Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Prima Pagina – Il Manifesto e i primi articoli online

«L’avversario del Pd non è il centro destra ma il Movimento 5 stelle»: Renzi torna al Lingotto e all’assemblea nazionale dei sindaci dem apre la campagna elettorale di un partito in caduta libera nei sondaggi. Attacca Raggi e Appendino e sulle sue ambizioni per Palazzo Chigi frena: «Basta che sia uno del Pd»

Internazionale

Medicaid solo per i poveri «che se lo meritano»

Marina Catucci

La Casa bianca pubblica il vademecum per gli Stati che intendono applicare la riforma sanitaria: sì alla copertura dei più disagiati ma solo se utili alla comunità. Esclusi disabili, disoccupati, donne incinte, ovvero le categorie protette dall’Obamacare

«Liberate Ahed Tamimi e tutti i minori palestinesi»

Michele Giorgio

Questo è lo slogan che hanno scandito ieri alla manifestazione nel villaggio di Nabi Saleh dopo il mese scorso la 16enne palestinese fu arrestata dopo aver schiaffeggiato due soldati israeliani. Domani nuovo udienza del processo militare che oltre ad Ahed vede sul banco degli imputati anche la madre Nariman

Commenti

Regeni, il coro mediatico dalla parte della contro-rivoluzione

Francesco Strazzari

Invece che appuntare lo sguardo sui meccanismi che proteggono i carnefici dal finire davanti a un tribunale, in Italia si scatenano congetture. Avvezzo alla fiction noir, il pubblico ha sete di colpi di scena e Giulio viene spogliato della dignità di ricercatore che studiava – per l’appunto – la semplificazione autoritaria del conflitto sociale

Cultura

La stella Tabby ha perso i suoi alieni

Andrea Capocci

Non sarebbero strutture extraterrestri a modificare la sua emissione della luce, ma polveri cosmiche. Nonostante le smentite su presenze non umane nell’universo, i magnati dell’industria high tech continuano a finanziare la ricerca dei marziani, considerandola un passatempo

Alias Domenica

Lunga e felice vita della forma breve

Luca Briasco

Da Joy Williams, a Lucia Berlin, a Chris Offutt, fino al record di visualizzazioni di «Cat Person» scritto da Kristen Roupenian e acquistato a un’asta milionaria, il racconto è in gran forma

Una biografia… anzi quattro, ma in chiave controfattuale

Paolo Simonetti

Frasi lunghe intere pagine, digressioni rigogliose, meditazioni profonde accanto a pensieri triviali, bozzetti di vita urbana, meticolose ricostruzioni storiche anni sessanta, picchi di eleganza alternati a un soliloquio edonistico: «4321», da Einaudi

Coraggio, curiosità e una lista di desideri

Gian Maria Annovi

Incontro con Béatrice Mousli, cui si deve la prima biografia di Susan Sontag, uscita da Flammarion, basata sulle carte donate dalla scrittrice alla University of California di Los Angeles

Duplicità di un gesto che spezza i legami forti

Luca Illetterati

Nel suo saggio «Il tradimento», uscito da Einaudi, il filosofo israeliano Avishai Margalit sostiene come sciogliere il collante che tiene uniti i rapporti forti abbia a che fare con l’etica, non con la morale

Eliot, il suo cuore di tenebra ha ripreso a battere

Francesco Rognoni

Caterina Ricciardi rilegge, per Storia e Letteratura, «The Hollow Men», il poemetto eliotiano uscito nel 1925, dopo «La terra desolata», e recitato in una scena di «Apocalypse Now»

La «vie moderne» tra vicoli e generi

Gennaro De Luca

Il più fortunato fu De Nittis, e poi Gemito, Mancini… Tra fedeltà espressive e diluizioni illustrative, il rapporto con la città dell’impressionismo fu vivo e peculiare

Degas per Valéry: un organo di mira

Federico De Melis

Il titolo della mostra è lo stesso del celeberrimo saggio di Paul Valéry, di cui essa intende mettere in luce le coordinate: arte come volontà fisiologica dell’occhio, realismo come vibrante sintesi grafica, modernità «inattuale»

Inventariare il Maggio

Giorgio Villani

Continua (siamo al decennio 1963-’73) l’inventario di bozzetti scenografici, schizzi d’abiti e di costumi, a cura di Moreno Bucci: un atto d’amore all’istituzione e alla città. Cagli, Maccari, Pizzi, Tosi, Coltellacci, ma pure Luzzati nel 1964 espressionista voluto da Vlad, e le pagine semibianche del 1966 «alluvionato»

Sorgente: Prima Pagina – Il Manifesto | Giornalone

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.