Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Elisabetta Casellati, la pasdaran di Berlusconi che fece assumere la figlia al ministero della Salute – Repubblica.it

In Parlamento dal 1994, anno della discesa in campo del Cavaliere, nel 2005 ricoprì l’incarico di sottosegretaria nel dicastero guidato da Sirchia. E la figlia Ludovica divenne capo della segreteria ministeriale. Nel curriculum della neo presidente del Senato anche il contributo alle leggi ad personam e il contrasto alle unioni civili. E sui social se la prendono con i 5 stelle

di Paolo Gallori

Era il 2005. Maria Elisabetta Alberti Casellati, fedelissima del Cavaliere, si trovò a ricoprire la carica di sottosegretario al Ministero della Salute, guidato all’epoca dal “tecnico” Girolamo Sirchia. Appena insediata, non perse tempo e piazzò a capo della segreteria del dicastero la figlia Ludovica. Inevitabili, piovvero sulla sua testa le accuse di familismo e clientelismo. Proprio a lei, esponente di un governo a guida Berlusconi, il premier dell'”Italia Azienda” che aveva giurato di fare piazza pulita della vecchia politica e dei suoi metodi.

Casellati non restò in silenzio. O meglio, fu la figlia Ludovica a rispondere a chi la accusava di aver scavalcato a destra (sic) tutti gli altri possibili e meritevoli candidati grazie al cuore della mamma che aveva fatto in modo che il suo curriculum finisse in pole position. Raccontando a mezzo stampa di averci messo 10 anni a liberarsi dell’etichetta “figlia di” e di essersi guadagnata l’assunzione sul campo, grazie a una professionalità nota solo a chi la conosceva davvero”. Davvero pochi, quanto meno nel campo della sanità, dove il suo nome non perveniva nelle ricerche incrociate seguite alla polemica. Lo “skill” nella Salute di Ludovica, davvero un segreto custodito gelosamente, difficilmente intuibile dalla precedente carriera manageriale trascorsa in Publitalia, la concessionaria Mediaset per la pubblicità.

Quanto alla mamma, avvocata e docente universitaria, esperta in diritto canonico e ecclesiastico diventata parlamentare di Forza Italia con la discesa in campo di Silvio Berlusconi nel 1994, “sistemata” Ludovica (si scrisse di uno stipendio da 60mila euro annui) e commossa dalla sua appassionata autodifesa, si era elegantemente sottratta a qualsiasi provocazione, domanda e pubblica richiesta di chiarimento su un presunto personale conflitto d’interesse. Perché, come spesso amava dire, “noi della Casa delle Libertà governiamo solo nell’interesse dei cittadini”.

Dall’interesse dei cittadini all’interesse di Berlusconi, Casellati viene ricordata e “celebrata” per il suo attivismo negli anni del confronto tra il Cavaliere e le “toghe sporche”. Quando buona parte dello staff legal-politico del premier-imprenditore fu impegnato nel disegno di quell’architettura di provvedimenti consegnata alla storia contemporanea d’Italia come “leggi ad personam”. Casellati lavorò tanto dietro le quinte, da esperta in materia, quanto in prima linea, sul piano della comunicazione.

In particolare da sottosegretaria alla Giustizia nel triennio 2008-2011, quando fece della necessità di combattere la narrazione di un Ministero della Giustizia piegato sulle esigenze difensive del premier e del tutto assente su tutto il resto della materia – dai tempi dei processi alla riforma carceraria -, una sua sentitissima missione. E, da autentica “frontwoman” fu un grande momento televisivo il suo faccia a faccia con Marco Travaglio a Otto e Mezzo. Casellati si schierò a favor di telecamera in difesa del Cav, i toni inevitabilmente salirono e lei arrivò al punto di minacciare l’abbandono dello studio.

Casellati presidente del Senato, quando difendeva Berlusconi condannato: “Un golpe”

Ora che sul suo nome si è “trovata la quadra” nel Centrodestra e con i 5 stelle per la presidenza del Senato, l’hashtag #Casellati è diventato trending topic. Soprattutto sulla spinta di chi tiene a ricordare altre pagine della storia personale di Elisabetta, dalla strenua difesa di Berlusconi nel caso Ruby alla radicale opposizione alle unioni civili. “Lo Stato non può equiparare il matrimonio e unioni civili, né far crescere un minore in una coppia che non sia famiglia. Le diversità vanno tutelate ma non possono diventare identità, se identità non sono”, diceva nel 2016 Casellati, all’epoca membro del Csm.

Un profilo che divide, quello di Maria Elisabetta Alberti Casellati, che non ci si aspetterebbe da chi dovrebbe essere garanzia di imparzialità nella super partes seconda carica dello Stato. E che finisce col mettere nel mirino degli sfottò via social soprattutto il Movimento 5 Stelle duro e puro che fu, adeguatosi alla vecchia logica spartitoria. Proprio quel M5s a cui, solo il 13 febbraio scorso, anche Casellati aveva rinfacciato su Facebook il caso dei mancati rimborsi elettorali dei suoi candidati: “La campagna elettorale dei 5stelle è iniziata con la ricerca delle ‘nefandezze’ dei competitori politici. La macchina del fango si è rovesciata su di loro”.

Post al vetriolo in risposta all’ordine impartito in chat ai candidati veneti del movimento, scrivevano le cronache locali a inizio febbraio, dal capo della comunicazione del M5s, Ferdinando Garavello: “Cercate nefandezze e foto imbarazzanti dei concorrenti. Tutto il peggio che si può tirare fuori. Nefandezze, foto imbarazzanti, dichiarazioni e tutto quello che può servire a fare campagna negativa su di loro“.

Se la ragion di Stato chiama, anche nel Movimento 5 stelle si può fingere di aver dimenticato. E accettare il nome di Casellati, accusano ancora i social rivolti ai pentastellati, dopo aver detto “no” al povero Paolo Romani, ex capogruppo forzista al Senato incastrato dalle telefonate rubate dalla figlia al suo telefono istituzionale. Per quella vicenda Romani è stato condannato. La fedina di Casellati è immacolata. Così, ancora sui social, si rinnova l’eterno duello tra forma e sostanza.

Sorgente: Elisabetta Casellati, la pasdaran di Berlusconi che fece assumere la figlia al ministero della Salute – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.