Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Attacco a New York, il furgone noleggiato che diventa un’arma. È la tattica della propaganda Isis

Attacco da manuale: schema simile a Nizza e Barcellona

di Guido Olimpio

Quello di Manhattan è un attacco «da manuale» e d’emulazione. Un gesto che, in base alle prime informazioni, l’Fbi tratta come un gesto terroristico, anche se si esaminano tutte le ipotesi. La tattica è la stessa di episodi noti, dalla Francia alla Spagna, da Stoccolma a Berlino. Le indagini, nelle prossime ore, daranno altre risposte ad un’azione che torna a provocare vittime a New York dopo l’11 settembre 2001. L’autore sarebbe un giovane d’origine uzbeca, 29enne, arrivato negli Usa nel 2010, residente in Florida e con piccoli precedenti per infrazioni stradali. Ma siamo soltanto al primissimo gradino dell’inchiesta.

In NYC, looks like another attack by a very sick and deranged person. Law enforcement is following this closely. NOT IN THE U.S.A.!

We must not allow ISIS to return, or enter, our country after defeating them in the Middle East and elsewhere. Enough!

Il marchio dello Stato Islamico

La polizia non ha dubbi sulla mossa deliberata, l’uomo alla guida del camioncino ha scelto il target ideale — una pista ciclabile — e poi ha travolto chi ha trovato sul suo percorso, causando la strage. Questa era la sua intenzione, purtroppo è riuscito nella sua missione. Un metodo diventato il marchio dello Stato Islamico, un modus operandi copiato da estremisti xenofobi e fuori di testa. Il rischio dell’imitazione è altissimo. La propaganda jihadista, da al Qaeda in poi, ha suggerito la tecnica in quanto è facile da attuare, riduce al minimo il rischio di essere scoperti.

Una «guida» particolareggiata all’azione

In apparenza il killer ha noleggiato il camioncino. Di nuovo i terroristi nelle loro istruzioni lanciate via web (due anni fa) hanno incoraggiato i seguaci in Occidente ad affittare i mezzi per questo tipo di attentati, indicandone i modelli, le caratteristiche, il peso. Una «guida» particolareggiata all’azione che l’assassino sembra aver seguito con attenzione. Così aveva fatto Mohamed Bouhlel, il responsabile del massacro sulla Promenade di Nizza. Personaggio laido, senza apparenti legami con organizzazioni politiche o religiose, si è tramutato in distruttore. Prima di lui c’erano stati i palestinesi e un canadese a impiegare un veicolo.

Pistola spara-chiodi

Secondo le informazioni — non complete — il criminale, dopo aver investito le persone, è uscito impugnando due pistole: una spara-chiodi e una seconda ad aria compressa (i suoi proiettili macchiano soltanto). Forse voleva provocare la reazione degli agenti e morire sotto il loro fuoco. Oppure cercava di aumentare il panico? Dobbiamo ricordare che questo non rappresenta una novità. Sempre a Nizza il franco-tunisino, oltre a un’arma vera, aveva delle copie di fucili all’interno dell’abitacolo. Un aspetto mai chiarito. L’attentatore al mercatino di Natale di Berlino, invece, possedeva una pistola reale pur di piccolo calibro.

Dal revolver al coltello da cucina

In base alle indicazioni diffuse sulla rivista dello Stato Islamico, Rumiyah, chi conduce un assalto «veicolare» dovrebbe poi finire la missione aggredendo i superstiti con altri strumenti d’offesa. Dal revolver al coltello da cucina. E questo è avvenuto, in Ohio e a Londra, per stare a due esempi. Sottolineature per ribadire come le informazioni tra gli estremisti (d’ogni colore) corrano veloci senza bisogno che qualcuno le porti: c’è il web a fare da corriere. E la vocazione a colpire può crescere per bilanciare le sconfitte militari in Medio Oriente.

Sorgente: Corriere della Sera

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.