime Tv, nelle zone del Goutha est siriano, dove i civili sono sequestrati ed utilizzati come scudi umani dai ribelli, tutti “simpatizzano” con i ribelli. Nessun accenno alle dimostrazioni della popolazione civile che ha innalzato le bandiere della Siria ed ha richiesto l’intervento dell’esercito per liberarli.

Traduzione e nota: Sergei Leonov

Sorgente: Lavrov avverte Nikki Haley di non proferire minacce contro La Russia – controinformazione.info

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.