Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

contributi/ LA MENZOGNA DELLA SOLIDARIETÀ

SULLA SIMMETRIA TRA RAZZISMO DI DESTRA E IPOCRISIA DELL’ANTIRAZZISMO DI SINISTRA

-riportare l’antirazzismo al centro delle lotte e non farne mera appendice. Un antirazzismo che sappia porre l’accento sulle effettive condizioni di vita dei e delle migranti e sulle ragioni strutturali e strutturanti che queste interpellano

È tornato nella mani di papa Francesco il pallino della “questione migranti”. Ieri, in occasione della Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, ha rilanciato l’appello all’accoglienza e alla solidarietà, raccogliendo ancora una volta una parte almeno delle aspettative, ma anche le illusioni, andate deluse con il nulla di fatto sullo ius soli. Una misura sacrosanta ma, mi si lasci dire, ipocrita al contempo, illusoriamente antirazzista perché in sé selettiva e assimilante, che avrebbe in tutti i casi esteso i diritti di cittadinanza agli oltre 800mila giovani “stranieri” cresciuti nel nostro paese. Ma il 23 dicembre scorso, stupendo solo i più ingenui o quelli in malafede, la farsa dello ius soli è arrivata alla sua logica conclusione: affossata in Senato da un manipolo di parlamentari Dem già in vacanza per il Natale; una misura concreta dell’effettivo interesse che il provvedimento ha rivestito per la sinistra di governo.

Hanno subito gridato allo scandalo l’opposizione interna al PD e la sinistra dei buoni sentimenti, mentre la chiesa cattolica tuonava contro “gli ignavi in fuga” e papa Francesco raccoglieva trasversalmente consensi quando dal pulpito di San Pietro, la sera di Natale, lanciava l’appello all’accoglienza dei migranti. Alla fiera della falsa coscienza andata in scena tra la fine del vecchio e l’inizio del nuovo anno, il migrante ha ancora una volta perso la sua specifica soggettività materiale per incarnare il discorso emergenziale e farsi vittima indifesa alla mercede della pelosa carità cattolica e della solidarietà strumentale della sinistra.

Una solidarietà che divide più che congiungere, perché non guarda alle materiali condizioni di esistenza e propone un’immagine astratta del migrante, sradicato dal suo posizionamento all’interno delle gerarchi di classe e razza. Una solidarietà che stratifica e marca la differenza tra chi dà e chi riceve solidarietà: Stato e chiesa in anelito di progressismo umanitario da una parte, vittime bisognose di accoglienza dall’altra. È l’erma bifronte del dispositivo razziale di governo delle migrazioni che il paese appoggia in Europa raccogliendo consensi, fatto di emergenzialità e stretta securitaria all’interno e di hotspot, missioni militari e Migration Compact all’esterno, con tanto di violenze e campi di tortura come in Libia. Non sorprenderà che lo scorso 23 dicembre, con il cadavere dello ius soli ancora caldo nell’emiciclo di Palazzo Madama, il Senato abbia discusso di un intervento “umanitario” in Niger “a contrasto del traffico di esseri umani”, proprio come in Libia.

Nello stesso tempo il migrante, disincarnato dalle materiali condizioni della sua esistenza, diventa specchio delle retoriche elettorali alterne ma speculari di sinistra e destra: vittima bisognosa di accoglienza nel primo caso, nemico da combattere nel secondo. In entrambi i casi la proiezione di una verità mistificata, una mistificazione in senso marxiano ovvero come punto di vista che organizza interessi di parte. È una verità parziale che guarda agli effetti e rimuove le cause: è vero, nella crisi i processi di declassamento e impoverimento rischiano continuamente di aprire la competizione tra “italiani” e “stranieri” per l’accesso alle residue risorse di welfare e reddito, però ciò che viene volutamente occultato è che sono le politiche di destra e di sinistra a creare questa contrapposizione, radendo al suolo le risorse di welfare e reddito nel nome dell’accumulazione selvaggia. È dunque una verità parziale che affonda le sue radici nell’interesse comune tra destra e sinistra, laici e cattolici, di rimuovere i processi di razzializzazione che strutturano la società capitalista lungo gerarchie sociali e materiali, ossia di classe. È qui che si annida il reciproco alimentarsi delle retoriche di destra e sinistra, dove l’immagine del nemico invasore “minaccia per la razza bianca” si somma e sovrappone a quella del migrante in preda alla “paura” bisognoso di “protezione”. Due immagini speculari che occultano i rapporti sociali e materiali e le gerarchie costruite sul terreno della razza.

