Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

LE IMPRONTE SCURE DELLE ELEZIONI TEDESCHE – Isidoros Karderinis

Di Isidoros Karderinis

Le elezioni tedesche del 24 settembre 2017, a causa della particolare forza politica, finanziaria e storica del paese, erano senza dubbio al centro dell’ interesse internazionale e europeo. I risultati sono stati segnati dalla vittoria dell’ Unione Cristiana CDU / CSU, sotto la direzione del cancelliere Angela Merkel, anche con un minore percentuale, -33%, mentre nelle elezioni federali del 2013 ha ottenuto il 41, 5% -, la contrazione – nel 20,5% dal 25,7% nel 2013 – del Partito Socialdemocratico (SPD) di Martin Schulz, ma anche dall’ ingresso nel Parlamento federale del partito AfD,  del più pericoloso partito di destra estrema in Europa, a causa della dimensione della Germania e ai drammatici eventi storici che hanno segnato indelebile il corso del XX secolo.

I tedeschi – è più che evidente – sono grati al cancelliere Merkel per il loro benessere, per il loro elevato standard di vita rispetto a quello di altre popolazioni europee, per la lotta efficace contro la disoccupazione (il tasso di disoccupazione è a livelli storicamente bassi, solo il 3,9% della forza lavoro) e naturalmente per le eccedenze di bilancio. Quindi, per tutte queste ragioni, le hanno dato un quarto mandato nella Cancelleria, cosa che è riuscito solo da Konrad Adenauer, il riformatore della Germania del dopoguerra e Helmut Kohl, padre della riunificazione della Germania.

D’altra parte, la vittoria della cancelliere Merkel e la formazione di un governo con potenziali partner – qualunque cosa sia – implica ovviamente la prosecuzione della politica di estrema austerità e della fedele attuazione delle regole “sacre” della disciplina di bilancio, in quanto serve la Germania in modo molto visibile. Tuttavia, l’attuazione di questa politica da anni, ha già aggravato e sovraccaricato i paesi dell’Europa meridionale e in particolare la Grecia e perciò, lungo la strada, porterà, con precisione matematica, all’intero progetto europeo un grave rischio di crollo.

Allo stesso tempo, l’alto percentuale storicamente elevato – il 12,6% – dell’ AFD xenofobo e anti-immigrato di destra estrema, che per la prima volta ha raggiunto non solo l’entrata nel Bundestag ma anche diventare il terzo partito più grande in tutta la Germania e la seconda più grande negli Stati federali orientali, è una impronta particolarmente oscura delle elezioni tedesche e migliora notevolmente i populisti di destra e gli estremisti di tutto il continente. È la prima volta dopo la seconda guerra mondiale e il crollo del regime nazista nel 1945 che si verifica una cosa del genere, un fatto che indubbiamente costituisce una pietra miliare negativa nella storia tedesca.

A questo punto va sottolineato che alle elezioni del settembre 2013, il partito “Alternative for Germania” (AfD), nato nello stesso anno dalla reazione di una parte dei tedeschi nei confronti dei paesi dell’Europa meridionale, ha Il 4,7% dei voti e non è entrato nel Parlamento. Tuttavia, con la sua entrata in Bundestag, i membri estremamente diritti e xenofobici di AfD, per molte persone considerate erediti autentici del nazista, sono tenuti a esercitare una forte pressione sul cancelliere Merkel per cambiare il volto democratico liberale che ha mostrato sull’ immigrazione, terrorismo e questioni di sicurezza, ad esempio la politica delle frontiere aperte che hanno portato all’entrata di molti rifugiati e migranti in Germania nel settembre 2015. Naturalmente questa politica non è motivata dai sentimenti filantropici, ma si basa sull’interesse della Germania, come ogni anno il Paese ha bisogno di mezzo milione di immigrati per continuare la sua esistenza come potenza economica e per sostenere efficacemente il proprio sistema sociale.

La dichiarazione fatta dal co-presidente della AfD Frauke Petry durante un discorso a Stoccarda, dove ha confrontato una società che incorpora i migranti in un “mucchio di composti”, il suo approccio alla sorveglianza del confine da parte delle guardie tedesche che spareranno qualsiasi rifugiato o immigrato tentando di passare illegalmente, ma anche l’affermazione dell’altro co-presidente di AfD Alexander Gauland pochi giorni prima dell’Euro 2016 per quanto riguarda il grande giocatore nero tedesco del Ghana di Bayern e del tedesco Nazionale di calcio Jerome Boateng, – “la gente considera lui un buon giocatore, ma non lo vogliono come loro prossimo “- indicano nel modo più chiaro che questa parte ha ereditato le tradizioni deforme dei battaglioni di assalto del Partito dei Lavoratori Tedeschi Nazionalsocialisti di Adolf Hitler nel decennio del 1930 , per quanto riguarda la razza ariana.

Qual è la ragione però del frenetico aumento di questa formazione politica razzista che vuole, tra l’altro, cambiare l’atteggiamento della Germania per fermare la manifestazione di rimorso per gli orribili crimini nazisti? Sicuramente una causa fondamentale è la crisi dei rifugiati e delle migrazioni che oggi ha assunto proporzioni gigantesche e che sovrapponga i paesi europei e, naturalmente, la Germania. Su questo fondamento dei flussi di rifugiati e di migrazione in corso, invece di costruire dal mondo sviluppato di una politica democratica e progressista per gli immigrati e i refugiati  che dimostra compassione e solidarietà, crescono i fiori spezzati del male e le politiche inumane e fasciste e la retorica dell’ odio trionfano contro persone perseguitate e sfortunate che hanno fuggito le loro case sotto le circostanze più tragiche cercando luce lontana dall’orribile, mortale oscurità della guerra e dalla povertà estrema e la speranza di un futuro migliore e più pacifico.

Inoltre, un altro importante motivo per il rapido aumento del partito della destra estrema AFD è il pieno uso – dai funzionari di questa formazione politica-degli incidenti terroristici islamici e degli eventi criminali che li connettono all’ grande ingresso di profughi e immigrati da islamici paesi. Così, durante il periodo elettorale, non hanno mancato di ricordare il massacro nel mercato di Natale a Berlino e gli attacchi sessuali contro le giovani donne tedesche degli immigrati arabi nel nuovo anno 2016 a Colonia.

Infine, il seme delle opinioni estreme e xenofobiche è molto meglio incubato come il nuovo “uovo di serpente” nelle società prosperose del Nord

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *