Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Tracce di armi chimiche sui corpi a Malatya – UIKI ONLUS

 

l dirigente della sezione di IHD di Malatya Mehmet Tuncel ha affermato che i corpi portati all’Istituto di Medicina Forense di Malatya hanno tracce di armi chimiche su di loro e i corpi sono stati seppelliti dopo essere stati conservati in un deposito per diversi giorni. Ci sono circa 25 corpi che attendono all’Istituto di Medicina Forense di Malatya, dove abitualmente vengono inviati i combattenti delle YPS e del PKK che hanno perso la vita negli scontri in varie date.

Il dirigente della sezione di Malatya di IHD (Associazione dei Diritti Umani) Mehmet Tuncel ha dichiarato che anche le pratiche nei confronti dei corpi, dei familiari e della ONG
con lo stato di emergenza sono cambiate. Tuncel ha affermato che i familiari detengono tracce di armi chimiche sui corpi e che essi sono stati seppelliti in 2-3 giorni. Ha aggiunto inoltre che prima dello stato di emergenza, le autorità avevano condiviso informazioni su ogni corpi che era giunto con le ONG, ma adesso non sanno quanti corpi ci sono, o che in quali condizioni siano.
Tuncel ha affermato che erano abituati ad unirsi alle visite dei corpi, ma che adesso solo le famiglie sono ammesse all’interno, e solo attraverso infinito ostacoli.

Tracce chimiche sui corpi

Tuncel ha parlato degli appelli fatti da IHD da parte delle famiglie che si sono recate per ricevere i corpi e ha affermato che nei corpi più recenti ci sono tracce di armi chimiche e che sono stati bruciati oltre il riconoscimento. Tuncel ha affermato che i corpi delle persone uccise nei bombardamenti a volte sono sono molto difficili, in alcuni casi persino impossibili, da riconoscere e ha aggiunto: ” I corpi impossibili da riconoscere, sono riconosciuti solo dopo il test del DNA. Gli ultimi corpi si trovano normalmente in questa condizione. Quando le famiglie vedono i corpi, sono normalmente bruciati o a pezzi. Nel vedere i corpi alcune famiglie sospettano l’utilizzo di armi chimiche. Non possono dimostrarlo, a il loro sospetto è che siamo state utilizzate armi chimiche.

Alcune famiglie si sono rivolte a noi con questo sospetto”.

Le famiglie hanno cercato i loro ragazzi per mesi

Tuncel ha affermato che molte famiglie non sono in grado di riconoscere i loro ragazzi e cercano di identificare i corpi attraverso il test del DNA, ma sono perseguitati in quanto questo processo dura diversi mesi. Ha aggiunto: ” Non possiamo vedere i corpi di persona. Le famiglie possono solo ricevere i corpi solo dopo molte costrizioni. Ad alcune famiglie è stato detto che i corpi erano stati portati altrove. Ci sono famiglie che sono venute diverse volte, solo per venire a conoscenza successivamente che i corpi erano stati mandati altrove. Non abbiamo ancora ricevuto rapporti forensi. Alcune famiglie che hanno fatto appello attraverso i loro avvocati affermano che on hanno ricevuto i rapporti forensi.”

Sepolti in 2-3 giorni

Tuncel ha dichiarato che un altra pratica contro i corpi è che essi vengono sepolti entro 2-3 giorni e ha proseguito: “In passato i corpi venivano portati all’obitorio. Ma adesso vengono seppelliti dopo due o tre giorni. Quando le famiglie si trovano numerose davanti all’obitorio , la polizia crea problemi e interviene. Non permettono alla gente di andare in gruppi numerosi.” Tuncel ha dichiarato che come difensori dei diritti umani credono che le famiglie che mantenute in attesa per un lungo periodo davanti all’istituto di medicina forense sia tortura., e ha sottolineato che la cura necessaria dovrebbe essere assunta così che i corpi vengano identificati il più presto possibile e restituiti alle famiglie.

Sorgente: Tracce di armi chimiche sui corpi a Malatya – UIKI ONLUS

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *