Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Giorno della Memoria, polemiche alla scuola Franchetti di Roma: non si canta Bella Ciao – Repubblica.it

Neanche la celebrazione della Giornata della Memoria in una scuola elementare si salva dalle storture di una par condicio pretestuosa. A Roma, nella scuola Franchetti dello storico quartiere di San Saba, per domani, 27 gennaio, è prevista una cerimonia per scoprire una targa per “nonno” Bruno Fantera, che nella sua casa salvò dalle deportazioni nazifasciste una famiglia di ebrei ed è per questo riconosciuto come “Giusto tra le nazioni”. La scuola Franchetti ha per l’occasione lavorato a un progetto didattico: i bambini sono stati coinvolti in attività di studio, ma anche ludiche, per la cerimonia. Visto che si tratta di classi delle elementari, il modo migliore per partecipare è stato di organizzare un coro che cantasse “Bella ciao”. Durante una riunione del consiglio d’istituto, però, alcuni genitori si sono lamentati per la scelta della canzone che, a loro parere, porterebbe la politica nella scuola e darebbe ai bambini una visione unilaterale degli avvenimenti della Seconda Guerra Mondiale. Il coro con “Bella ciao” è stato perciò sospeso e al momento, secondo quanto affermano alcuni consiglieri d’istituto, “sono in corso trattative”. Raffaella Cordeschi, una dei genitori membri del consiglio, spiega: “I genitori che si oppongono sostengono che “Bella ciao” è il simbolo di una parte politica e che la politica non deve entrare in questa celebrazione. Abbiamo cercato di spiegare che, al contrario, si tratta di un testo ormai patrimonio storico comune, calzante visto che il tutto si tiene in uno dei quartieri simbolo della resistenza al nazi-fascismo.Cordeschi aggiunge: “La scelta fatta dalle maestre non ha nulla a che vedere con la politica, fa parte di un lavoro fatto in classe sul periodo storico, i bambini erano felici di cantare e sarebbero molto delusi se non potessero farlo”. Un’altra consigliera, Camilla Buitoni, anche lei sconcertata per l’opposizione a “Bella Ciao” osserva: “Mi stupisce proprio perché la stragrande maggioranza della comunità dei genitori è a favore della canzone e la scuola Franchetti è una splendida comunità aperta, plurale, progressista e libera”.Il paradosso è, tra l’altro, che sul muro esterno della scuola, in piazza Bernini,  spicca la lapide che ricorda Renato Baruffi e Luciano Donati, due ragazzi del quartiere, entrambi di 18 anni, uccisi dai nazisti il 22 marzo del 1944

Sorgente: Giorno della Memoria, polemiche alla scuola Franchetti di Roma: non si canta Bella Ciao – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.