Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Ema, Milano perde al sorteggio, l’agenzia va ad Amsterdam – Repubblica.it

La procedura per la scelta della sede dell’Agenzia europea del farmaco si chiude con una beffa per la candidata italiana. Dopo il pareggio tra le due città al terzo turno delle votazioni ha deciso il caso

Milano perde l’Ema, l’agenzia europea del farmaco, al sorteggio. La beffa arriva poco prima delle 18.15, dopo che anche la terza votazione non è riuscita a incoronare un vincitore nella sfida per la prestigiosa agenzia. La città italiana e Amsterdam, infatti, avevano ottenuto lo stesso numero di voti, 13, e quindi, come previsto dai regolamenti, ci si è affidati al caso. E alla fine è uscita vincitrice la capitale dei Paesi Bassi. Non ci sarebbe stato bisogno delle due buste utilizzate per il sorteggio se i votanti fossero stati 27 ma c’è stata un’astensione, forse da parte della Slovacchia, che con Bratislava era considerata uno dei candidati più forti prima dell’inizio delle votazioni.

Milano era arrivata in testa alla votazione finale. Aveva infatti superato il secondo turno con 12 voti, davanti ai 9 di Amsterdam e ai 5 di Copenhagen, che è stata eliminata. Alla prima tornata di votazioni Milano era sempre prima con 25 voti contro i 20 delle due città nord europee.

Con il nostro impegno  supera il primo round di votazioni per . Lavoriamo, con grande fiducia, per il secondo turno. 

Dopo l’occasione sfumata, il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni ha detto: “Abbiamo deciso lo stesso di fare un commento nonostante la delusione. C’è anche la consapevolezza di aver fatto tutto quello che potevamo fare per avere un dossier competitivo. Dopodiché e andata come è andata. Dispiace molto eravamo pronti. Detto questo prendiamo atto. Ringrazio Beppe Sala, gli operatori e il mondo delle imprese, il governo che so quanto si è impegnato”.

Dopo mesi di attesa e di intense campagne promozionali, oggi era arrivato il momento della verità: i ministri per gli affari europei dei 27 Paesi Ue (tutti tranne la Gran Bretagna) dovevano decidere in quale città, tra le 19 che si sono candidate, dovrà traslocare l’Ema, l’agenzia europea del farmaco,costretta a lasciare Londra a causa della Brexit. Alla vigilia delle votazioni – che sono partite alle 16.30 a scrutinio segreto – la principale insidia per la candidatura di Milano era rappresentata da Bratislava, che però sorprendentemente non è passata al secondo turno.

In mattinata, dopo Malta e Zagabria, anche Dublino aveva ritirato la propria candidatura dalla corsa. Il ministro irlandese Simon Coveney entrando al consiglio Affari generali dove oggi si voterà per l’assegnazione dell’agenzia, ha affermato: resta “forte la nostra attenzione” per ottenere l’Autorità bancaria europea (Eba)

Alla procedura per l’Italia ha partecipato il sottosegretario agli affari europei Sandro Gozi. Tutte le votazioni sono state anonime e segrete e le schede cartacee, al termine, saranno distrutte. Dopo la scelta della nuova sede dell’Ema toccherà alla votazione dell’Eba, l’Autorità bancaria europea (che non potrà andare all’Olanda). Al primo turno, ciascun Paese rappresentato intorno al tavolo aveva sei punti da distribuire: 3 per la sede ritenuta più adatta, 2 per la seconda scelta e uno per la terza.

Sorgente: Ema, Milano perde al sorteggio, l’agenzia va ad Amsterdam – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense