Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

il manifesto del 01.10.2017 e i primi articoli online

 

 

 

 

 

 

Tensione alle stelle in Spagna. La Catalogna oggi al voto per il «non referendum». Il governo Rajoy invia i militari a Barcellona e blocca il voto on line: sigillato il Centro elettronico. Ma i secessionisti aprono i seggi nelle scuole occupate. La destra nazionalista in piazza contro la consultazione

EUROPA

«La Repubblica catalana» celebra il non referendum

Luca Tancredi Barone

Seggi chiusi, voto elettronico bloccato, scuole ancora occupate. In piazza anche la destra nazionalista contro la secessione

«Con il ricorso contro la Statuto catalano il Pp ha ucciso la costituzione»

Luca Tancredi Barone

«Non abbiamo commesso illegalità; il governo centrale sì, con la sua repressione che ha fatto saltare lo stato di diritto. Noi abbiamo solo tradotto la volontà cittadina in un processo istituzionale»

«L’indipendenza non si dichiara, sono gli altri a riconoscerla»

Luca Tancredi Barone

«La Generalitat sta infrangendo tutte le leggi. È legittimo volerle cambiare, ma senza scorciatoie come fa l’indipendentismo»

La domenica normale dei colomensi: «Non è la nostra battaglia»

Lorenzo Pirovano

Nessuna «estelada» a Santa Coloma, presso Barcellona, dove sono in molti a non avere origini catalane e pochissimi andranno a votare

EDITORIALE

Catalogna, dove saremo domani?

Ramon Luque

5STELLE

Luigi «Smart» Di Maio contro i sindacati: il futuro è una start-up

Roberto Ciccarelli

Susanna Camusso (Cgil): «Stiamo tornando all’analfabetismo della Costituzione. Parla di cose che non conosce con un linguaggio autoritario e insopportabile. Non sa come è fatto un sindacato, non sa che non è un’organizzazione statuale di cui decidi le modalità organizzative, è una libera associazione». Il candidato ha profetizzato l’arrivo di una «Smart Nation» con il Movimento 5 Stelle a Palazzo Chigi. «Internet – ha detto il candidato premier – è la più grande fabbrica di posti di lavoro al mondo». Di «posti di lavoro» ce ne sono in realtà pochi, molti di più sono i precari della «gig-economy», l’economia dei «lavoretti»

POLITICA

Pisapia: non farò una lista di sinistra

red. pol.

COMMENTI

Rosatellum, l’incostituzionale mito del capo

Gianni Ferrara

ITALIA

La marcia No G7 nella Torino che paga la crisi

Maurizio Pagliassotti

Il vertice concluso con i buoni propositi. Scontri tra manifestanti e polizia: lancio di petardi e lacrimogeni. Il corteo di 8 chilometri ha attraversato le periferie della città

LE 100 PIAZZE DELLA CGIL

Cento piazze e «un’invettiva», la Cgil per la libertà delle donne

Rachele Gonnelli

Susanna Camusso spiega: Le parole sono armi contro le donne, spesso le narrazioni di stupri e femminicidi sono tossiche, vogliono ricacciarci indietro, ma non passerà

ITALIA

Il Gip: l’accusa delle due ragazze ai carabinieri è «estremamente verosimile»

redazione

Per il Giudice delle indagini preliminari non c’è alcuna «macchinazione» da parte delle due studentesse statunitensi di 19 e 21 anni

Al Trullo, dove gli squadristi vanno a caccia di immigrati

Giuliano Santoro

Mille in corteo, vietato, per ricordare Walter Rossi

Rachele Gonnelli

Il militante di Lotta continua ucciso a colpi di pistola nel ’77 dai fascisti di Roma Nord

INTERNAZIONALE

Il Giro rosa ignora il conflitto e prende il via da Gerusalemme

Michele Giorgio

La prestigiosa corsa a tappe nel 2018 avrà inizio nella Città Santa nonostante le proteste palestinesi. Successo politico e diplomatico enorme per Israele.

EUROPA

Yom Kippur con marcia neonazista a Göteborg

Camilla Martini

Movimento di resistenza nordica in piazza e contromanifestazione negli stessi giorni in cui va in scena alla Fiera del libro la polemica per lo spazio dedicato all’ultradestra. Le preoccupazioni della comunità ebraica, sotto attacco nel “Giorno dell’Espiazione”

INTERNAZIONALE

Dopo due uragani anche Trump si abbatte su Porto Rico

Marina Catucci

La sindaca di San Juan: «Qui stiamo morendo». Tweet di risposta del presidente Usa: «Sei scarsa»

Vignetta

IL DISCORSO AL LABOUR

«La sinistra deve fare una vera rivoluzione morale»

Naomi Klein

Nel discorso al Labour la cura dei lavoratori, del pianeta e delle persone deve far parte dello stesso programma. Perché oggi è impossibile separare una crisi dall’altra: caos climatico, colonialismo, élite dedite alla rapina e democrazia disfunzionale si sono tutte fuse insieme, come un mostro a più teste. I millennial non sopportano le false promesse. Sanders, Podemos e Corbyn dimostrano che partiti e movimenti devono allearsi

CULTURA

La carica nucleare degli animali mutanti

Andrea Capocci

Parla il biologo Timothy Mousseau, esperto di evoluzione genetica e impatto sull’ecosistema di catastrofi come quelle di Chernobyl e Fukushima. «La capacità di adattarsi a un livello di radiazioni elevato, di cui spesso si parla nei racconti più rassicuranti, è in realtà limitata a poche specie»

INTERVISTA A DENIS VILLENEUVE

Denis Villeneuve, nell’universo noir dei replicanti

Luca Celada

Il regista racconta «Blade Runner 2049», il suo sequel del film di Scott, ovvero come affrontare un mito.

Vignetta

ALIAS DOMENICA

Robert Darnton, indagine sull’illecito

Francesco Benigno

Lo storico americano affronta «I censori all’opera» (Adelphi) guardando non tanto alla contesa tra creatività e repressione quanto al tono di fondo e agli idiomi di ogni sistema culturale

Travagli nella parabola della Rivoluzione

Stefano Garzonio

Una prospettiva, quella dello storico inglese Stephen A. Smith, che mentre descrive «Un impero in crisi 1890-1928» estende gli effetti dei «dieci giorni che sconvolsero il mondo» fino alle attuali tensioni nazionaliste

Notizie da un Io smisurato quanto i suoi debiti

Valentina Parisi

Estraneo alla introspezione psicologica, il carteggio dello scrittore russo denuncia l’odiato «buon senso» borghese, le «vili» impellenze economiche, la nostalgia della Russia vista dai viaggi in Occidente

Il viaggio di un testo dalla mente alla messa in pagina

Corrado Bologna

Venti saggi di importanza strategica per leggere in una dimensione nuova la vicenda millenaria della nostra civiltà letteraria: «Letteratura italiana: una storia attraverso la scrittura», da Carocci

Whitman, Foglie democratiche e queer

Caterina Ricciardi

Mario Corona affronta la complessa costruzione «in progress» del poema «Foglie d’erba», mostrando l’identità simpatetica di uomo-poeta-corpo- testo e di America-anima-cosmo-lettore

Draghi e giganti, un volto trendy per il Classico

Carlo Franco

Giorgio Ieranò ripercorre, soprattutto sulle orme di Kerényi e di Dodds, l’irrazionale della cultura greca

Roussel: con le macchine inverosimili ipnotizzò Breton e Duchamp

Pasquale Di Palmo

Una congerie di invenzioni linguistiche e automi affollano le pagine di Raymond Roussel, l’irregolare che i surrealisti consideravano un loro apripista (ma in lui non c’è mai l’intento dissacratorio). Ora le giovani Edizioni Grenelle di Potenza ripropongono uno dei suoi strampalati romanzi: «Locus Solus»

Carrai, l’evidenza toccante delle cose

Cecilia Bello Minciacchi

Istanbul, la Ferrara ebraica, Genova, Firenze, Viareggio con le sue nostalgie, e Saba Montale Sereni: Stefano Carrai, «La traversata del Gobi», da Aragno

Pasolini, il morto vivente come artista visivo

Andrea Cortellessa

Annovi legge l’opera di Pier Paolo Pasolini in chiave integralmente manierista, con una nuova esplosione di significati. Pervasività della presenza fisica nell’opera e passione per l’«originario»: la sintesi fra questi due estremi al centro delle sue analisi testuali

Eisenstein, vita e mondo convergono sul Messico

Dario Cecchi

Secondo le curatrici Marie Rebecchi e Elena Vogman, l’antropologia visiva di Sergei Eisenstein ha il suo culmine in «Que viva Mexico!», il film incompiuto del 1931-’32

 

Sorgente: il manifesto del 01.10.2017 – il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *