Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Istat, nelle grandi citta’ vita piu’ cara di 500 euro al mese – Cronaca – ANSA.it

Un nucleo familiare su tre è composto da una sola persona. Tra gli italiani c’è meno voglia di politica

Un Paese in fase di passaggio, dove tanti punti fermi vengono meno: la famiglia è fatta da single, la politica annoia, le scuole diventano multi-etniche. Ma alcuni tratti sembrano ormai consolidati: il lavoro è un miraggio, siamo sempre più vecchi e le nascite diminuiscono. E ancora, la crisi è ormai acqua passata se si tratta di mettere mano al portafoglio per andare al ristorante e viaggiare. Ci preoccupa invece il clima e le sue improvvisate. Ecco l’Italia che esce fuori dalle mille statistiche dell’Istat, che come ogni fine dicembre compone un mosaico, l’Annuario, in cui i numeri dei conti pubblici incontrano quelli della demografia.

MAMME TARDI, NONNE A LUNGO. ITALIA PIU’ VECCHIA. Nel 2016 non si sono riempite neppure mezzo milione di culle, oltre dodicimila in meno rispetto all’anno prima. Al calo delle nascite si accompagna il posticipo della gravidanza, rimandata sempre più in età avanzata. Intanto riprende a correre la speranza di vita, si campa più a lungo: 80,6 anni gli uomini e 85,1 le donne. E’ così che l’Italia resta uno dei paesi più vecchi al mondo, con 165,3 persone con 65 anni e più ogni cento con meno di 15 anni. In Europa non abbiamo rivali. Ormai abbiamo superato anche i tedeschi.
UN ESERCITO DI SENZA LAVORO. SALARI AI MINIMI STORICINel Paese 6,4 milioni di persone condividono un sogno: trovare un giorno un posto. Per quanto si tratti di un numero in calo del 3,5% a confronto con il 2015 resta un macigno. Un area grigia, di disagio, che aggiunge ai disoccupati ufficiali le forze lavoro potenziali. Si uniscono così in un solo “bacino” quanti cercano attivamente un impiego a coloro che pur desiderando un’occupazione non risultano a caccia, perché scoraggiati, o non sono immediatamente disponibili. Guardando a chi un lavoro ce l’ha, i problemi non mancano, tanto che le retribuzioni contrattuali hanno toccato un nuovo minimo storico.
LA POLITICA ANNOIA MENTRE I MUSEI FANNO IL PIENO. Seggi sempre più vuoti, e sempre meno voglia di partecipare, di informarsi e di parlare di politica. Nel Paese continua a crescere la disaffezione verso la cosa pubblica. Al crollo del voto si affianca un disinteressamento anche nei confronti dei talk show. E alla fine non è neppure più un argomento: il 32,8% non ne parla mai. Gli italiani hanno invece riscoperto i musei, che solo nel 2016 hanno fatto registrare oltre 45 milioni e mezzo di presenze.
SI SPENDE PER PIZZA E HOTEL. VENEZIA E DOLOMITI, LE METE Gli italiani hanno riaperto i cordoni della borsa, almeno per dormire e mangiare fuori.Sono tornano ai livelli pre-crisi le spese per servizi ricettivi e di ristorazione (+4,8%, da 122,39 a 128,25 euro). Per queste voci di spesa è stato quindi recuperato il terreno perso negli ultimi cinque anni. E per chi viaggia il Nord Est si conferma la meta preferita. Segno che la laguna di Venezia e le Dolomiti fanno ancora colpo.
SCUOLE MULTI-ETNICHE, UN ALUNNO SU DIECI E’ STRANIERO Tra i bambini e i ragazzi delle scuole elementari e medie, quindi del primo ciclo di istruzione, il 10,1% viene dall’estero. Gli alunni stranieri compensano almeno in parte il calo degli studenti. Nell’anno 2015-2016 si è infatti registrato una diminuzione degli iscritti nelle scuole di ogni ordine e grado: se ne contano 8.807.146, oltre 62 mila in meno rispetto all’anno precedente.
VIVERE IN CITTA’ COSTA, COSI’ SI RESTA A CASA DEI GENITORI Vivere nelle grandi città ha il suo prezzo, precisamente 491 euro in più al mese rispetto alle famiglie che risiedono nei comuni medio-piccoli. A pesare sui bilanci di chi sceglie la metropoli è spesso la casa: l’affitto. Questo spiega, almeno in parte, il fenomeno dei ‘Mamma’s boy’. Soltanto un terzo dei figli di età compresa tra 18 e 34 anni lascia la famiglia di origine.
FAMIGLIA? ‘POLVERIZZATA’, UNA SU TRE E’ FATTA DA SINGLE. Prima o poi si resta soli, per scelta o meno. Dopo un divorzio, o una volta che si è nonni. Di sicuro accade sempre più spesso. In Italia aumentano le famiglie composte da una sola persona, che sono passate da 20,5 % di vent’anni fa al 31,6%. Intanto le famiglie che vedono peggiorare le loro condizioni rispetto al 2015 sono quelle con 3 o più figli minori (da 18,3% al 26,8%).
MENO OMICIDI MA TANTE TRUFFE WEB. TORNA AFFOLLAMENTO CARCERI Riprende a crescere il numero dei detenuti nelle carceri italiane: nel 2016 erano 54.653, il 4,8% in più rispetto all’anno precedente. E sale anche l’indice di saturazione. Il 68,1% degli istituti è in condizione di sovraffollamento e nell’8,4% delle strutture vi sono almeno tre persone dove dovrebbero essercene due. Nel frattempo calano i delitti, soprattutto omicidi, furti e rapine, ma aumentano le estorsioni e le truffe via internet.
TERREMOTI COME NON MAI, MA A ITALIANI PREOCCUPA INQUINAMENTO Il 2016 è stato l’anno nero per l’attività sismica, che ha fatto segnare l’intensità maggiore degli ultimi trent’anni, ma sono l’inquinamento dell’aria, i cambiamenti climatici e la produzione dei rifiuti i problemi che suscitato maggiore preoccupazione.

 

Sorgente: Istat, nelle grandi citta’ vita piu’ cara di 500 euro al mese – Cronaca – ANSA.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing