Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Elezioni politiche: vincono M5s e Lega. Crollo del Partito democratico. Centrodestra prima coalizione. Il Carroccio sorpassa Forza Italia – Repubblica.it

Il Movimento fondato da Beppe Grillo primo partito. Nelle Regionali in Lombardia avanti Attilio Fontana (centrodestra), nel Lazio in testa Nicola Zingaretti (centrosinistra)

ROMA – È il Movimento 5 stelle il vincitore indiscusso delle elezioni politiche 2018 con il 31% dei voti, mentre il centrodestra conquista la posizione di prima coalizione con il 37%. Il verdetto che viene fuori dallo spoglio dei seggi è netto: trionfa il Movimento 5 stelle, ma festeggia anche la Lega, che supera il 17,6% e sorpassa Forza Italia, ferma intorno al 15%. Grande sconfitto è il Partito Democratico, che si attesta intorno al 20%: con queste cifre, non gli basterebbe neanche una ‘larga intesa’ con Fi per poter dare vita a una maggioranza. A votare, al contrario di quanto sitemeva alla vigilia, sono stati in tanti: l’affluenza definitiva è stata del 73% contro il 75,27% del 2013, quando però si è votato in due giornate.

Abbracci, sorrisi e applausi tra i militanti M5s, per un risultato già definito ‘storico’, tensione al Nazareno, dove c’è poca voglia di parlare. Per avere dichiarazioni di vincitori e vinti bisogna aspettare qualche ora: sia Luigi Di Maio che Matteo Renzi hanno scelto di vedere i dati finali, prima di commentare. E il segretario Pd  sembra vicino a un passo indietro.

rep

La situazione, comunque, sembra definita: a un terzo delle sezioni scrutinate alla Camera (22.700 su 61.401), la coalizione di centrodestra è avanti a tutti. Per Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e Noi con l’Italia la parcentuale è del 37,24%, mentre il M5s è a 30,92%. Il centrosinistra si attesta intorno al 24,31%, mentre LeU è al 3,41%.

Ma già dalle proiezioni il quadro è sembrato chiaro: i dati definitivi forniti da Swg per La7 relativi al Senato danno M5s a 32,1%, con un netto distacco rispetto agli avversari: crolla il Partito democratico, che è dato al 19%, mentre la Lega con 17,6% sorpassa Forza Italia (14,6%). Nel centrodestra Fratelli d’Italia arriva al 4,1% e Noi con l’Italia-Ude 1,1%. Nel centrosinistra non riesce a raggiungere la soglia del 3% +Europa (2,4%), ma la delusione più grande riguarda Leu che non supera il 3,2%. Civica popolare  Lorenzin 0,5%, Italia Europa insieme 0,7%.

Sempre le proiezioni di La7 per la Camera vedono M5s a 32,1%, Pd a 19,0% e Lega a 17,5%, anche in questo cas avanti a Fi, che si attesta a 14,1%. Fratelli d’Italia ottiene 4,1%, mentre Noi con l’Italia 1,1%. +Europa è a 2,7%, Leu a 3,5% e Civica Popolare 0,5%. Infine Italia Europa insieme 0,6%. Se i dati definitivi dovessero, però, confermare quelli preliminari, nessuna forza politica raggiungerebbe il 40%, soglia indispensabile per formare un governo. E i numeri delle possibili coalizioni del futuro sonu un rebus.

Elezioni, Calabresi: “M5s primo partito ma servono alleanze per governare”

• MAGGIORANZA LONTANA PER TUTTI
Stando alle proiezioni, alla Camera la coalizione di centrodestra avrebbe 245 seggi, l’M5s tra 215, mentre la coalizione di centrosinistra 135. A Leu andrebbero 12-20 seggi e agli altri 6-8.

Al Senato  secondo l’ultima proiezione di Swg per La7 il centrodestra avrebbe 132 seggi, il M5S 112, il centrosinistra 50. LeU si ferma tra 6 e 8 seggi.

• COSI’ NEI COLLEGI
La vittoria dei Cinquestelle a livello nazionale fa vedere i suoi effetti anche nelle sfide uninominali: i collegi hanno riservato non poche sorprese.
D’Alema flop in Puglia
Boschi ok a Bolzano
Casini surclassa Errani
Renzi vince a Firenze
Grasso male a Palermo
Minniti rischia a Pesaro

• LE REGIONI
Per le Regionali in Lombardia, secondo gli exit poll Rai, Attilio Fontana (centrodestra) al 38-42%; Giorgio Gori (Centrosinistra) è al 31-35%%. Dario Violi (M5s) è al 17-21% e Onorio Rosati (Leu) al 2-4 %. Nel Lazio Nicola Zingaretti (Centrosinistra) è in testa con il 30-34%, mentre Stefano Parisi (Centrodestra) è al 26-30%%. Roberta Lombardi (M5s) è al 25-29% e  Sergio Pirozzi (Lista civica) è al 2-4%. L’affluenza ai seggi nel Lazio è stata del 66,48%. Nel 2013 era stata del 71.91%. Per le consultazioni regionali lo spoglio inizia lunedì alle 14.

• LEGA IN TESTA A MACERATA
Dal territorio arriva un altro dato significativo: a Macerata, a un mese dalla tentata strage razzista di Luca Traini del 3 febbraio scorso, il cui autore fu a suo tempo candidato per la Lega, quando manca un centinaio di sezioni da scrutinare, il centrodestra è in testa nell’uninominale della Camera con il partito di Matteo Salvini primo per consensi. La Lega ha il 21,09% e distanzia di 10 punti netti Forza Italia che ha il 10%. Segue M5s, col 31,77%, solo terzo il centrosinistra. Centrodestra in testa a Macerata, con la Lega nella posizione di forza, anche per il Senato.

rep

• LA GEOGRAFIA DEL VOTO
Il centrodestra ha vinto quasi tutti i collegi uninominali del Nord Italia. Il Movimento 5 Stelle prevale in quasi tutto il Sud Italia. Il centrosinistra è in testa in pochissimi collegi uninominali del Trentino Alto Adige, dell’Emilia Romagna, della Toscana e del Lazio. Umbria e Marche non sono più regioni rosse. Se i dati definitivi confermeranno il trend attuale, i collegi uninominali delle due regioni sono stati tutti conquistati da centrodestra e M5s. I collegi uninominali sono 232 alla Camera e 116 al Senato. Gli altri si attribuiranno con il proporzionale. Per gli italiani all’estero sono riservati 12 deputati e 6 senatori.

Ritardi e code ha provocato in numerosi seggi il nuovo sistema di voto con l’uso per la prima volta del talloncino anti frode. Code più lunghe del solito ai seggi fin dal primo mattino di domenica sono state segnalate in tutta Italia a causa della nuova procedura introdotta per le elezioni politiche

Sorgente: Elezioni politiche: vincono M5s e Lega. Crollo del Partito democratico. Centrodestra prima coalizione. Il Carroccio sorpassa Forza Italia – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.