Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

​Manovra, verso bonus bebè per sempre ma è ‘light’ – Rai News

Dura solo per il primo anno del bimbo e dal 2019 è dimezzatoTweet Dl fisco, attesa questione fiducia per mercoledì mattina Manovra, arriva fondo da 60 milioni per chi assiste in casa un familiare malato grave28 novembre 2017A poche ore dall’esame in Aula al Senato del Bilancio – è fissato per mercoledì 29 novembre alle ore 9:30 – si procede in Commissione bilancio all’esame degli emendamenti.Bonus bebèIl bonus bebè sarà per sempre ma l’assegno per i nuovi nati sarà più leggero. Secondo quanto prevede l’ultima versione dell’emendamento alla manovra su cui manca però ancora il via libera definitivo, il bonus varrà per il primo anno di età del bambino o per il primo dopo l’adozione (e non più per tre anni). Per il 2018 saranno corrisposti alle famiglie 80 euro al mese, fino a 960 euro nel caso di nati a gennaio, mentre dal 2019 in poi l’assegno sarà di 40 euro al mese, per un massimo di 480 euro l’anno. Resta la soglia Isee per accedere al beneficio pari a 25.000 euro. La misura è contenuta in un emendamento al ddl bilancio riformulato e depositato dai relatori in commissione Bilancio al Senato, e in questo modo viene resa strutturale. La proposta di modifica, si legge nel testo, costa 165 milioni il primo anno, 195 milioni nel 2019 e 228,5 milioni a partire dal 2020. Fondo per vittime danni bancheUn altro emendamento alla legge di bilancio depositato in Commissione consentirebbe la nascita di un ‘Fondo di ristoro finanziario’ con una dotazione di 25 milioni all’anno per il 2018 e 2019 a favore “dei risparmiatori che hanno subito un danno ingiusto, non altrimenti risarcito o indennizzato, in violazione degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza e trasparenza” previsti dal Testo unico bancario. In base all’emendamento il Mef dovrà emanare entro 120 giorni dall’entrata in vigore della manovra un apposito decreto attuativo.Taglio super ticket per categorie di soggetti vulnerabiliLa Commissione Bilancio del Senato ha approvato il taglio strutturale del superticket regionale da 10 euro sia sulle ricette che sulle diagnostica per i soggetti vulnerabili, ovvero redditi bassi, anziani e minori. Lo prevede una riformulazione dell’emendamento alla manovra, a prima firma Luciano Uras (Campo progressista), approvato dalla commissione Bilancio del Senato, che istituisce un fondo da 60 milioni di euro annui, a partire dal 2018, per agevolare l’accesso alle prestazioni sanitarie a “specifiche categorie di soggetti vulnerabili”. Con soggetti vulnerabili, spiega il senatore Uras (Cp), si fa riferimento alle vulnerabilità sociali, legate al reddito, e anche quelle legate a patologie o a soggetti vulnerabili come i minori e gli anziani. Zanoni, relatore ddl: scelte strategicheIl Senato ha fatto delle ”scelte strategiche e fortemente condivise”. Il ddl bilancio uscirà da palazzo Madama con il bonus bebé che ”funziona e funzionerà anche negli anni successivi” e ”faremo il super ticket”. Lo afferma il relatore alla manovra, Magda Zanoni, parlando a margine dei lavori della commissione Bilancio. ”I senatori -spiega l’esponente del Pd- hanno deciso di utilizzare la possibilità di manovra che avevano su temi importanti”. Tra le novità inserite al Senato il relatore ricorda i 20 milioni che andranno per il caregiver famigliare, l’istituzione del fondo per gli orfani di femminicidio, il pacchetto di misure per i comuni. Inoltre, annuncia Zanoni, ”copriremo la partita degli Afam, gli istituti d’alta formazione musicale”.

Sorgente: ​Manovra, verso bonus bebè per sempre ma è ‘light’ – Rai News

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing