Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

antifa: Omicidio di Dax 16 marzo 2003

Davide Cesare, meglio noto come Dax (Brescia, 1977 – Milano, 16 marzo 2003), è stato un attivista, antifascista, appartenente all’area antagonista, italiano, militante del Centro Sociale O.R.So. (Officina di Resistenza Sociale) di Milano, che venne ucciso dopo un’aggressione avvenuta nella notte tra il 16 e il 17 marzo 2003.
Indice

1 Cenni biografici
2 L’aggressione
3 Il processo
4 Omaggi
5 Note
6 Bibliografia
7 Voci correlate
8 Collegamenti esterni

Cenni biografici

Di professione camionista, Davide Cesare, per i compagni semplicemente Dax, è un militante comunista ed antifascista, sempre presente alle manifestazioni organizzate dal Magazzino 47 di Brescia e, soprattutto, del Centro Sociale O.R.So. (Officina di Resistenza Sociale) di Milano.
L’aggressione

La notte del 16 marzo 2003, “Dax” esce con alcuni compagni del Centro Sociale O.R.So da un bar di Milano nella zona ticinese, in via Brioschi. I quattro antagonisti incrociano due fratelli, simpatizzanti dell’estrema destra, che portavano a passeggio un cane rottweiler. Fra i due gruppi, da un iniziale alterco, si passa alle vie di fatto e all’uso di armi bianche. Due ragazzi del C.S.O. vengono feriti (uno in modo più grave, ma si salverà ), mentre Davide Cesare, colpito da una decina di coltellate, muore durante il trasporto all’ospedale.

Gli aggressori verranno in seguito identificati come cani sciolti, non legati a specifici gruppi politici e membri della famiglia Morbi, i due fratelli Federico (28 anni), Mattia (17 anni) e il padre Giorgio (54 anni).

Il figlio maggiore Federico la settimana precedente aveva denunciato di aver subito un’aggressione, ad opera di una decina di giovani indicati quali appartenenti all’area antagonista gravitanti nella stessa zona, riportando lesioni giudicate guaribili in cinque giorni.

Appena diffusa la notizia del decesso di Cesare, alcuni ragazzi appartenenti all’area antagonista cittadina si ritrovano fuori dall’ospedale San Paolo (dove gli aggrediti erano ricoverati) per accertarsi delle condizioni dei loro compagni. Qui iniziano gli scontri con le forze dell’ordine, di Polizia e Carabinieri, presenti fuori dall’edificio che impedivano l’accesso al pronto soccorso. Dieci militanti di estrema sinistra vennero gravemente feriti ed alcuni percossi anche all’interno del pronto soccorso stesso dove cercavano rifugio. Secondo la questura l’uso della forza da parte delle |Forze dell’Ordine sarebbe stato giustificato poichè «dovevamo impedire che i giovani portassero via la salma del ragazzo».

In seguito a questi avvenimenti il personale del pronto soccorso dovrà interrompere il servizio fino alle sette del mattino seguente, e molti pazienti saranno spostati in altre strutture per ricevere adeguate cure.
Il processo

Inizialmente l’omicidio viene catalogato come il «degenerare di una rissa tra balordi», e l’aggressione al San Paolo è giustificata dalla reazione delle forze dell’ordine alle continue intemperanze da parte dei compagni di “Dax”, che cercavano di “trafugare” la salma dall’ospedale.

Grazie alle testimonianze dei giovani compagni, medici e pazienti presenti, oltre che a quella di un videoamatore che ha registrato l’accaduto, si è riusciti a fare maggiormente luce sull’accaduto, e a smentire che si trattasse di una rissa tra balordi.

Nel Maggio 2004 sono arrivate le sentenze. Il figlio maggiore è stato condannato a 16 anni e 8 mesi di reclusione. Il padre, inizialmente prosciolto perché non ritenuto responsabile dell’aggressione, è stato condannato a una reclusione di 3 anni e 4 mesi per il tentato omicidio di uno dei compagni di “Dax” assieme al figlio più piccolo. Queste sentenze non si discostano tanto da quelle richieste dal Pubblico Ministero Nicola Di Plotti di 18 anni per il primo e 5 per il secondo. A questo vanno aggiunti 150 000 euro di risarcimento alla madre e 200 000 alla compagna e alla figlia. Il figlio minore, accusato dell’omicidio di Davide e del tentato omicidio di un altro ragazzo, sta scontando 3 anni di messa alla prova, come stabilito dal Tribunale dei minori. Per quanto riguarda invece i fatti del San Paolo, la sentenza di primo grado è arrivata nel 2006 con tre condanne (due compagni di Davide Cesare sono stati condannati a un anno e otto mesi, mentre un maresciallo dei carabinieri a sette mesi.) e quattro assoluzioni. I giudici hanno inoltre imposto ai militanti il pagamento di una provvisionale per risarcimenti di 100 mila euro. Assolti, invece, sia altri due appartenenti a centri sociali milanesi, sia altri due esponenti delle forze dell’ordine, per i quali la Procura della Repubblica aveva chiesto la condanna. In sede di processo d’appello, il maresciallo dei carabinieri è stato invece assolto, restando confermate le altre decisioni del tribunale; la sentenza d’appello è stata confermata dalla Cassazione nel 2009.
Omaggi

Alle ore 18,45 del giorno seguente, circa una ventina di persone dal volto travisato si sono recate presso la sede di “Azione Giovani” in via Ghirlanda a Massa ed hanno tracciato sulla porta d’ingresso il simbolo della “falce e martello”, e frantumato i vetri della struttura. Successivamente sono entrati nel locale e, dopo aver distrutto le suppellettili, se ne sono andati cantando Bella Ciao.
In occasione del funerale di Dax, tenuto a Rozzano (Mi) il 22 marzo 2003, si è svolta una grande manifestazione corale, inoltre la Banda Bassotti ha suonato durante il corteo per rendere omaggio a Davide, erano presenti circa 1200 persone fra amici, cari e gente solidale proveniente da tutta la Lombardia.
Andre Pastor ha girato nel 2003 il film-documentario Con Dax nel cuore.
‘O Zulù lo cita riprendendo la canzone dedicata a Dax Stalingrado Milano Baghdad di Microplatform che contiene lo slogan «sedici marzo, bandiere rosse al vento: uccidono un compagno, ne nascono altri 100».
Non è infrequente incontrare per Milano dei graffiti in sua memoria. La maggior parte recitano semplicemente “Dax Vive”.
A Milano è stata affissa una targa in via Brioschi in ricordo di Dax, che recita

« “Rassegnazione è paura e complicità !
Contro la rassegnazione pensare l’impensabile!
Contro la paura imparare il coraggio!
Cospirare vuol dire respirare insieme”
Viva Dax libero e ribelle
Davide 16.03.03
Ucciso perché militante antifascista »

Concorso letterario Davide Dax Cesare:

A cura dell’associazione culturale Rozzano Rossa la quale ha pubblicato due libri – La resistenza di oggi e Il lavoro che non paga – con scritti provenienti da tutta Italia e commentati da una giuria, tra cui: Carmen Covito, Rosa Piro, Giovanni Impastato, Aldo Nove, Claudio Jampaglia.

Bonsai Tv ha dedicato uno speciale alla memoria di “Dax” dal titolo Dax Vive: Milano sette anni dopo, promulgata gratuitamente sia da Yalp che da Youtube.

http://ita.anarchopedia.org/Davide_Cesare

Sorgente: antifa: Omicidio di Dax 16 marzo 2003

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.