Detto altrimenti, sono proprio le politiche del governo nella crisi, dalla deregolamentazione del lavoro del Jobs Act ai tagli al welfare, fino al farsi businessdell’accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati (dentro un quadro di malaffare e corruzione che descrive la messa al lavoro del sistema di accoglienza per produrre ricchezze anche illecite e forza lavoro servile) ad alimentare le fratture sociali cavalcavate dalle destre, dove i processi di impoverimento e la riduzione dei servizi aprono alla guerra tra poveri; una guerra che corre inevitabilmente lungo la linea del colore, per la diffusa incapacità sociale di cogliere le radici materiali del razzismo e il loro carattere socialmente strutturante.

E c’è dell’altro: che rifletta l’immagine della vittima da accogliere o quella dell’invasore da espellere, il migrante, persa la sua connotazione materiale fatta di sfruttamento sul lavoro e marginalizzazione sociale, di razzializzazione, inclusione differenziale e razzismo esplicito, si fa specchio e proiezione di politiche istituzionali che insistono sull’assenza di diritti civili piuttosto che sulla materialità delle condizioni di vita; ius soli (per altro “temperato”) invece di garanzie sociali e sul lavoro per tutte e tutti, stranieri e non, “contrasto al traffico di esseri umani” e accoglienza emergenziale invece di politiche di convivenza e garanzie per il lavoro migrante. È qui, intorno all’equivoco della solidarietà (in un’accezione che segna invece di annullare le gerarchie) che si svela la natura dell’antirazzismo umanitario continuamente invocato dalle anime belle tra sinistra e cattolici: qui la solidarietà è pura menzogna proprio perché non interviene sul piano materiale ma – in un rapporto asimmetrico – si limita al piano formale dei diritti, lasciando così campo aperto alle destre per cavalcare i processi di impoverimento e declassamento che stanno attraversando la crisi, canalizzando politicamente, attraverso l’immagine dello straniero invasore, la rabbia sociale.

Per questo motivo, come già altre volte ho sostenuto, razzismo materialista e antirazzismo umanitario, destra dal volto truce e sinistra buonista, sono complici, hanno continuamente bisogno uno dell’altro. Sono due facce della stessa medaglia: la medaglia che ha creato e governa la crisi, la medaglia che produce i processi di impoverimento di tutti, migranti e non, e che per gestirli deve mettere i differenti segmenti della catena in contrapposizione. E mentre il razzismo materialista insiste sulla razza per rafforzare e naturalizzare i dispositivi di gerarchizzazione, gli antirazzisti umanitari ne fanno un tabù che, per ipocrisia formale, evita di mettere in discussione quegli stessi dispositivi.

Però, con buona pace di sinistra e chiesa cattolica (e talvolta ahimè anche di una vocazione assistenzialista che in tempi di crisi sembra essersi impossessata di una parte del “movimento”), esiste anche una solidarietà che apre a processi di trasformazione e contro-soggettivazione, che non vive di rapporti asimmetrici, di debolezza e carità, di vittimizzazione e aneliti umanitari. La solidarietà può essere sovversiva, portatrice di nuove relazioni e rapporti di potere quando interviene concretamente sulle condizioni materiali di vita, quando si incarna nelle lotte e non nella carità. Forse conviene non chiamarla neppure più solidarietà, per non cadere nell’equivoco ripetuto dalle anime belle che si fanno complici dei volti truci. Abbiamo bisogno non di supposte debolezze da compatire e sommare, ma di potenziali forze da far esplodere e ricomporre. È per questo che da anni insistiamo sulla necessità di riportare l’antirazzismo al centro delle lotte e non farne mera appendice, magari da richiamare seguendo l’agenda di una “emergenza umanitaria” (che presto diventa “emergenza elettorale”), un antirazzismo che sappia porre l’accento sulle effettive condizioni di vita dei e delle migranti e sulle ragioni strutturali e strutturanti che queste interpellano. Questo antirazzismo non si può basare sulla solidarietà di chi se lo può permettere, ma deve fondarsi sulla capacità di connettere gli interessi materiali di soggetti razzializzati e non, perché gli uni e gli altri sono attaccati dalle stesse politiche e hanno un nemico comune: la destra e la sinistra, cioè coloro che li vorrebbero divisi e contrapposti. Perché le condizioni di vita degli autoctoni non possono migliorare finché peggiorano quelle dei migranti, e viceversa. E non miglioreranno né le une né le altre senza lottare contro l’erma bifronte che a marzo si spartirà ancora le sue poltrone sulla nostra pelle, qualunque colore essa abbia.

Commonware 

Sorgente: contributi/ LA MENZOGNA DELLA SOLIDARIETÀ

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.