Elezioni, l’appello di Renzi è un’ammissione: “Turatevi il naso e votate Pd. In molti casi candidati ottimi” – Il Fatto Quotidiano

20 Febbraio 2018 0 Di luna_rossa

In pieno scandalo rifiuti, con l’indagine della procura napoletana che incrocia l’inchiesta giornalistica di Fanpage, il segretario dem si fa intervistare dal primo quotidiano campano. E cita Montanelli ammettendo implicitamente che il suo partito qualche problema di liste deve pure averlo, se per sbarrarne il simbolo occorre chiudersi le narici con pollice e indice. Grasso: “Dovrà farlo anche Prodi per scegliere Casini e non Errani”

Cita il celebre invito di Indro Montanelli, quello lanciato alla vigilia delle politiche 1976 in chiave anticomunista. Ma rilanciandolo ammette implicitamente che nel suo partito c’è più di qualche problema. È un mezzo passo falso l’invito al voto lanciato da Matteo Renzi nel mezzo di un’intervista al Mattino. In pieno scandalo rifiuti, con l’indagine della procura napoletana che incrocia l’inchiesta giornalistica di Fanpage e il governatore Vincenzo De Luca che minaccia i giornalisti, il segretario del Pd prova a fare campagna elettorale facendosi intervistare dal primo quotidiano campano.

E per cercare di strappare qualche voto in terra di Campania, utilizza il noto endorsement di Montanelli alla Democrazia cristiana alle elezioni di 42 anni fa. “È un referendum. Fra quaranta giorni saremo chiamati a scegliere non un partito, e nemmeno un governo, ma un regime. Turatevi il naso ma votate Dc“, scriveva il direttore del Giornale, rilanciando una frase pronunciata da Gaetano Salvemini alla vigilia delle politiche del 1948. Così come già era avvenuto per le prime elezioni repubblicane, infatti, per Montanelli la Dc – nonostante le numerose ombre che si addensavano su molti suoi dirigenti – andava votata solo come extrema ratio per evitare che il Pci vincesse le elezioni.

Oggi, però, Renzi rilancia quel concetto. E lo fa riconoscendo in maniera implicita che per votare il suo stesso partito bisogna chiudere un occhio. “Non faremo alleanze con gli estremisti. Questa è l’occasione per seguire il suggerimento che a suo tempo diede il grande Indro Montanelli: Turatevi il naso e votate Pd“, dice il segretario dei dem. Ammettendo in questo modo che il suo partito qualche cattivo odore deve pur emanarlo se per sbarrarne il simbolo sulla scheda occorre chiudersi le narici con pollice e indice. E infatti nella stessa intervista al Mattino, l’ex premier prova ad aggiustare il tiro specificando che “in molti casi non c’è neanche bisogno di turarsi il naso, perché i candidati sono ottimi“. Quindi se in molti casi non c’è bisogno, vuol dire che almeno in qualche occasione per votare il Pd bisogna fare più di qualche sforzo. E a dirlo non è un opinionista o un giornalista. Nossignore: è il numero uno del Pd in persona. E lo dice in Campania, regione dove i dem candidano alla Camera il figlio di De Luca (Piero, fratello di Roberto coinvolto nell’inchiesta di Fanpage) e Franco Alfieri, l’uomo delle fritture di pesce passato alla storia perché venne definitivo dallo stesso governatore come “notoriamente clientelare“. Candidature che non sono piaciute ad Antonio Vassallo: il figlio di Angelo, l’ex sindaco di Pollica ucciso dalla camorra, aveva addirittura chiesto al partito di non usare più il nome di suo padre. Come dire: i Vassallo non intendono turarsi il naso e votare Pd.

I dem, però, hanno qualche problema con le liste anche altrove. Lo fa notare Pietro Grasso replicando all’appello lanciato sul Mattino dal segretario .”Se Renzi ha detto che bisogna turarsi il naso per votare Pd, non c’è dubbio che anche Prodi si dovrà turare il naso per votare a Bologna Casini e non certamente Errani. Questo è il risultato di una legge elettorale voluta da Renzi, Berlusconi e Salvini”, dice il leader di Liberi e Uguali, citando l’endorsement di Romano Prodi al premier Paolo Gentiloni e alla lista Insieme. “Con questa pessima legge elettorale chiunque sostiene la lista Insieme o la lista Bonino non fa che votare Renzi e quindi il governo di Renzi con Berlusconi. Questa legge elettorale perversa fa sì che a Bologna chi deve votare Pd si trova a votare Casini e non Errani”, ha detto ancora il presidente del Senato. Al quale risponde lo stesso Casini. “Un presidente del Senato che fa battute contro colleghi presidenti di Commissione è triste: il segno di un vero degrado istituzionale. Così vanno i tempi”, dice l’ex presidente della Camera, candidato del centrosinistra nel collegio uninominale di Bologna dopo una vita nella Dc prima, e nell’Udc alleato di Berlusoconi poi. Nel suo caso, dunque,  il celebre invito di Montanelli si potrebbe anche non aggiornare: Casini democristiano era e democristiano è rimasto.

Sorgente: Elezioni, l’appello di Renzi è un’ammissione: “Turatevi il naso e votate Pd. In molti casi candidati ottimi” – Il Fatto Quotidiano

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •