Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Ada Colau: “Chi criminalizza la Ong della nave sequestrata accusa Barcellona” | Rep

 

La sindaca della capitale catalana in visita in Italia per difendere la organizzazione non governativa indagata dalla procura di Catania per associazione a delinquere

 

DI OMERO CIAI E VLADIMIRO POLCHI

“Open Arms è la nostra flotta, deve essere chiaro che qualsiasi accusa contro di loro è anche un’accusa contro di me e contro i cittadini di Barcellona che rappresento”, dice Ada Colau, sindaca della capitale catalana, in visita in Italia per difendere la Ong indagata dalla procura di Catania per associazione a delinquere. E sulla crisi politica in Catalogna aggiunge: “Il governo di Rajoy si nasconde dietro i giudici ma le crisi politiche non si risolvono nei tribunali, i leader indipendentisti in carcere devono essere liberati al più presto”.

Sindaca Colau, che tipo di sostegno, anche finanziario, offre il comune di Barcellona alla Ong Proactiva Open Arms?
“Tutto è cominciato con Aylan, vi ricordate? Con l’immagine del bambino siriano morto sulla spiaggia in Grecia che commosse tutta l’Europa. E allora che abbiamo detto che era una vergogna e non poteva continuare così. A Barcellona ci fu una reazione emotiva molto forte e noi eravamo arrivati da poco al Comune e abbiamo pensato che dovevamo fare qualcosa. Prima abbiamo iniziato a denunciare l’inerzia dello Stato spagnolo, poi a vedere cosa potevamo fare noi come comune. E abbiamo deciso di aiutare quelli che aiutano. Per noi Open Arms fa quello che dovrebbero fare gli Stati e quindi abbiamo avviato con loro una collaborazione istituzionale. Dico sempre che se noi avessimo una flotta dovrebbe fare quello che fa Open Arms. La cosa più importante del mondo: salvare delle vite umane”.

Se loro hanno commesso un reato lo ha commesso anche Barcellona?
“Esatto. Siamo pronti ad autodenunciarci e dare tutto il sostegno legale a Open Arms”.

L’accusa della procura di Catania è di associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Open Arms non ha commesso nessun errore?
“L’accusa mi sembra veramente assurda. So cosa fanno queste persone. Sono volontari che rischiano la vita senza guadagnare nulla per fare quello che dovrebbero fare gli Stati europei. Dovremmo essere riconoscenti. Invece l’Europa in modo vergognoso non solo non sostiene le navi di soccorso delle Ong ma ha iniziato una campagna di criminalizzazione”.

Si riferisce anche all’Italia?
“A tutti, anche alla Spagna con cui sono molto critica. Più critica con la Spagna perché l’Italia per la verità ha accolto moltissimi migranti. E sono d’accordo che l’Italia non può essere l’unico Paese ad assumersi la responsabilità delle migliaia di persone che arrivano sulle spiagge e nei porti italiani. Però c’è qualcosa che per me è fuori discussione ed è che ci sono persone che stanno morendo affogate nel nostro mare, lo stesso mare dove noi andiamo in vacanza. E questo è inaccettabile in termini democratici. Oggi sono loro ma domani potremmo essere noi. Se ci fosse una guerra nei nostri Paesi e fossimo costretti ad andare sull’altra riva del Mediterraneo? Soccorrerli è un nostro dovere”.

Parlando di solidarietà, non crede che l’Italia sia stata lasciata sola? Sa che dei 12mila migranti ricollocati dall’Italia in altri paesi Ue la Germania ne ha accolti 5mila e la Spagna soltanto 234?
“L’atteggiamento spagnolo non è tollerabile. Ma voi dovete sapere che in Spagna ci sono tante città – non solo Barcellona ma anche Madrid, Valenzia, Saragozza – che hanno detto di essere pronte ad aiutare nella ricollocazione. E la Spagna ha l’obbligo di fare questa ricollocazione perché ha firmato un accordo con l’Europa. L’anno scorso dovevano arrivare più di 17mila migranti ma il governo del mio Paese ha disatteso gli impegni presi”.

Perché non ha aperto il porto di Barcellona?
“Ma io lo farei subito. Purtroppo il porto lo controlla lo Stato non il comune. Per soccorrere persone che rischiano la vita lo aprirei oggi. Per me l’impotenza e la sofferenza è non poterlo fare”.

Questa assenza di Europa sulla crisi dei rifugiati ma anche assenza di una sinistra europea che su questi temi abbia detto qualcosa di forte, questa gestione confusa, non è anche alla base della forza dei movimenti populisti di estrema destra?
“L’errore è cedere alle posizioni della destra secondo la quale uno Stato forte è quello che impone soluzioni con la forza, che blocca i confini, che alza fili spinati. E una donna malata che muore per aiutare il bambino che porta in grembo e raggiungere la sorella in Francia ma viene respinta alla frontiera lascia senza parole. Questa è un’Europa fallita. L’Europa è nata proprio per rispondere a questo, è nata per dire mai più alla guerra, mai più alle violazioni dei diritti umani. E se l’Europa fallisce nelle idee che l’hanno fondata, fallisce anche come progetto. L’Europa annega nel Mediterraneo quando muoiono delle persone e noi non siamo capaci di salvarle”.

Tornando alla Catalogna, il giudice del Tribunale supremo ha appena firmato il rinvio a giudizio per ribellione di tredici leader indipendentisti catalani. Cosa ne pensa?
“Penso che è un disastro. Io non sono indipendentista ma c’è un problema di democrazia. Come sulla questione dei rifugiati, in Spagna abbiamo al potere un governo di irresponsabili che non governa. Ad un problema politico, com’è la questione dell’indipendenza catalana, bisogna dare una risposta politica. Invece loro mettono in galera leader indipendentisti per le loro idee. Abbiamo un governo che prima si è nascosto dietro gli agenti che ha mandato a reprimere il referendum del primo ottobre e adesso dietro i tribunali. In Spagna c’è un problema di democrazia a bassa intensità”.

Sorgente: Ada Colau: “Chi criminalizza la Ong della nave sequestrata accusa Barcellona” | Rep

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing