Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

La mamma della lettera a Salvini: “Mio figlio costretto a lasciare il suo posto sul bus” | Euronews

Da questa mattina Gabriella Nobile non può più utilizzare Facebook e Messenger. E’ stata accusata di fomentare l’odio razziale e i suoi account sono stati bloccati. Gabriella, imprenditrice 49enne residente a Milano, è la mamma adottiva di due bambini che qualche giorno fa, subito dopo il comizio di Matteo Salvini in Duomo, ha pubblicato sul suo profilo una lettera aperta al leader della Lega per denunciare il clima di intolleranza sempre più pesante con cui i suoi due figli si sono dovuti confrontare negli ultimi mesi.”Volevo ringraziarla – scrive Gabriella nella prima parte del messaggio – perché sta regalando ai miei figli dei momenti di terrore davvero fuori dal comune. Mia figlia di 7 anni prima di andare a letto mi chiede: ‘ma se vince quello che parla male di noi mi rimandano in Africa?’. E piange disperata. Mio figlio invece, prende l’autobus per andare agli allenamenti di calcio quasi tutti i giorni e da circa un paio di mesi mi racconta di insulti che è costretto a subire da suoi gentili simpatizzanti”.Il post ha ricevuto in poche ore decine di migliaia di like, condivisioni e commenti ed è stato ripreso da diverse testate di informazione. Domenica scorsa però il messaggio è stato cancellato dalla bacheca di Gabriella e da quella di chi l’aveva condiviso.Gabriella ha così deciso di ripubblicare la lettera, che come la prima ha raccolto in poco tempo decine di migliaia di like e condivisioni. Quando questa mattina abbiamo provata a contattarla su Messenger per farle qualche domanda sulla vicenda, a risponderci è stato il marito: gli account della moglie erano stati bloccati e non poteva risponderci.”E’ successo questa mattina – ci ha poi detto al telefono Gabriella -, ho ricevuto un messaggio in cui sono accusata di fomentare l’odio razziale”. I suoi figli hanno 12 e 7 anni. Il più grande è originario del Congo ed è stato adottato quando aveva 2 anni; la più piccola è arrivata dall’Etiopia quando aveva un anno. “Parlano l’italiano con accento milanese e sono perfettamente integrati. Fin da piccoli hanno dovuto fare i conti con gli insulti e le cattiverie di alcuni coetanei, ma hanno le spalle larghe e gli ho insegnato come gestire queste situazioni”.Dopo la pubblicazione della lettera Gabriella ha ricevuto centinaia di messaggi di solidarietà da persone nella sua stessa situazione che le hanno confessato di avere vissuto le stesse esperienze. “Ho deciso di scrivere quella lettera – ci ha spiegato – perché negli ultimi mesi la situazione è peggiorata. Prima gli insulti arrivavano solo da bambini della loro età, ora non è più così. Mio figlio mi ha raccontato di diversi episodi in cui ad importunarlo sono stati degli adulti, una volta sull’autobus gli è capitato di essere costretto ad alzarsi dal suo posto ed è stato invitato a tornarsene in Africa. Sono episodi che hanno alimentato in lui sentimenti confusi, i bambini poi amplificano tutto. La più piccola invece si è spaventata sentendo alcuni discorsi in televisione, mi ha detto che non voleva più andare a scuola. La situazione durante questa campagna elettorale è diventata insostenibile, con la mia lettera ho chiesto semplicemente di abbassare i toni”.

Sorgente: La mamma della lettera a Salvini: “Mio figlio costretto a lasciare il suo posto sul bus” | Euronews

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.