Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Berlusconi-Salvini, coalizione di facciata

Dai vaccini alla Fornero, ognuno dice la sua, il programma è una finzione. Salvini convinto dell’attrazione fatale del Cav per le larghe intese. Guaio Lazio

In campagna (elettorale) veritas. La verità di una coalizione “bugiarda”, favorita da una legge elettorale che, dietro l’apparenza di un finto maggioritario, consente di fare il pieno dei collegi senza nessun vincolo politico, per l’oggi e per il dopo, quando in Parlamento ognuno si sentirà libero di muoversi in libertà nella formazione di un governo.

Ecco che, alla prima riunione sul programma, l’unico accordo che si materializza, nel centrodestra, è sulla finzione: “Sarà di poche pagine – dice uno dei partecipanti – e, di fatto, ci saranno solo slogan. I soliti: meno tasse, più sicurezza… Non un programma di governo”. Il che consentirà a ognuno di continuare a dire la sua, raccontandosi come “coalizione” pur non essendo tale e come “alleati”, pur essendo pronti a separarsi il minuto dopo il dopo. Come sta già sta accadendo pressoché su tutto: dalla Fornero, che Salvini vuole “abolire” e Berlusconi solo “rivedere” (forse), alla legge sui vaccini, attorno a cui monta la clamorosa polemica del giorno, altra legge da abolire per il leader leghista e da difendere per Forza Italia.

Parole, slogan, stile da separati in casa, nella sostanza politica. Senza neanche curare tanto le apparenze. Bastava ascoltare Salvini martedì sera da Floris, quasi sprezzante col Cavaliere: “C’è un solo modo per evitare le larghe intese. Ovvero che vinca il centrodestra e la Lega che arriva prima. Costringendo in tal modo Berlusconi a governare col centrodestra”. Il che significa ammettere candidamente – non male detto da un alleato – che in caso di non vittoria, e dunque senza costrizione, la best option del Cavaliere sono le larghe intese. In questo crollo di dinamica unitaria anche l’accordo sul candidato in Lombardia Attilio Fontana acuisce gli elementi di separazione. Perché frutto della minaccia più dura da parte del leader leghista: “O così o saltano tutti i collegi uninominali”. Una minaccia più convincente del sondaggio della Ghisleri secondo Maria Stella Gelmini aveva un bel po’ di punti in più del poco conosciuto leghista in termini di notorietà e di fiducia. Ad ogni modo lo stesso report dice che i partiti del centrodestra sono comunque una decina di punti sopra il centrosinistra, e dunque la partita non dovrebbe essere a rischio. Accordo costato caro al Carroccio che, raccontano fonti vicine alla trattativa, in cambio del governatore ha dovuto accettare un 50 a 50 nella spartizione dei collegi lombardi.

Perché i numeri sono l’unica cosa che conta in questo schema da ladri di Pisa che litigano di giorno sui vaccini e sulla Fornero, per spartirsi il bottino elettorale la sera del 4 marzo. Al tavolo sulle candidature c’era un clima rilassato. Riunione a pranzo al ristorante Rosetta, dove tra un crudo di pesce e l’altro, si è deciso di aspettare gli ultimi sondaggi per poi fare una media e procedere alla divisione delle quote. L’ipotesi, al momento: è 45 per cento (dei collegi) a Forza Italia, 35 alla Lega, 15 alla Meloni, 5 al quarto polo. Ma è solo un’ipotesi. Conto pagato da Ghedini e arrivederci nei prossimi giorni.

E c’è poco da stupirsi se una politica senza prospettiva produca situazioni ingestibili, come quella del Lazio, totalmente sfuggita di mano: “Gasparri – dice Berlusconi – può essere un ottimo candidato. Ma prima bisogna essere sicuri che non ci siano altri candidati che ostacolino la vittoria”. Ovvero Sergio Pirozzi, il sindaco di Amatrice determinato a non ritirarsi. E non è un dettaglio, con l’election day. Perché è evidente che il voto sulla Regione ha un effetto sui collegi. Secondo un sondaggio di Antonio Noto Pirozzi è un candidato rilevante: se il centrodestra unito lo sostenesse sarebbe competitivo con Zingaretti, perché viaggia attorno al 40; nel caso si presentasse lo stesso anche con un candidato del centrodestra, Pirozzi raccoglierebbe comunque un 20 per cento. E forse si spiega anche con questo potere contrattuale perché abbia finora rifiutato l’offerta di seggi sicuri in Parlamento.

Difficile pensare, in una situazione del genere, che nello stesso giorno il centrodestra possa prendere attorno al 20 in regione e fare il pieno alle politiche. Di qui la domanda maliziosa che gira nei Palazzi che contano, dove si conosce la differenza tra la propaganda delle chiacchiere elettorali e la politica intesa come trama di potere: perché Forza Italia ha fatto passare tempo, consentendo che si affermasse la candidatura di Pirozzi e portandola, di fatto, a un punto di non ritorno? È solo imperizia o c’è un calcolo come quello su Roma, quando si decise di appoggiare Marchini per impedire che potesse vincere la Meloni e, in un’ottica tutta da Nazareno, provare a dare una mano al Pd? Stessa cosa che potrebbe accadere oggi in regione e sui collegi. Forse è dietrologico e complottardo immaginare che il Lazio possa essere l’Ohio del Nazareno che verrà, ma gli esperti di numeri sostengono, ed è difficile sostenere il contrario, che senza fare il pieno in questa regione è complicato pensare a una vittoria nazionale del centrodestra. Certe volte, a pensar male ci si indovina, soprattutto quando si ragiona su coalizioni bugiarde.

Sorgente: Berlusconi-Salvini, coalizione di facciata

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense