Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Per i giovani inglesi il capitalismo è più minaccioso del comunismo – La Stampa

Una ricerca di ComRes illustra come il marxismo sia tornato di moda tra gli studenti universitari: «Colpa del mercato libero se siamo più poveri dei nostri padri»

Comunismo 1, Capitale 0. «I giovani stanno perdendo fiducia nel sistema capitalistico. Siamo la prima generazione che ha un tenore di vita peggiore dei propri genitori. Io, con i miei stipendi e con il costo della vita, ad esempio, non so quando possiederò la casa in cui abito». A rappresentare con pragmatismo inglese la sfiducia delle giovani generazioni è Fiona Lali, presidente della Società Marxista presso la Scuola di Orientalistica e Studi Africani dell’università di Londra. In un’intervista radio, ripresa dal quotidiano britannico Times, la studentessa ha riportato i risultati di una ricerca, che dimostra come i giovani inglesi considerino il capitalismo una minaccia peggiore del regime comunista.

 

I numeri suonano inediti, ma parlano chiaro: il 24% degli intervistati tra i 18 e i 24 anni guarda al libero mercato con seria preoccupazione, criticandone gli effetti sull’economia reale dei Paesi occidentali, solo il 9% sarebbe invece preoccupato per l’instaurazione di un sistema di stampo comunista, si dice nel rapporto condotto dalla società ComRes. Salendo con l’età, tra i 25 e i 34, solo il 6% del campione interpellato classifica il comunismo tra i sistemi politico-economici più pericolosi. La ricerca dimostra che quelli che l’epoca sovietica la ricordano sono invece spaventati da un possibile ritorno del comunismo.

 

Gli storici inglesi studiano il fenomeno sociale, mettono in guardia dal relativismo storico che tratta il marxismo come un femoneno vintage e citano il caso di uno studente della Marxist Society, che ha dichiarato alla Bbc che «il comunismo ha fallito nell’Urss solo perché non ha avuto la possibilità di svilupparsi». A poco valgono le critiche di chi ricorda che milioni di persone sono morte nei gulag: dai dati recentemente usciti dall’archivio del Kgb, risulterebbe che i gulag hanno avuto circa 29 milioni di «ospiti», di cui 13 milioni sono deceduti. Secondo gli ultimi calcoli (fonti russe) le vittime del comunismo nella sola ex Unione Sovietica sarebbero circa 75 milioni. Orlando Figes, professore di Storia al Birkbeck College, università di Londra, spiega che «incolpare l’ Occidente per i problemi della Russia comunista è un “vecchio mito”». Il marxismo, tuttavia, sta attirando i millenial. La Federazione Studentesca Marxista inglese ha dichiarato che lo scorso anno più di 3 mila studenti si sono iscritti alla Società in 32 università. Le riunioni settimanali o quindicinali si svolgono in 25 campus.

Sorgente: Per i giovani inglesi il capitalismo è più minaccioso del comunismo – La Stampa

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.