Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Visco svela l’ossessione di Renzi e Boschi per Etruria: “Lui mi chiese notizie, non risposi. Di banche parlo con Padoan” – Il Fatto Quotidiano

Il governatore di Bankitalia davanti alla commissione parlamentare di inchiesta tira in ballo l’ex premier. “Nell’aprile 2014, al nostro terzo incontro, mi chiese dell’interesse della Pop Vicenza ed espresse preoccupazione per il settore dell’oro aretino. Pensai fosse una battuta”. La sottosegretaria poi parlò con il vice dg Panetta. Anche lui “non disse nulla perché le questioni della vigilanza sono riservate”

Renzi durante il nostro terzo incontro mi chiese perché la Popolare di Vicenza si voleva comprare Banca Etruria. Non risposi, gli dissi ‘caro presidente, io delle banche in difficoltà parlo col ministro’. Lui mi espresse preoccupazione sul settore dell’oro dell’aretino. Pensavo fosse una battuta”. Il governatore di Bankitalia Ignazio Visco si era presentato in audizione nellacommissione parlamentare di inchiesta sulle banche con un lungo testo scritto. La usuale difesa d’ufficio dell’operato della vigilanza di via Nazionale, messa nel mirino dal Pd renziano al momento della decisione sulla sua conferma al vertice. L’attesa però era per le domande dei commissari riguardo ai colloqui tra la sottosegretaria e allora ministra delle Riforme Maria Elena Boschi e il vicedirettore generale della Banca d’Italia Fabio Panetta. E Visco, nelle sue risposte al presidente della Commissione Pier Ferdinando Casini, non solo ha confermato quegli incontri ma ha anche tirato in ballo l’ex premier Matteo Renzi. Nessuna “insistenza” del governo, ha badato a precisare. Certo è che il premier e la ministra che era il suo braccio desto cercarono più volte di intavolare con i vertici di Palazzo Koch discussioni sulla banca di cui il padre della Boschi era vicepresidente. Lei lo fece anche mentre gli ispettori di via Nazionale ne stavano esaminando i conti.

I tre incontri con Renzi e la “preoccupazione per il settore dell’oro” – Secondo il governatore, con il segretario Pd ci furono tre incontri il primo dei quali subito dopo il suo insediamento a Palazzo Chigi, nel febbraio 2014. Ne seguirono altri due a marzo e aprile. Durante il terzo meeting “erano presenti Padoan e Delrio. Renzi mi espresse preoccupazione sul settore dell’oro dell’aretino”. Esattamente l’inquietudine che la Boschi aveva espresso poco tempo prima a Giuseppe Vegas, stando a quanto riferito dal numero uno della Consob uscente davanti alla stessa commissione la scorsa settimana. “Pensavo fosse una battuta”, è il commento di Visco, “gli orafi (vicentini, ndr) che vogliono prendersi Arezzo, e come tale risposi”. “Mi è sembrata una curiosità, più che una richiesta di valutazione”, ha precisato poi. Peraltro “le banche del territorio così come quelle di sistema non mi piacciono” e “su Etruria il mio livello di attenzione era modesto, era molto alto per quel che riguarda la vigilanza, ma non è che fui colpito particolarmente quando ebbi un incontro con il presidente del Consiglio a Palazzo Chigi. Delrio e Padoan erano entrambi presenti”.

.

00:00
06:14

“Legittimo interesse su questioni che riguardavano il territorio” – “Parlammo di economia italiana, economia mondiale”. Poi la domanda sull’Etruria, accolta con freddezza dal governatore, stando al suo racconto. E non è finita: “In un’altra occasione Renzi mi chiese di parlare delle banche in difficoltà e io risposi che delle banche in difficoltà io parlo solo col ministro. Io non ho mai parlato delle attività di vigilanza se con con il ministro dell’Economia”. Quanto agli incontri tra Panetta la ministra il cui padre era vicepresidente dell’Etruria, avvennero “tra la fine del 2014 e l’inizio del 2015, novembre e gennaio”, cioè durante la seconda ispezione di Bankitalia, la versione di Visco è che non ci furono esplicite pressioni sul vice direttore generale. “Pressioni dalla Boschi su Etruria? No. C’era un legittimo interessedell’allora ministro su una questione che interessava il territorio. Ne parlò con Panetta, ma lui non disse nulla perché non si parlava delle questioni della Vigilanza, che sono riservate”. Anche dalla Boschi “venne espresso dispiacere e preoccupazione sulle ripercussioni che l’acquisizione della banca poteva avere sul territorio”. La Boschi, ha aggiunto poi Visco, “ha chiarito esplicitamente di non voler trattare atti o decisioni e in particolare la sanzione che aveva colpito il padre, ma preoccupazione per l’economia della provincia la cui situazione avrebbe potuto aggravare la crisi del territorio”. Non effettuò alcuna “sollecitazione in favore della banca Etruria né chiese informazioni riservate”. Anzi, “la ministra ha chiarito esplicitamente di non voler trattare atti o decisioni relativi a Etruria e in particolare di non aver nulla da recriminare sulla sanzioneche suo padre ha ricevuto”.

