Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Non può pagare le cure: lasciata in strada al gelo in camice | Il Mattino

Scandalo a Baltimora dove una paziente dimessa dall’ospedale è stata lasciata per strada al freddo (la temperatura era intorno a 0 gradi) con indosso soltanto il camice da ospedale. Scene riprese in un video diventato virale su internet, che ha scatenato un putiferio.

Le immagini mostrano una donna afroamericana dimessa dall’University of Maryland Medical Center in stato confusionale e con ancora i braccialetti dell’ospedale al polso. Ai piedi aveva soltanto i calzini, e indossava solo il camice. A riprendere il fatto è stato Imanu Baraka, uno psicoterapeuta: «Non credevo ai miei occhi – ha raccontato – Non avevo altra scelta che dare una voce a questa giovane». Della donna si sa solo che ha 22 anni e soffre di problemi mentali.

Il presidente e amministratore delegato dell’ospedale si è scusato per l’accaduto, definendolo un incidente isolato: «Ci assumiamo la piena responsabilità per questo fallimento», ha detto il dottor Mohan Suntha ammettendo la mancanza di «umanità e compassione» al momento delle dimissioni.

La vicenda riapre la questione dell’assistenza medica a chi non può permettersi un’assicurazione sanitaria o di pagare le spese negli Usa. Una legge del 1986 proibisce al pronto soccorso di negare i servizi ospedalieri anche se i pazienti non possono pagare. A Los Angeles, il Goog Samaritan Hospital ha dovuto pagare un risarcimento di 450.000 dollari per chiudere un procedimento che lo accusava di aver scaricato un senzatetto per strada nel 2014 dopo essere stato curato per un infortunio al piede. Nel 2007, invece, un uomo paraplegico è stato visto trascinarsi a terra intorno allo Skid Row and Hollywood Presbyterian Medical Center, e l’ospedale ha pagato un milione di dollari per risolvere il caso.

Sorgente: Non può pagare le cure: lasciata in strada al gelo in camice | Il Mattino

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense