Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

I dati prelevati da Facebook: cosa è successo, perché c’entra Trump, il crollo in Borsa

Come è stata scoperta l’operazione, chi sono i protagonisti, quali sono le ragioni del business, la responsabilità di Mark Zuckerberg, il danno finanziario

di Davide Casati e Martina Pennisi

Che cos’è successo, esattamente?

Due giornali, Observer e New York Times, hanno rivelato che una società di consulenza politica di Londra, Cambridge Analytica (CA), ha usato senza autorizzazione un’enorme quantità di dati prelevati da Facebook. Quella società ha effettuato una meticolosa profilazione di 50 milioni di statunitensi e ha venduto i dati ai suoi clienti. Non si è tecnicamente trattato di spionaggio: CA ha acquistato i dati da un’app, Thisisyourdigitallife, cui gli utenti li avevano ceduti per poter accedere. Il punto è che le condizioni di servizio di Facebook vieterebbero la compravendita di quei dati tra app e società di consulenza. Secondo la «talpa» dei due quotidiani, Facebook sapeva di questo uso improprio da almeno due anni, ma non avrebbe fatto nulla per bloccarlo.

Ma che c’entra Trump?

Robert Mercer, il più importante dei donatori di Trump, versò 15 milioni a Cambridge Analytica perché desse vita a uno strumento di profilazione degli elettori. Stephen Bannon — ex consigliere di Trump alla Casa Bianca — era stato vicepresidente di CA; e proprio CA fu assoldata dalla campagna elettorale del tycoon (guidata da Bannon). Le dimensioni della profilazione, e dell’utilizzo fatto dal team di Trump, non sono al momento note. Secondo l’Observer, CA è stata al centro anche della campagna per far uscire la Gran Bretagna dall’Ue.

Sheryl Sandberg, chief operating officer di Facebook (Epa)
Sheryl Sandberg, chief operating officer di Facebook (Epa)

Perché Facebook è crollata in Borsa?

Facebook è la piattaforma che ha reso possibile la raccolta dei dati. Dei 270 mila che hanno scaricato l’app Thisisyourdigitallife e hanno usato le loro credenziali del social network per usarla. E dei loro 50 milioni di amici, che essendosi iscritti a Facebook prima del 2014 hanno accettato che i loro dati potessero venire pescati da app terze. Non però che potessero venire venduti, come è accaduto. Facebook sapeva, ma non è intervenuto. Perché? Chi dovrebbe rispondere è l’ad Mark Zuckerberg. Ma tace, mentre in dubbio ci sono il caposaldo del suo business e la fiducia degli utenti, e personaggi di livello inferiore nell’organigramma, come il capo della sicurezza Alex Stamos, cancellano tweet e cambiano ruolo in azienda. I miliardi di capitalizzazione bruciati in poche ore sono ormai l’ultimo dei problemi.

Un manifesto per protestare contro Alexander Nix, ceo di Cambridge Analytica (Epa)Un manifesto per protestare contro Alexander Nix, ceo di Cambridge Analytica (Epa)

Sorgente: Corriere della Sera

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.