00:00
04:18

di Manolo LanaroGli incontri nonostante Padoan non avesse autorizzato altri a occuparsi di banche – Certo è che l’allora ministro per i rapporti con il Parlamento e braccio destro di Renzi bussò più volte alla porta di un membro del direttorio di Palazzo Koch nonostante, come sottolineato ieri dallo stesso Pier Carlo Padoan, il titolare dell’Economia non avesse mai “autorizzato altri ministri” a occuparsi di banche. A Pasqua 2014 la ministra, secondo Vincenzo Consoli, partecipò da spettatore all’incontro tra l’ex numero uno di Veneto banca e Pier Luigi Boschi nella casa di famiglia di quest’ultimo a Laterina, summit di cui Il Fatto Quotidiano aveva dato notizia per primo lo scorso maggio. Obiettivo, studiare contromosse alla richiesta di Bankitalia che chiedeva a entrambe l’aggregazione con un partner di “elevato standing” indicandolo poi in Popolare Vicenza. Su questo punto, Visco ha detto che uno dei suoi rimpianti è “aver considerato Vicenza non straordinaria o la migliore delle popolari, ma in grado di fare acquisti di banche più piccole con attenzione”. Il 12 febbraio 2015 l’istituto aretino sarebbe poi stato commissariato su proposta di via Nazionale e nel novembre dello stesso anno risolto” dal governo con un decreto che anticipava in parte l’entrata in vigore del bail in azzerando il valore di azioni e obbligazioni subordinate.

Le responsabilità di Bankitalia e le porte girevoli con i vigilati – “La Banca d’Italia è stata accusata di avere evidenti e gravi responsabilità nella gestione e perfino nella genesi” delle crisi, aveva esordito il numero uno di via Nazionale. “Non avrebbe operato per rilevare per tempo i problemi che potevano minare la stabilità di alcuni intermediari, non avrebbe agito con tempestività per riparare i danni, avrebbe gestito male le crisi accrescendone i costi per i risparmiatori e per lo Stato, non sarebbe intervenuta con la necessaria imparzialità. Non è così. La Vigilanza è tenuta al rispetto della legge, che osserva scrupolosamente. Non può intervenire sulla base di ipotesi non supportate da fatti accertati e da evidenze robuste. Se lo facesse, compirebbe atti di arbitrio ingiustificati, perseguibili per legge”. Quanto al problema delle “porte girevoli” tra Bankitalia e i vigilati, Visco si è limitato a dire che “l’onestà e l’integrità del personale della Banca d’Italia non sono mai venute meno” visto che “non risulta vi sia mai stato un ispettore che nell’esercizio della propria funzione si sia reso colpevole di omessa vigilanza, o sia stato condannato per corruzione o concussione“. Poi ha però ammesso che solo dal 2015 “per i componenti degli organi di vertice e per i dirigenti della Banca d’Italia cui sono attribuiti compiti di vigilanza o supervisione la legge vieta di intrattenere, nei due anni successivi alla cessazione dal servizio, rapporti di collaborazione, consulenza o impiego con i soggetti regolati o vigilati”.

GUARDA TUTTI I VIDEO CLICCANDO IL LINK SOTTO RIPORTATO

Sorgente: Visco svela l’ossessione di Renzi e Boschi per Etruria: “Lui mi chiese notizie, non risposi. Di banche parlo con Padoan” – Il Fatto Quotidiano

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense