Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Nomine: Cdm indica Nava alla Consob, Buscema per presidenza Corte Conti e Nistri a guida Carabinieri – Il Sole 24 ORE

 

Mario Nava al vertice della Consob, Giovanni Nistri alla guida dei Carabinieri, Salvatore Farina nuovo Capo di Stato maggiore dell’Esercito e Angelo Buscema presidente della Corte dei Conti. Sono queste le nomine effettuate dall’Esecutivo in occasione del consiglio dei ministri che si è svolto nel tardo pomeriggio. Buscema è l’attuale presidente delle sezioni riunite della Corte. La nomina di Nava, attuale responsabile della direzione generale Mercato interno e servizi della Commissione europea, dovrà passare al vaglio delle commissioni parlamentari per un parere non vincolante. Il Consiglio dei ministri ha anche avviato la procedura per la nomina di Paolo Ciocca a componente della Consob. L’incarico di Nistri, dal 2014 al 2016 è stato direttore generale del Grande progetto Pompei, sarà a decorrere dal 16 gennaio e per la durata di un triennio.

Ok aggiornamento fabbisogni standard
Il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’Economia, ha approvato, in esame definitivo, il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri che aggiorna, a metodologia invariata, i fabbisogni standard delle Province e delle città metropolitane delle Regioni a statuto ordinario per il 2018 e determina i coefficienti di riparto dei fabbisogni standard per ciascuna Provincia e città metropolitana per il 2018 relativi alle seguenti funzioni fondamentali: programmazione provinciale e metropolitana della rete scolastica, costruzione e gestione delle strade, pianificazione territoriale, tutela e valorizzazione dell’ambiente, pianificazione dei servizi di trasporto, autorizzazione e controllo in materia di trasposto privato, raccolta ed elaborazione dei dati, nonché assistenza tecnico-amministrativa agli enti locali.

Agricoltura: via dal Cdm a due decreti su gestione dei rischi e piante officinali
Sono stati approvati due decreti legislativi che, su proposta del ministro Maurizio Martina, introducono, rispettivamente, disposizioni relative alla gestione dei rischi in agricoltura e nuove norme in materia di coltivazione, raccolta e prima trasformazione delle piante officinali. Lo annuncia, in una nota, il ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali.

In particolare, il primo decreto prevede la revisione della normativa esistente per favorire lo sviluppo di strumenti assicurativi innovativi a copertura dei danni alle produzioni, alle strutture e ai beni strumentali delle aziende agricole; la disciplina dei fondi di mutualità per la copertura dei danni da avversità atmosferiche, epizoozie, fitopatie e per la tutela del reddito degli agricoltori nonché per compensare gli agricoltori che subiscono danni causati da fauna selvatica. Infine, si interviene per rilanciare gli strumenti di gestione del rischio, integrando le misure finanziate nel quadro della nuova programmazione europea 2014-2020.

Via libera in via preliminare alla riforma dell’ordinamento penitenziario
Il Cdm ha approvato in via preliminare lo schema di decreto legislativo di riforma dell’ordinamento penitenziario elaborato dal ministro della Giustizia Andrea Orlando. Tra i principi alla base del provvedimento – si legge in una nota del ministero – quello di «ridurre il ricorso al carcere in favore di soluzioni che, senza indebolire la sicurezza della collettività, riportano al centro del sistema la finalità rieducativa della pena indicata dall’art. 27 della Costituzione; razionalizzare le attività degli uffici preposti alla gestione del settore penitenziario, restituendo efficienza al sistema, riducendo i tempi procedimentali e risparmiando sui costi; diminuire il sovraffollamento, sia assegnando formalmente la priorità del sistema penitenziario italiano alle misure alternative al carcere, sia potenziando il trattamento del detenuto e il suo reinserimento sociale in modo da arginare il fenomeno della recidiva; valorizzare il ruolo della Polizia Penitenziaria, ampliando lo spettro delle sue competenze».

Via libera al contratto di servizio Rai
Il Consiglio dei ministri ha deliberato in via definitiva lo schema di Contratto nazionale di servizio tra il Ministero dello sviluppo economico e la RAI-Radiotelevisione italiana S.p.a. per il periodo 2018-2022.

Leonardo: Cdm non esercita golden power per gara in Usa
Infine il Cdm ha deliberato di non esercitare i poteri speciali e di consentire il decorso dei termini temporali in relazione al procedimento concernente la partecipazione della Leonardo alla gara indetta dalla United States Air Force (Usaf) per l’acquisto di elicotteri, in esito alla quale potrà prevedersi la concessione, alla società Boeing e alla Usaf, della licenza d’uso di dati tecnici relativi ad uno specifico modello di elicottero.

Sorgente: Nomine: Cdm indica Nava alla Consob, Buscema per presidenza Corte Conti e Nistri a guida Carabinieri – Il Sole 24 ORE

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense