Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

L’inquinamento luminoso continua ad aumentare – Le Scienze

foto – Aprile 2016: l’Italia di notte ripresa dalla Stazione spaziale internazionale (ESA/NASA)

lescienze.it – L’inquinamento luminoso continua ad aumentare. Dal 2012 al 2016 l’inquinamento luminoso globale è aumentato del due per cento all’anno. I potenziali risparmi energetici dovuti alla transizione all’illuminazione a LED, che avrebbe potuto ridurre la portata del fenomeno, si sono invece tradotti in una proliferazione dei punti luce  – (red)

Nel giro di soli quattro anni, dal 2012 al 2016, la superficie terrestre illuminata continuativamente durante la notte è crescita del 2,2 per cento all’anno, e la radianza, ossia il flusso di radiazione luminosa per unità di area, è aumentata dell’1,8 percento all’anno.

Accecati dalla luce, ovvero la scomparsa della Via Lattea

Le conseguenze ecologiche dell’illuminazione notturna

A stabilirlo è uno studio di ricercatori dell’Helmholtz-Zentrum per la geofisica a Potsdam, in Germania, in collaborazione con altri centri internazionali, che illustrano i loro risultati su “Science Advances”

L’inquinamento luminoso cancella la notte

LED a luce bianca: possibili problemi per la salute

Luce artificiale, tutti i rischi per la salute

L’inquinamento luminoso globale continua a crescere a ritmo sostenuto a dispetto delle campagne per contrastarlo e malgrado la diffusione sempre più massiccia dell’illuminazione a LED, favorita dal maggiore risparmio energetico all’illuminazione a incandescenza: “Le lampade a LED ben progettate – spiega Christopher Kyba, primo autore dello studio – permettono una riduzione di due terzi o più dell’emissione luminosa senza alcun effetto significativo per la percezione umana.”

L'inquinamento luminoso continua ad aumentare
Mappa dei cambiamenti nell’illuminazione per paese. A sinistra i tassi di variazione relativi alla superficie illuminata e, a destra, quelli relativi alla radianza. (Cortesia C.C.M. Kyba et al./ Nature)

Tuttavia, dal 2012 al 2016, la crescita della luce notturna dal 2012 al 2016 ha quasi uguagliato l’aumento del prodotto interno lordo globale. Secondo i ricercatori, questo indica che il potenziale risparmio di questo tipo di illuminazione non si è tradotto in un minore consumo energetico, ma al contrario in un aumento dei punti luce e della loro potenza.

Solo in pochissimi paesi si è osservata una diminuzione della superficie illuminata e della radianza, e in alcuni di questi (come Yemen e Siria) il fenomeno è legato allo stato di guerra in cui si trovano. In Sud America, Africa e Asia c’è stata invece una crescita elevata di entrambi i valori, con l’eccezione della Cina, dove si registra un moderato aumento delle aree illuminate ma una stabilità della radianza complessiva.

Incerte nazioni, inoltre, fra cui alcune tra le più illuminate al mondo, come Stati Uniti, Paesi Bassi, Spagna e Italia, superficie e radianza sono rimaste stabili.

Ma i pochi elementi positivi – avvertono i ricercatori – vanno presi con cautela perché i dati usati nello studio derivano dalle osservazioni fatte dallo strumento VIIRS (Visible/Infrared Imager Radiometer Suite) a bordo del satellite Suomi NPP, i cui sensori sono sensibili solo alle lunghezze d’onda comprese fra i 500 e 900 nanometri, e quindi non rileva la luce blu.

Le lampade LED però emettono nella banda del blu una percentuale di radiazione più elevata rispetto alle lampade a incandescenza, che hanno una luce tipicamente più calda. La situazione quindi potrebbe essere più problematica di quanto sembri.

I ricercatori sottolineano infine che l’inquinamento notturno non è solo un problema “estetico” o che abbia importanza solo per gli astronomi. Da un punto di vista evolutivo – osservano – la luce artificiale notturna è un nuovo fattore di stress che influenza e minaccia il 30 per cento dei vertebrati notturni e oltre il 60 per cento degli invertebrati notturni, ma può influire anche sulle piante e perfino sui microrganismi.

Sorgente: L’inquinamento luminoso continua ad aumentare – Le Scienze

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.