Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Elezioni 2018, centrodestra: varata l’alleanza a quattro Maroni dice addio alla Regione|Ministro o premier, la scommessa del Governatore – Corriere.it

Dal vertice ad Arcore sì al quarto polo centrista. Le intese sul programma: via la legge Fornero, flat tax, difesa del Made in Italy e controllo dell’immigrazione

di Paola di Caro

Quattro ore di incontro ad Arcore, con pranzo e lunghe discussioni in un clima «molto positivo», portano a un risultato importante per il centrodestra: Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e il Quarto Polo si presenteranno uniti alle elezioni politiche, con un programma comune che recepisce le principali richieste di ciascuna forza, e con candidati comuni alle Regionali. Lo recita un lungo comunicato siglato al termine del vertice tra Berlusconi, Salvini e la Meloni, rispettivamente affiancati da Ghedini, Giorgetti e Larussa, i tre plenipotenziari dei leader che presiederanno (con Mariastella Gelmini, Roberto Calderoli e Francesco Lollobrigida) il tavolo delle candidature, pronto a riunirsi questa settimana assieme a quello sul programma, guidato dai capigruppo dei partiti.

Il vertice di Arcore e i programmi di FI, Lega e FdI: che cosa li unisce, che cosa li divide
  • Il vertice di Arcore e i programmi di FI, Lega e FdI: che cosa li unisce, che cosa li divide
  • Il vertice di Arcore e i programmi di FI, Lega e FdI: che cosa li unisce, che cosa li divide
  • Il vertice di Arcore e i programmi di FI, Lega e FdI: che cosa li unisce, che cosa li divide
Il nodo dei programmi

Alla fine, forse già domenica o lunedì prossimi, si rivedranno gli stessi capi di Forza Italia, Lega e FdI per siglare l’intesa, che dovrà prevedere anche i nomi dei candidati del Lazio e della Lombardia, della quale si è a lungo discusso nel vertice visto che l’indisponibilità a ricandidarsi di Roberto Maroni riapre la corsa al Pirellone, dove ancora non è stato individuato un candidato certo ma solo «il suo profilo». E la corsa non è al traguardo nemmeno nel Lazio: come per la Lombardia, si aspettano i risultati dei sondaggi commissionati per capire chi possa avere le maggiori chance, con buone probabilità che tocchi alla fine a Maurizio Gasparri: se accordo sarà, al sindaco di Amatrice Pirozzi già in campo, esponente di FdI (che mette sul piatto anche il nome di Rampelli), verrebbe offerto in cambio del ritiro un collegio alla Camera o al Senato. Questi i nodi ancora da sciogliere, assieme a quelli sulle quote di collegi da distribuire a ciascuna forza e sui nomi: è passato infatti il criterio proposto dalla Meloni di candidare nell’uninominale solo chi riscuota l’approvazione di tutti gli alleati. Grossi passi avanti si sono invece fatti sulla struttura dell’alleanza e sul programma.

Si ufficializza appunto una coalizione a quattro (con i rappresentanti della componente centrista che parteciperanno alle riunioni dei vari tavoli) che si presenterà anche con una lista unitaria e un simbolo comune con i nomi di tutti i leader nella circoscrizione estera. E si è trovata l’intesa, almeno nei titoli e in attesa che venga scritto ogni passaggio nero su bianco, sui punti comuni del programma: Salvini porta a casa quello che è diventato il suo slogan da tempo, la «revisione del sistema pensionistico, cancellando gli effetti deleteri della legge Fornero»; la Meloni un «imponente piano a sostegno della natalità» e la difesa del «Made in Italy», FI insiste sulla flat tax, sulla riforma della giustizia e del giusto processo nonché sull’adeguamento delle pensioni minime a 1000 euro, e tutti condividono in pieno il «meno tasse», il «controllo dell’immigrazione», la necessità di una legge sulla legittima difesa e l’impegno per ottenere «meno vincoli dall’Europa».

Si valuterà se istituire una commissione di saggi per vagliare sulla «presentabilità» dei candidati mentre è deciso che si terrà una grande manifestazione a febbraio con tutti gli aspiranti deputati e senatori che dovranno firmare una sorta di patto «anti-inciucio», ovvero un documento definito «impegno di serietà» con il quale si esclude di far parte di una maggioranza con Pd o Movimento 5 Stelle. Richiesta esplicita di Fratelli d’Italia e Lega che è stata quindi recepita. Ora si va alla stretta finale su collegi e nomi, con un Berlusconi che – in un’intervista al Foglio – si pone come garante della coalizione: «FI sarà di gran lunga la maggior forza politica della coalizione e garantirà che non ci possa essere spazio per tentazioni demagogiche, se mai si dovessero manifestare».

Sorgente: Elezioni 2018, centrodestra: varata l’alleanza a quattro Maroni dice addio alla Regione|Ministro o premier, la scommessa del Governatore – Corriere.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.