Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

CONSIP, I CARABINIERI SCAFARTO E SESSA SOSPESI DAL SERVIZIO PER DEPISTAGGIO  Ricerca di Facebook

Nuove accuse per Alessandro Sessa e Gianpaolo Scafarto, il colonnello e il maggiore dei carabinieri indagati nell’ambito dell’inchiesta Consip. Entrambi sono stati sospesi dal servizio per un anno a seguito di un’interdittiva nata da nuove contestazioni di depistaggio. Sono accusati dalla procura di Roma di aver volontariamente distrutto documenti, su whatsapp, per eliminare prove utili agli inquirenti.

La richiesta di interdittiva avanzata dalla procura di Roma è stata accolta dal gip Gaspare Sturzo che ha ritenuto doloso il comportamento dei due. Secondo le accuse, Sessa avrebbe chiesto aiuto a Scafarto per eliminare il backup automatico dell’applicazione Whatsapp, usata dai due per scambiare informazioni sull’inchiesta. Il tutto avvenne quanto Scafarto era già indagato e il suo smartphone era già stato sequestrato dagli inquirenti. Scafarto reinstallò l’applicazione sullo smartphone del suo superiore dopo aver distrutto messaggi e documenti indispensabili all’indagine sulla fuga di notizie che ha coinvolto esponenti di spicco dell’Arma. Secondo il gip il comportamento dei due fu deliberatamente volto alla distruzione di prove. Per questo entrambi sono stati sospesi dal servizio per un anno, come chiesto dal procuratore aggiunto Paolo Ielo e dal pm Mario Palazzi, responsabili del fascicolo.- Il Fatto Quotidiano

Sorgente: Ricerca di Facebook

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense