Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Iran, 12 i morti nelle proteste. Segnalati nuovi scontri a Teheran. Trump: “E’ tempo di cambiare” – Rai News

Il presidente Rohani risponde al capo della Casa Bianca: “Non ha diritto di simpatizzare con il popolo iraniano, dimentica che pochi mesi fa ha definito la nazione iraniana terrorista”. Segnalate nuove proteste a Teheran dopo il tramonto ​Iran, nuove proteste e morti. Rohani: popolo è libero di manifestare, ma senza violenza Sangue sulle proteste in Iran, Teheran accusa:”Servizi stranieri dietro gli scontri”.Stop a internet Iran: vittime nelle proteste contro governo per il carovita. Accesso a Internet bloccato

01 gennaio 2018

Ancora proteste e vittime in Iran, dove migliaia di persone continuano a scendere in piazza contro il carovita e la corruzione del regime. La televisione statale parla di 12 morti da giovedì scorso. Trecento gli arresti tra Teheran, Izeh e Arak. Tra i feriti ci sono almeno 12 poliziotti. E i media iraniani segnalano nuovi disordini a Teheran dopo il tramonto. Sono state diffuse immagini di auto in fiamme e della massiccia presenza di polizia, mentre i social media parlano della presenza di piccoli gruppi di manifestanti che nel centro della capitale intonano canti e slogan anti-regime. Quinta notte di protestePer la quinta notte di seguito, dunque, i dimostranti sono scesi nelle strade, dove hanno attaccato e anche bruciato edifici pubblici, centri religiosi, banche, e sedi della milizia islamica del regime. Date alle fiamme anche auto della polizia. La protesta è esplosa giovedì a Mashhad, la seconda città del Paese, per poi ampliarsi a livello nazionale, compresa la capitale Teheran dove sono state arrestate in questi giorni centinaia di persone. Bloccati i social networkPer evitare i raduni di strada, le autorità hanno bloccato, anche se “solo temporaneamente”, l’accesso ai social netowrk, in particolare Telegram e Instagram.Trump: “Stanno fallendo in tutto, è ora di cambiare”L’Iran “sta fallendo ad ogni livello”, “è tempo di cambiare”, scrive Donald Trump in un nuovo tweet sulle proteste in corso in Iran, nel quale torna ad attaccare anche l’accordo nucleare stretto dal suo predecessore Obama con Teheran. “L’Iran – si legge- sta fallendo ad ogni livello malgrado il terribile accordo fatto con l’amministrazione Obama. Il grande popolo iraniano è stato represso per tanti anni. Sono affamati di cibo e libertà. Assieme ai diritti umani la ricchezza dell’Iran viene saccheggiata. E’ TEMPO DI CAMBIARE!”, scrive il presidente americano. Iran is failing at every level despite the terrible deal made with them by the Obama Administration. The great Iranian people have been repressed for many years. They are hungry for food & for freedom. Along with human rights, the wealth of Iran is being looted. TIME FOR CHANGE! — Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 1 gennaio 2018Rohani a Trump: non ha diritto di simpatizzare con il popolo iraniano Al capo della Casa Bianca risponde il presidente iraniano Rohani: Donald Trump “non ha il diritto di simpatizzare” con il popolo iraniano. “L’uomo negli Stati Uniti che oggi vuole simpatizzare con il nostro popolo – dice Rohani durante la riunione di governo, in un riferimento al presidente americano che non cita mai per nome – ha dimenticato che pochi mesi fa ha definito la nazione iraniana terrorista. Questa persona, che è contraria alla nazione iraniana dalla punta dei piedi alla cima dei capelli, non ha il diritto di simpatizzare con il popolo iraniano”.Rohani: le critiche sono un’opportunità”Le critiche e le proteste sono un’opportunità, non una minaccia”, dice poi il presidente iraniano in una dichiarazione pubblicata sul sito web della presidenza, a proposito delle manifestazioni di questi giorni contro il governo, di cui ha minimizzato la portata, definendole “niente”. “La nazione stessa risponderà a rivoltosi e delinquenti – ha continuato Rohani – La nostra nazione affronterà questa minoranza che urla slogan contro la legge e insulta la santità ed i valori della rivoluzione”. Ragazza senza velo diventa simbolo della protestaE’ una ragazza senza il velo che sventola il suo ‘hijab’ bianco il simbolo della protesta in Iran. La donna, riporta la pagina Facebook My Stealthy Freedom di Masih Alinejad – l’attivista che si batte contro l’obbligo dell”hijab’ – partecipava alla campagna ‘WhiteWednesdays’ ed è stata arrestata. Ma il suo esempio è seguito da altre donne.

Sorgente: Iran, 12 i morti nelle proteste. Segnalati nuovi scontri a Teheran. Trump: “E’ tempo di cambiare” – Rai News

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense