Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

«Aggrediti da un gruppo di ventenni senza alcun motivo» | Il Mattino

«Adesso vi picchiamo». Quelle parole rimbombano ancora nella testa del 15enne ricoverato nel reparto di chirurgia d’urgenza dell’ospedale Cardarelli. Sull’addome c’è un grande cerotto che copre i segni dell’operazione e il respiro è affaticato ma i ricordi della serata da incubo, trascorsa sabato, sono chiari e lucidi. «Siamo stati aggrediti da almeno 15 persone, senza motivo – racconta il giovane con un filo di voce – non avevamo fatto nulla e stavamo per andare a mangiare un panino come accade ogni sabato». Accanto al suo letto, Luciana, la mamma, ha gli occhi lucidi dalla rabbia e dal dolore perché «non è possibile aspettare che un figlio faccia ritorno a casa dice – e ritrovarsi in ospedale, pregando che possa continuare a vivere».

Luigi, nome di fantasia per tutelare il minore, è il primogenito di 4 figli. Il padre fa l’artigiano, la mamma è casalinga, lui studia all’istituto alberghiero «Vittorio Veneto» di Scampia e vive a Piscinola dove frequenta da anni sempre la stessa comitiva di coetanei, quella con cui si trovava sabato sera. «Un gruppo di ragazzi che dimostravano tutti tra i 20 e i 25 anni ci ha fermati in via Merliani – spiega Luigi – chiedendoci di dove eravamo». A quel punto il 15enne risponde «Siamo di Piscinola» e prontamente, dal folto gruppo dei ragazzi più grandi, uno gli urla «ve ne dovete andare». Passano pochi secondi tra la risposta dei ragazzini e l’aggressione alla comitiva dei 5 minorenni, di cui uno solo riesce a fuggire. «Gli ho risposto che ce ne andavamo e ci siamo girati per allontanarci continua il 15enne loro ci hanno tirati per i giubbini e ci hanno detto che ci avrebbero picchiati, cominciando a colpirci tutti con calci e pugni». In una manciata di istanti, Luigi viene sbattuto con violenza contro una saracinesca e si rannicchia a terra cercando di parare i colpi che gli scaricano addosso almeno 5 persone. La vista gli si annebbia e nella confusione sente le urla degli amici ma nessuno interviene per aiutarli. «Erano le 22 e c’erano molti ragazzi in giro ma nessuno si è messo in mezzo per darci una mano – solo quando gli aggressori si sono allontanati, alcune persone ci hanno aiutato a rialzarci, accompagnandoci alla metropolitana».

I ragazzini, ritornano in metrò e Luigi telefona a casa dicendo ai genitori di prenderlo alla fermata di Piscinola ma, per non allarmarli, dice che non si sente bene. Nel vagone sono in 4 perché l’amico riuscito a sfuggire al raid, non riescono più a contattarlo. I compagni di Luigi, seppure doloranti e con evidenti segni di ecchimosi in volto, fanno meno fatica di lui a camminare. Il 15enne ha un dolore fitto all’addome, si piega dal dolore ma resiste fino a casa dove anche i genitori immaginano abbia qualche costola rotta. Lo strato di vestiti ed il cappotto di Luigi, non mostrano il sangue delle ferite e solo in ospedale i medici scopriranno che il 15enne ha ricevuto 3 coltellate che gli hanno procurato aria nel cavo pleurico, necessitando l’intervento chirurgico.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO  cliccando il link sotto riportato

Sorgente: «Aggrediti da un gruppo di ventenni senza alcun motivo» | Il Mattino

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing