Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Maltempo, Nord Italia sotto la neve, spiagge imbiancate in Veneto, passi alpini chiusi in Piemonte – Repubblica.it

Maltempo, Nord Italia sotto la neve, spiagge imbiancate in Veneto, passi alpini chiusi in PiemonteTorino, il parco del Valentino imbiancato  23 febbraio 20186Potrebbe essere un’ondata di gelo dalla portata storica quella che investirà la prossima settimana l’Europa e anche l’Italia, paragonabile a quella del febbraio 2012 o del gennaio 1985. L’ormai famigerato Buran (o Burian), a partire dal weekend farà irruzione sul cuore dell’Europa provocando un’ondata di freddo eccezionale. ma in attesa del crollo termico e delle giornate di ghiaccio con temperature che anche di giorno non supereranno lo zero, il nord Italia sta facendo i conti in queste ore con forti nevicate: in particolare a Torino e in Piemonte, in Emilia-Romagna, in Veneto e in Toscana. E mentre Trieste fa i conti con la Bora, il resto dell’Italia è sotto la pioggia. In Sicilia, a a causa del maltempo, sono stati interrotti i collegamenti con le Egadi. Il Buran è un forte vento gelido, da nordest o est-nordest, che trae origine dal settore russo-siberiano, ad est degli Urali, nei pressi del bassopiano sarmatico siberiano. Il vento è accompagnato da freddo intenso in grado di originare vere e proprie tempeste di neve. Quando il Buran scavalca gli Urali può invadere anche l’Europa e arrivare fino all’Italia, seppur attenuato rispetto alle origini. Il termine Buran ha origine dal russo e dal turco; la radice comune è bor, che significa ‘volgere, trascinare’. Buran e Burian sono la stessa cosa, è solo la pronuncia corretta a definirne la differenza.· GLI EFFETTI DEL BURANL’aria gelida, come detto, arriva dalla Siberia e, nel raggiungere il cuore dell’Europa, percorrerà oltre 5mila chilometri; per raggiungere l’Italia compirà un tragitto di circa 5.800 chilometri. Nelle zone d’origine, le temperature al suolo toccheranno i -35 gradi, in alcuni casi anche -40.· LE PREVISIONI IN EUROPA L’ondata di gelo coinvolgerà gran parte dei Paesi europei e città come Varsavia, Berlino, Budapest, Helsinki, Stoccolma, Praga, Vienna, Parigi, Londra, Bruxelles, Zurigo, con gravi disagi ai trasporti e danni all’agricoltura. All’inizio della prossima settimana a Mosca il termometro precipiterà a -27 gradi di notte e non supererà i -12 durante il giorno; a Berlino si arriverà a -15 gradi nella notte e a -4 di giorno; a Parigi -8 gradi di notte, 0 di giorno; a Londra -6 gradi durante la notte e fino a 1 rado durante il giorno; a Budapest -16 gradi di notte, -5 di giorno.· COSÌ IN ITALIA  Domenica l’aria gelida, sospinta da intensi venti orientali, inizierà ad affluire sull’Italia a partire dal Nord e dall’alto Adriatico. É sempre più probabile che questi venti gelidi con l’inizio della prossima settimana riescano a raggiungere anche gran parte del nostro Paese, lasciando ai margini soltanto l’estremo Sud, la Sicilia e le isole. Gli effetti sull’Italia potrebbero consistere in un brusco abbassamento delle temperature accompagnato da intense nevicate che si potrebbero spingere fino in pianura e lungo le coste. Tra lunedì e martedì le temperature potrebbero scendere su valori di oltre 10 gradi al di sotto della media stagionale, con minime intorno a -7, -8 gradi anche in pianura e massime intorno allo zero. A causa dei forti venti, e del conseguente effetto wind chill, le temperature percepite potranno risultare addirittura nell’ordine di -10, -15 gradi.L’irruzione dell’aria gelida, attraverso la porta della Bora, sarà accompagnata tra domenica e lunedì da forti venti da nord-est sull’alto Adriatico con raffiche fino a 100 chilometri orari. A partire dalla giornata di domenica le zone maggiormente a rischio di abbondanti nevicate fino in pianura saranno Emilia Romagna e Marche. Verranno quindi imbiancate anche le coste.· LE RACCOMANDAZIONI DI ACEA: “PROTEGGERE I CONTATORI IDRICI””In considerazione del brusco abbassamento delle temperature previsto per i prossimi giorni anche nelle zone a bassa quota, Acea Ato 2 invita i clienti a proteggere dal gelo i contatori idrici, almeno mediante coperture provvisorie. La protezione del contatore, infatti, è importante per evitare perdite o mancanze d’acqua nella stagione invernale. Per questo scopo si consiglia di utilizzare materiali isolanti, i più adatti sono il polistirolo eil poliuretano espanso che isolano efficacemente gli apparecchi dall’ambiente esterno”. Lo comunica Acea Ato 2 in una nota sottolineando di fare “attenzione a non utilizzare giornali o panni in stoffa che, assorbendo acqua e umidità, rischiano di peggiorare la situazione”-

Sorgente: Maltempo, Nord Italia sotto la neve, spiagge imbiancate in Veneto, passi alpini chiusi in Piemonte – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense