Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Quel post virale sul “rifugiato senza biglietto del treno” racconta una storia falsa – Il Post

La relazione ufficiale di Trenitalia ha smentito la versione circolata moltissimo online

Lunedì 12 febbraio è circolato molto online un post su Facebook su un presunto “rifugiato senza biglietto del treno”. Il post è diventato virale, è stato letto da tantissime persone, ha raccolto oltre centomila condivisioni e centinaia di commenti razzisti: poi è stato rimosso. Il racconto era falso, come ha dimostrato Angelo Romano su Valigia Blu.

Il post è stato scritto da Luca Caruso, un uomo che viaggiava su un treno Frecciarossa Roma-Milano: Caruso raccontava nei dettagli un episodio a cui aveva assistito ed era accompagnato da una foto in cui si vedevano un ragazzo nero e la capotreno che gli stava chiedendo il biglietto.

 

Nel testo si diceva che l’uomo della foto viaggiava su un Frecciarossa con il biglietto per un interregionale, che non parlava italiano, che non aveva bagagli, documenti e soldi ma un telefono di cui veniva specificato il modello (un Samsung S8). Si dice anche che quando la capotreno («minuta, esile e giovane, nonché educatissima») si è avvicinata, l’uomo ha fatto finta di dormire. La capotreno l’ha svegliato, ma non ha potuto fargli la multa perché l’uomo non aveva i documenti con sé. La morale della storia, scritta da Caruso, è la «totale assenza di certezza della pena che il nostro paese ha regalato a queste persone che non sono più disponibile a chiamare ‘rifugiati’. L’uomo arriverà a Milano, viaggiando su un posto che costa 86€, con 4€. Impunemente. Senza poter sperare che gli facciano neppure in una multa, perché tanto quando l’avrebbe pagata?».

Caruso spiegava poi che il suo non era «un post razzista», ma poco dopo associava l’episodio del treno a quanto accaduto a Pamela Mastropietro a Macerata, la ragazza «barbarizzata e vilipesa da gente che senza diritto e senza motivo ha varcato l’uscio di casa nostra, perché la porta era ed è spalancata. Senza regole. Senza alcuna sicurezza».

Valigia Blu spiega che Caruso ha modificato più volte nel corso della giornata il suo post rendendo più sfumate alcune frasi e coprendo parzialmente il viso del ragazzo nero. Nel frattempo il post era diventato virale, ricevendo migliaia di commenti soprattutto razzisti. C’è anche chi ha però fatto notare che se l’uomo non aveva il biglietto la capotreno avrebbe potuto farlo scendere alla fermata successiva, cioè a Bologna, e che in mancanza dei documenti e del biglietto sarebbe stata avvertita la polizia ferroviaria.

Caruso ha iniziato a rimuovere i commenti di chi segnalava questo tipo di incongruenze, compresi quelli postati da Valigia Blu che ha contattato Trenitalia e ottenuto
la relazione ufficiale della capotreno, che smentisce completamente la sua versione:

«Mentre effettuavo la controlleria a bordo del treno 9608 di oggi 12 febbraio 2018, un passeggero mostrava un titolo di viaggio non valido per il treno in oggetto. Scopro che non parla italiano e parla un inglese molto stentato. Gli comunico il prezzo da pagare per la tratta Roma-Bologna, mi fa capire che non ha soldi e insiste nell’indicarmi il titolo di viaggio in suo possesso; successivamente, gli chiedo le generalità e un documento. Scoprendo che era sprovvisto di documenti, gli chiedo di seguirmi nel vestibolo, per la sua privacy e per tutti gli accertamenti del caso. Nel vestibolo, dopo ulteriore richiesta di documento, tirava fuori un titolo di viaggio cartaceo valido per il treno 9608. A quel punto, chiarita la posizione del cliente, ho proseguito la mia attività di controlleria».

Alla fine, Caruso ha rimosso il post.

Sorgente: Quel post virale sul “rifugiato senza biglietto del treno” racconta una storia falsa – Il Post

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense