Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Inchiesta sui Cesaro: nessuno cita la Pascale ma i Ros la tirano in ballo | Il Mattino

Viene indicata come il possibile «gancio» dei Cesaro a Milano, in vista di una ipotetica opera di sensibilizzazione di Silvio Berlusconi, per ottenere un’assunzione pilotata nell’ospedale San Raffaele di Milano. Sette giorni dopo la notifica di 29 avvisi di garanzia per voto di scambio a carico – tra gli altri di Luigi Cesaro e del figlio Armando – spunta il nome di Francesca Pascale. Non è indagata, non è intercettata al telefono. La sua voce non viene captata in ambientale, probabilmente non viene neppure citata da due o più interlocutori rimasti qualche mese sotto la lente di ingrandimento della Procura di Napoli nord. Eppure il suo nome viene indicato come il possibile trait d’union di una sorta di partita di giro elettorale, tra voti promessi e assunzioni altrettanto promesse al San Raffaele di Milano. Stando infatti alla ricostruzione della Procura di Aversa, i Cesaro vengono coinvolti nel tentativo di garantire alla figlia di un vigile urbano di Marano il via libera all’assunzione nell’istituto ospedaliero fiore all’occhiello della Sanità lombarda. Una ricostruzione fondata su intercettazioni e appostamenti, assieme ad altri capitoli investigativi che potrebbero spingere la Procura aversana a chiedere il rinvio a giudizio dei venti e passa indagati per la storia del voto di scambio.

Ma cosa c’entra Francesca Pascale? Atti notificati alle parti, migliaia di pagine in questi giorni messe a disposizione di indagati e dei propri legali, si scopre qual è stato il ragionamento investigativo per la storia del San Raffaele. Scrivono i militari del Ros, nella loro informativa spedita mesi fa alla Procura aversana: «Al centro di tutto vi è un ulteriore episodio di corruzione elettorale, in cui è coinvolta una giovane laureata in medicina, che aspirava ad essere assunta presso l’ospedale San Raffaele di Milano, polo ospedaliero e universitario privato della fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor, fondata da don Luigi Maria Verzé, discusso prete deceduto il 31 dicembre del 2011, noto anche per i suoi rapporti con Silvio Berlusconi». Dunque? Qual è il link tra Marano e Milano? «Il padre del giovane medico si rivolgeva ad Antonio Di Guida per assecondare l’ambizione della figlia attraverso le qualificate relazioni politiche dell’indagato. La richiesta di raccomandazione avveniva in piena campagna elettorale per le regionali del 31 maggio 2015, per cui era implicito che il postulante offriva in cambio il bacino di voti che esprimeva. Il Di Guida si rivolgeva infatti a Luigi Cesaro e al figlio Armando, per agevolare il medico, i quali avrebbero potuto soddisfare la richiesta tramite Silvio Berlusconi, attese le note aderenze al San Raffaele del presidente del loro partito, e la compagna Francesca Pascale».

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCANDO IL LINK SOTTO RIPORTATO

Sorgente: Inchiesta sui Cesaro: nessuno cita la Pascale ma i Ros la tirano in ballo | Il Mattino

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense