Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Catalogna, Rajoy assume la presidenza. Rimosso anche comandante dei Mossos, Trapero – Rai News

Il permier spagnolo ha delegato alla sua vicepremier Soraya Saenz de Santamaria le funzioni e le competenze che erano di Puigdemont. Da oggi, dunque, a capo della Generalitat c’è la mediatica “dama de hierro”, come è conosciuta in Spagna. Puigdemont rifiuta intanto la destituzione e chiede “opposizione democratica all’art. 155”. Lunedì potrebbe essere arrestato per “ribellione”  Puigdemont dopo la dichiarazione d’indipendenza: “Passo lungamente atteso” Catalogna, il Parlament approva l’indipendenza. Rajoy: “Atto criminale, lo Stato reagirà” Catalogna, Puidgemont non convoca elezioni anticipate “perché non ci sono garanzie da Madrid” Rajoy: riportare la normalità in Catalogna Catalogna, dal referendum all’indipendenza: le tappe di una crisi istituzionale senza precedenti
28 ottobre 2017
All’indomani della dichiarazione unilaterale di indipendenza della Catalogna, il governo centrale di Madrid stringe la morsa con il commissariamento delle principali cariche della regione. Dando applicazione alla revoca dell’autonomia prevista dall’articolo 155 della Costituzione, il premier spagnolo Mariano Rajoy ha assunto la presidenza della Catalogna, delegando l’incarico alla sua vice, la combattiva Soraya Saenz de Santamaria, conosciuta anche come “la dama de hierro”.Il Boletin Oficial del Estado, la gazzetta ufficiale iberica, ha pubblicato le misure adottate del governo centrale. Non ci sarà alcuna comunicazione ufficiale. Sciolto anche il ‘Parlament’ catalano, visto che Rajoy ha convocato venerdì le elezioni anticipate per il 21 dicembre. “La dama de hierro” a capo della Generalitat C’è dunque lei, da oggi, al vertice della Catalogna: avrà le competenze di presidente e vicepresidente della Generalitat. Nata a Valladolid, una laurea in legge che le ha permesso di insegnare diritto amministrativo, Saenz de Santamaria è avvocato dello Stato (come il marito, dal quale ha avuto un figlio, Ivan, 6 anni). Discreta quanto ambiziosa, da oltre 15 anni è a fianco di Rajoy. Soraya gli è stata accanto passo passo anche nella battaglia per ridurre alla ragione i ‘ribelli’ catalani. Considerata la donna più potente di Spagna (controlla anche i servizi di intelligence), è il volto più conosciuto di un governo che certo non è popolare, molto più mediatica di Rajoy, che non brilla per capacità retorica. Se la sfida catalana non le taglierà le ali, è di certo destinata a un futuro luminoso. Destituito anche Trapero, il capo dei Mossos Il governo spagnolo ha destituito anche il maggiore Josep Luis Trapero, il capo dei Mossos d’Esquadra, la polizia catalana. Questa decisione, che non era stata annunciata venerdiì, è stata firmata dal ministro dell’Interno, Juan Ignacio Zoido. Il testo sulla gazzetta ufficiale sottolinea la necessità di “garantire il funzionamento dell’amministrazione della Generalitat di Catalogna e dei suoi organismi”. La Catalogna si è quindi svegliata sotto il diretto controllo di Madrid. Venerdì sera, a Barcellona e in altre città catalane migliaia di persone avevano festeggiato la dichiarazione di indipendenza, non riconosciuta da Madrid ma neppure dalla comunità internazionale: migliaia di persone riunite a piazza Sant Jaume dove si trovano il Palau de la Generalitat e gli uffici del presidente, Carles Puigdemont. C’è stata anche una marcia unionista, poche centinaia di persone: ma un gruppo di circa 200 ultras, hanno infranto i cristalli a Catalunya Radio e aggredito tre persone, una delle quali aveva gridato al loro indirizzo ‘Llibertat”. Oggi è attesa una manifestazione del fronte unionista a Madrid. Intanto a Barcellona si riuniscono i partiti (PDECat, che fa capo Puigdemont) ed Erc, per analizzare la situazione. Puigdemont rifiuta la destituzione e chiede “opposizione democratica all’art.155” Il presidente della Catalogna destituito da Madrid, Carles Puigdemont, in un breve intervento registrato, ha evitato di esprimere chiaramente la sua posizione rispetto alle misure del governo spagnolo, ma si è limitato a rivendicare una “opposizione democratica” all’applicazione dell’articolo 155. Nel messaggio registrato questa mattina da Girona, dove risiede, Puigdemont ha ribadito che “l’articolo 155 è un attacco contro la volontà dei catalani” e ha chiesto al suo popolo di “essere pazienti, perseveranti e di avere speranza”, rifiutando ogni forma di violenza. Ha inoltre chiesto loro di difendere la dichiarazione di indipendenza adottata nel Parlamento e di farlo con civiltà, attraverso una “opposizione democratica all’applicazione dell’articolo 155” della Costituzione. Il presidente ha dunque rifiutato di accettare la destituzione, ribadendo la sua volontà di andare avanti, continuando a difendere l’indipendenza della Catalogna. Media:possibile arresto Puigdemont da lunedì Il possibile arresto del presidente della Catalogna Carles Puigdemont per ordine della giustizia spagnola potrebbe scattare da lunedì, riferisce il quotidiano catalano Ara. La procura dello Stato spagnolo infatti presenterà lunedì contro di lui e contro il Govern catalano una denuncia davanti al tribunale supremo per sedizione e ribellione e chiederà misure cautelari. La dichiarazione d’indipendenza L’indipendenza è passata con 70 voti a favore e 10 contrari (due le schede bianche). Sono mancati i voti dell’opposizione unionista, che ha abbandonato l’aula prima dell’inizio dello scrutinio segreto. Questa la risoluzione approvata. Il Parlament decide di: – “costituire la Repubblica catalana, come Stato indipendente e sovrano di diritto democratico e sociale, – disporre l’entrata in vigore della legge di transizione giuridica e di fondazione della Repubblica, – iniziare il processo costituente, democratico di base e cittadino, trasversale, partecipativo e vincolante, – affermare la volontà di aprire negoziati con lo stato spagnolo, senza precondizioni, per stabilire un regime di collaborazione a beneficio delle due parti. I negoziati dovranno essere necessariamente su base di parità, – Porre a conoscenza della comunità internazionale e delle autorità dell’Unione Europea la costituzione della Repubblica catalana e la proposta di negoziato con lo stato spagnolo”. – See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Catalogna-Rajoy-assume-la-presidenza-Rimosso-anche-comandante-dei-Mossos-Trapero-d086b571-b26c-4072-a9e0-4efcbfe7a9b6.html

Sorgente: Catalogna, Rajoy assume la presidenza. Rimosso anche comandante dei Mossos, Trapero – Rai News

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing