Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Franco Piperno · Il caso Grasso : la pericolosa miscela tra giustizia e politica. | Oreste Scalzone & complici

Così il presidente del senato, già procuratore a Palermo e poi procuratore nazionale antimafia, è divenuto il leader di un nuovo partito della vecchia sinistra. Si conclude in questo modo, per il momento almeno, la traiettoria di un magistrato astuto dalle aule dei tribunali a quelle della politica.
Il ceto politico persiste nell’affidare un ruolo di supplenza al potere giudiziario, con la conseguenza inevitabile di ridurre alcune delle questioni etico-politiche in problemi d’ordine pubblico.
Bisogna riconoscere che questa pulsione autoritaria non è certo di oggi : fin dall’inizio, intendo dalla unificazione del nostro paese, a fronte della impotenza egemonica del nuovo ceto politico, compare la tentazione di governare usando la violenza della legge — si pensi alla legge Pica, varata già nei primi anni sessanta del XIX secolo,per stroncare, tramite bersaglieri e giudici, le insorgenze nel Mezzogiorno d’Italia.
V’è come un filo nero che corre lungo tutta la nostra storia e l’imbratta, dalla legge Pica appunto qualche decennio oltre metà Ottocento, alle leggi speciali di Cossiga-Pecchioli un pò più di un secolo dopo, dal prefetto Mori al generale Dalla Chiesa.
E’ avvenuto che compiti e funzioni che tradizionalmente, nelle democrazie rappresentative, vengono affidati al potere legislativo ed a quello esecutivo, in Italia finiscono con l’essere monopolizzate dal potere giudiziario — così, mentre la magistratura invade la politica, la politica penetra all’interno della magistratura. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti : riassunte al meglio, nei loro aspetti da Commedia dei Pupi, da quella indolenza aggressiva di Ingroia, siciliano, procuratore a Palermo e poi fondatore di un partito improbabile.

Sorgente: Franco Piperno · Il caso Grasso : la pericolosa miscela tra giustizia e politica. | Oreste Scalzone & complici

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *