Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

“Qui ci abita un antifascista”, marchiati i ‘rossi’

“Qui ci abita un antifascista”. Un adesivo sulla porta, con tanto di divieto, a segnalare l’appartenenza dell’inquilino. E’ quanto accaduto a Pavia e denunciato su Twitter da Alessandro Caiani, ricercatore e docente di politica economica dell’Università della cittadina lombarda, che ieri sera si è ritrovato l’inquietante adesivo attaccato sul cancello di casa.”Ieri – ha spiegato stamane Caiani in una serie di tweet, dopo aver diffuso la foto del ‘marchio’ trovato sulla porta – ho trovato questo adesivo attaccato al cancello di casa. Qualche valoroso neofascista si è preso la briga di scoprire dove abito, aspettare che non fossimo in casa e lasciarmi questo messaggio intimidatorio. È successo almeno anche a un altro antifascista”. A diversi, stando in realtà alle numerose denunce sui social sempre da Pavia.Un gesto inquietante, che Caiani riconduce senza troppi sforzi a militanti di estrema destra: “Ecco cosa succede – scrive ancora – quando si lasciano i neofascisti liberi di aprire sedi, fare manifestazioni e presentarsi alle elezioni, lasciando impunite le loro aggressioni squadriste. Sciogliere subito CasaPound e Forza Nuova. A chi negherà l’esistenza del problema – avverte poi in un altro tweet – come successo di fronte a episodi ben più gravi e a chi penserà “se l’è cercata sicuramente”. No genietti, non me la sono cercata: sono i fascisti che vengono a cercarti prima o poi se li si lascia fare. Il fascismo è questo”.Caiani, che ha trovato e fotografato l’adesivo nella serata di ieri, ha deciso di lasciarlo al suo posto “perché – spiega ancora -, a differenza dei fascisti, posso non provare vergogna di quello che sono”. L’adesivo, dopo la denuncia, è poi stato rimosso da ignoti. Ma sotto al post del professore universitario, insieme alla solidarietà, continuano ad aggiungersi segnalazioni della ‘caccia all’antifascista’.

Sorgente: “Qui ci abita un antifascista”, marchiati i ‘rossi’

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense