Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Il voto all’estero è un disastro – Il Post

Tutte le cose che sono andate storte quest’anno – e sono tante – nella parte più controversa e criticata del modo in cui si vota in Italia

Lo scrutinio del voto all’estero è terminato con una vittoria del Partito Democratico. Su 12 deputati e 6 senatori eletti nella circoscrizione estero, dove risiedono circa 4 milioni di elettori italiani (ma votano in molti meno), il PD ne ha raccolti 7, il centrodestra 5, i due principali movimenti degli italiani all’estero, MAIE e USEI due ciascuno e infine uno ciascuno per Movimento 5 Stelle e +Europa. Come a ogni elezione, però, le procedure di voto all’estero sono state criticate per la loro vulnerabilità a errori e frodi.

Il diritto di voto per gli italiani residenti all’estero esiste in questi termini da relativamente poco tempo – fu introdotto nel 2001 con la legge Tremaglia – e si presta a molte critiche: è discutibile infatti che persone che non vivono in Italia, non pagano le tasse in Italia e non sono sottoposte in alcun modo alle leggi italiane – senza contare che, grazie allo ius sanguinis, a volte non parlino nemmeno italiano – possano votare ed essere rappresentate nel Parlamento italiano. Ma ci sono anche molti problemi concreti: dalla presentazione delle liste allo spoglio dei voti, passando per la loro raccolta, tutti i passaggi del voto hanno mostrato problemi e criticità.

L’inchiesta delle Iene
La trasmissione Le Iene ha realizzato due inchieste sul voto all’estero nel corso dell’ultima settimana. Nella prima, che riguarda un possibile caso di brogli in Germania, il programma è riuscito a intervistare in maniera anonima una persona che sostiene di aver comprato oltre tremila voti nella città di Colonia. La Digos ha sequestrato i filmati della trasmissione e la procura di Roma ha aperto un’indagine. Ma è dall’introduzione del voto degli italiani all’estero che a ogni elezione ci sono sospetti di brogli di questo tipo. Il meccanismo è semplice e in parte inevitabile per questo tipo di consultazione. Il voto all’estero infatti avviene per corrispondenza (qui avevamo spiegato nel dettaglio come funziona).

Gli italiani iscritti all’Anagrafe dei residenti all’estero ricevono una busta con la scheda su cui votare, il materiale informativo sulle liste e una seconda busta, già indirizzata al consolato più vicino, in cui depositare la scheda. Non c’è modo di verificare che chi compila la scheda e la invia al consolato sia effettivamente la persona a cui era indirizzata. Così, a ogni tornata elettorale, ci sono accuse e sospetti nei confronti di “professionisti” del voto all’estero – come l’uomo intervistato dalle Iene – che acquisterebbero plichi contenenti schede e buste (per cifre bassissime: 5-10 euro ciascuna). In altri casi le schede verrebbero rubate dalle caselle postali o addirittura, come sostengono le Iene, acquistate direttamente dalle tipografie che le stampano.

Il ministero degli Esteri, però, ha pubblicato una nota in cui sottolinea una serie di incongruenze nel servizio, per esempio il fatto che le schede mostrate non sembrano essere regolari e la tipografia che viene mostrata non è quella autorizzata dal ministero per stampare schede e plichi in Germania.

Le schede contraffatte a San Marino
Il ministero degli Esteri è arrivato a definire l’inchiesta delle Iene una “fake news” perché, tra gli altri dettagli che non tornano, il servizio indica come “tipografia dove sono state acquistate delle schede” una società che non è quella che ha ricevuto l’appalto della stampa in Germania. In realtà, però, non sembra impossibile che alcune schede siano state falsificate utilizzando tipografie non autorizzate. È quello che sembra sia accaduto a San Marino, dove sono arrivate circa 600 schede contraffatte utilizzando colori e un tipo di carta sbagliati. La procura di Roma ha aperto un’inchiesta anche su questo episodio. Secondo quanto scrive l’ANSA, le 600 schede sarebbero state compilate con voti per una lista civica di centrodestra.

I problemi nella consegna delle schede
Numerose persone hanno denunciato di non aver ricevuto la busta con la scheda elettorale: è un altro problema frequente nel voto all’estero. Spesso è colpa degli elettori, che non aggiornano correttamente il loro indirizzo all’anagrafe dei residenti all’estero, ma in altri casi la colpa è dei servizi postali del paese di residenza o di altri errori compiuti nei consolati italiani. Parecchi, per esempio, hanno denunciato di aver ricevuto le schede troppo tardi per poterle inviare nuovamente al consolato prima della scadenza dei termini per votare. In questa fase del voto ci sono stati anche altri problemi. Al Post, per esempio, risulta che a Washington DC, negli Stati Uniti, molte buste erano troppo pesanti per essere rispedite gratuitamente, infilandole semplicemente nelle buche delle lettere, ed era invece necessario recarsi all’ufficio postale e pagare un supplemento di 50 centesimi di dollaro. Il rischio quindi è che molte buste spedite per vie normali, senza pagare supplementi, non siano state consegnate.

Le foto imbarazzanti del Movimento 5 Stelle
In genere le accuse di acquistare buste o addirittura di stamparne di false riguardano liste e partiti organizzati che operano da tempo nella circoscrizione estero. Quest’anno le accuse hanno riguardato anche nuove formazioni, come il Movimento 5 Stelle. In una serie di fotografie pubblicate su Facebook, un attivista del Movimento 5 Stelle si è mostrato con una trentina di plichi elettorali, alcuni dei quali aperti e all’interno dei quali si poteva intravedere la scheda. Il senatore Vito Crimi, responsabile del voto estero del Movimento, ha spiegato al Post che non si trattava di un caso di “cacciatori di schede”, come quello documentato dalle Iene, ma che le fotografie ritraevano una riunione di sostenitori del Movimento che avevano deciso di votare tutti insieme.

Gli errori nello spoglio
La seconda parte dell’inchiesta delle Iene riguarda invece i metodi dello spoglio, che avviene a Castelnuovo di Porto, vicino a Roma, dove in un grande capannone della protezione civile si riuniscono oltre 10 mila scrutatori. Secondo l’inviato Filippo Roma, in molti casi non sono state rispettate tutte le corrette procedure di verifica. Vista la vulnerabilità ai brogli del voto per corrispondenza (non solo di quello italiano: è un sistema per definizione molto fragile), è previsto un sistema di verifica per cui a ogni busta che contiene la scheda con il voto è associato un codice che corrisponde a quello dell’elettore. Durante lo spoglio, prima di inserire la scheda nell’urna, gli scrutatori devono assicurarsi che il codice contenuto nel plico corrisponda effettivamente a un singolo elettore. È un metodo simile a quello dei tagliandi utilizzato anche in Italia (è il motivo per cui quest’anno non abbiamo messo direttamente la scheda nell’urna) e che serve a rendere più difficile la contraffazione delle schede: per fare una scheda credibile i falsari dovrebbero conoscere almeno un codice originale per ogni scheda che intendono contraffare e, in ogni caso, se durante lo spoglio venissero trovate due schede con lo stesso codice gli scrutatori si accorgerebbero che qualcosa non va.

Secondo le Iene, però, queste procedure non vengono sempre rispettate. Quando l’inviato ha fatto notare ad alcuni scrutatori che i tagliandi non erano stati verificati correttamente, gli è stato risposto: «Tanto i conti non tornano mai. Un voto in più, un voto in meno, non è che cambia. Se ha votato Roberto piuttosto che Chiara, ma a me che cazzo me frega, tanto hanno votato, è un voto».

Anche i delegati di lista di +Europa, che è riuscita a eleggere un deputato nella circoscrizione estero, hanno denunciato irregolarità. Alessandro Fusacchia, il deputato che è risultato eletto, ha fatto accuse molto simili a quelle delle Iene: «Molti seggi non verificano l’effettiva corrispondenza del tagliando assegnato a ogni elettore con l’iscrizione nel registro».

I problemi nello scrutinio
Sembra facile ipotizzare che buona parte di questi errori siano almeno in parte dovuti al caos verificatosi a Castelnuovo di Porto, dove si trova il grande capannone in cui avviene lo scrutinio. I disagi sono in parte inevitabili: Castelnuovo è una città di 8 mila abitanti dove, in poche ore, sono arrivati oltre diecimila scrutatori e altro personale impegnato nel procedimento elettorale. Domenica 4 marzo le operazioni di scrutinio avrebbero dovuto cominciare alle 23, al momento della chiusura dei seggi nel resto del paese, ma a mezzanotte su 200 seggi appena 6-7 erano operativi. Fuori dal capannone gli altri scrutatori erano rimasti incolonnati in una fila di macchine lunga oltre cinque chilometri. Le procedure di scrutinio, quindi, sono cominciate in ritardo e sono proseguite per giorni con grande difficoltà.

Free Flights to Italy
Ai problemi nella consegna delle schede, nella loro raccolta e nel loro spoglio, comuni a quasi tutte le elezioni all’estero, quest’anno sembra essersene aggiunto anche un altro in una fase che finora non aveva mostrato problemi: quella della raccolta delle firme per la presentazione delle liste. Per candidarsi all’estero, infatti, è necessario raccogliere almeno 500 firme di italiani residenti nella ripartizione della circoscrizione estero (ci sono in tutto quattro ripartizioni: Europa, America settentrionale e centrale, America meridionale e Africa, Asia e Oceania).

Il procedimento era considerato fino a quest’anno molto sicuro. Per raccogliere le firme, infatti, è necessaria la presenza di un funzionario del consolato che deve verificare l’identità dei sottoscrittori nel momento esatto della firma. Il procedimento è così complicato che partiti affermati che in Italia riescono a candidarsi quasi ovunque, come Casa Pound, all’estero non sono riusciti a raccogliere le firme necessarie a presentare una propria lista.

Quest’anno però ci sono forti sospetti che una lista sia in qualche misura riuscita ad aggirare questi meccanismi. Free Flights to Italy, una lista sconosciuta fino a pochi mesi fa, ha presentato due candidati alla Camera nella circoscrizione America settentrionale e centrale. Free Flights to Italy è stata fondata da un personaggio bizzarro, Giuseppe Macario, un 36enne di Fiano Romano, in provincia di Roma, senza precedenti esperienze politiche. Macario, insieme alla madre, è l’unico candidato della lista. Il Post ha indagato per scoprire dove Macario potrebbe aver raccolto le 500 firme necessarie, ma numerose fonti diplomatiche in diversi consolati della sua ripartizione hanno negato che Macario possa aver raccolto le firme nei loro consolati. Macario, inoltre, avrebbe falsificato almeno un timbro e la firma di un notaio su uno dei documenti elettorali presentati al ministero dell’Interno. Il Post ha richiesto tramite FOIA una copia delle firme alla Corte d’appello di Roma, ma il materiale risulta al momento sequestrato dalla Procura di Roma che sta indagando sul caso. Alla fine, Free Flights to Italy ha raccolto appena 946 voti.

Sorgente: Il voto all’estero è un disastro – Il Post

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.